Dedicato ai professionisti:

Top 10: i prodotti italiani che vanno forte all’estero

Immagine di anteprima per: Top 10: i prodotti italiani che vanno forte all’estero

«In Italia, sotto i Borgia, per trent'anni, hanno avuto assassinii, guerre, terrore e massacri, ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e che cos'hanno prodotto? Gli orologi a cucù.» Con tutto il rispetto per i nostri vicini svizzeri e per la loro indubbia capacità di esportare prodotti d’eccellenza (basti pensare agli orologi, non certamente soltanto quelli a cucù), la battuta del Terzo uomo di Orson Welles si può applicare anche a diverse aziende italiane: nonostante una congiuntura economica non delle più facili, esistono prodotti italiani richiesti in tutto il mondo, presenti nelle vetrine e nei supermercati di New York e Shanghai, Mosca e Città del Capo. Il motivo? Semplice: qualità e tradizione. A diversificare le eccellenze italiane dal resto del mercato, in effetti, è la qualità delle materie prime (e delle loro lavorazioni) e la tradizione che, oggi come allora, ci consente di esportare in tutto il mondo un vero e proprio modello. Cibo e moda costituiscono il binomio vincente, senza dimenticare il design e gli elettrodomestici e le eccellenze dell'artigianato. Ci siamo divertiti a stilare una classifica dei prodotti italiani che vanno forte all’estero, ecco la nostra top 10.

1. Nutella
«Nutella è buona» dicevano i bambini di tutto il mondo in una storica pubblicità di fine anni Settanta. A quanto pare lo pensano ancora, dato che le cifre riportate nell’ultimo rapporto Ocse dicono che ogni anno la Ferrero produce 350mila tonnellate della sua crema al gianduia con cacao e nocciole.

2. Luxottica
Ray-Ban, Oakley e Persol sono solo tre dei marchi di proprietà del colosso italiano degli occhiali, il più grande produttore al mondo di lenti e montature, quotato anche a Wall Street.

3. Gucci
Fondata a Firenze nel 1921, la casa italiana è oggi una multinazionale con gusti ben radicati nella tradizione del nostro Paese e centinaia di negozi in tutto il mondo.

4. Armani
Abiti, accessori, occhiali, orologi, gioielli, cosmetici, profumi, mobili e complementi d'arredo: la firma di Re Giorgio è una garanzia per i consumatori dei cinque continenti.

5. Barilla
Il cibo italiano per eccellenza finisce tutti i giorni su tavole che distano migliaia di chilometri dall’Italia, e molto spesso ha il marchio dell’azienda fondata a Parma nel 1877.

6. Moncler
Fondata in Francia negli anni Cinquanta ma italiana dal 1992, la casa del galletto esporta oggi in tutto il mondo ed è quotata alla borsa di Milano.

7. Bulgari
Fondata in Italia nel 1884, l’azienda fa oggi parte del gruppo LVMH e opera nei settori della gioielleria, dell'orologeria, della profumeria, della pelletteria e, last but not least, dell'industria alberghiera.

8. Prada
Altro marchio saldamente italiano, l’azienda di Miuccia Prada e del marito Patrizio Bertelli è stata fondata 105 anni orsono dai fratelli Mario e Martino Prada, che aprirono il loro negozio di borse e accessori da viaggio nella galleria Vittorio Emanuele di Milano

9. De’ Longhi
Climatizzazione e prodotti per la cottura, elettrodomestici e macchine da caffè nel business dell’azienda di Treviso che esporta in tutto il mondo ed è quotata alla borsa di Milano.

10. Lavazza
Dulcis in fundo, chiudiamo la nostra top 10 con il caffè italiano che ha incontrato i gusti dei consumatori esteri, grazie all’intuizione di Luigi Lavazza, che nel 1894 aprì una drogheria nel centro di Torino e produsse per primo una miscela di caffè, mentre i suoi concorrenti si limitavano a venderne un’unica varietà.

Lascia il tuo commento
Sei un professionista?

Su Fazland abbiamo più di 30.000 richieste ogni mese che aspettano il tuo preventivo

Registrati gratis
Potrebbero interessarti anche...