Sistemi di Allarme: Trend nel settore della sicurezza della casa

Immagine di anteprima per: Sistemi di Allarme: Trend nel settore della sicurezza della casa

Negli ultimi anni si è visto un costante aumento degli investimenti da parte degli italiani in sistemi di sicurezza moderni e all’avanguardia. Vediamo ora quali sono i trend nel settore della sicurezza della casa e scopriamo perche i nostri connazionali spendono sempre di più per installare dei sistemi di allarme.

furti nelle abitazioni

Guardando velocemente il grafico si può notare che dal 2010 il numero di effrazioni è aumentato vertiginosamente fino al picco del 2014 con più di 255 mila denuncie effettuate.

Sapere che questo dato è in costante aumento, tranne nel 2015, ha fatto aumentare l’insicurezza degli italiani, come definito dalla ricerca condotta da Ipsos, che per sopperire a questa situazione di angoscia, hanno aumentato gli investimenti in sistemi di sicurezza all’avanguardia.

Sempre secondo questa analisi, sentirsi sicuri nella propria abitazione si rivela oggi un argomento sentito, tanto da essere prioritario rispetto alle preoccupazioni sul proprio stato di salute e secondo solo rispetto alle ansie dovute alla crisi economica.

preferenze degli italiani

Di conseguenza i nostri connazionali si rivolgono più frequentemente a professionisti per riuscire a trovare la soluzione ottimale che soddisfi i loro bisogni di sicurezza.

Si va incontro a un nuovo trend, rendere una casa sicura a prova di ladro adottando sistemi antintrusione sempre più tecnologici per sentirsi davvero al sicuro.       

Cosa cercano gli Italiani

Le tradizionali porte blindate e le inferriate per finestre sono ormai passate di moda, infatti solo una piccola percentuale di soggetti si sente totalmente al sicuro con questi sistemi, i nostri connazionali sembrano orientarsi sempre più verso sistemi hi-tech, che siano facili da comandare, anche a distanza, ma soprattutto affidabili.

Per sistemi antintrusione all’avanguardia, capaci di garantire la sicurezza delle abitazioni, gli italiani sono disposti a spendere cifre importanti, anche più di 2000 euro. I sistemi d’allarme sono accolti positivamente dal 75% della popolazione.

I bisogni sono cambiati, infatti la parola d’ordine non è più convenienza, ma design, qualità e personalizzazione.

Dal rapporto redatto da Ipsos, si evince che i soggetti maggiormente disposti ad investire in sistemi d’allarme sono coloro che hanno già fatto un’acquisto in passato e che vogliono potenziare o sostituire il sistema di sicurezza in loro possesso. Sono un esempio quei soggetti che decidono di cambiare il proprio allarme con fili con un modello più avanzato a wireless.

Sistemi d’allarme attivi o passivi?

Per semplificare la nostra analisi ed evitare di creare confusione abbiamo pensato di raggruppare sotto la voce “sistemi passivi” le serrande, le inferriate e elementi blindati, ovvero tutti quegli elementi che non svolgono un ruolo attivo nel proteggere la casa, e “sistemi attivi” gli allarmi per la casa, poichè tramite l’emissione di suoni o tramite contatto diretto con il proprietario dell’abitazione, si ”impegnano” direttamente a proteggere l’edificio.

Noi di Fazland abbiamo condotto uno studio sulle richieste effettuate sul nostro portale per riportarvi degli esempi pratici. Analizzando le richieste effettuate dai clienti sulla nostra piattaforma, si nota come questi due sistemi di sicurezza abbiano un andamento differente, ma nel lungo periodo tendono a convergere.

I sistemi passivi, nonostante la loro capacità di proteggere un’abitazione sono considerati meno efficaci rispetto a quelli hi-tech, infatti questi ultimi stanno facendo dei veri e propri passi da gigante, offrendo caratteristiche di sicurezza ed estetiche molto apprezzate dal consumatore finale.

L’italiano medio sta diventando sempre più tecnologico, questo fa sì che riesca ad utilizzare anche dei sistemi d’allarme con un elevato contenuto tecnologico e gestirli senza alcuna difficoltà. Ciò giustifica la richiesta sempre maggiore di allarmi per la casa tecnologiamente all’avanguardia.

I nuovi sistemi sono anche apprezzati per il contenuto impatto che hanno sull’abitazione, non andando ad interferire con l’estetica della stessa.

richieste su Fazland

Ritornando all’analisi delle richieste possiamo vedere come quanto appena detto viene confermato, infatti le richieste di sistemi attivi sono aumentate costantemente, addirittura nei primi 7 mesi del 2016 sono superiori alle richieste del 2015, stessa cosa però non si può dire per i sistemi passivi, che nonostante in prospettiva possano comunque superare le richieste del 2015 avranno un’aumento più contenuto.

Tipologie di allarme

Le richieste dei clienti sono piuttosto eterogenee e variano in base al tipo di edificio che vogliono proteggere, ufficio o abitazione, e dall’impianto che vogliono installare.

La domanda che si pongono è qual’è il miglior antifurto per la casa? Quale soddisfa meglio il mio bisogno di sicurezza?

Un esempio è come le preferenze si siano spostate sull’antifurto wireless rispetto a quello collegato con fili, il primo, anche se non si discosta molto dal secondo a livello operativo, viene preferito poichè ritenuto più efficace ed affidabile. Presentiamo ora 2 sistemi antintrusione attivi, che grazie al loro sviluppo tecnologico, sono molto apprezzati dagli italiani

Allarme perimetrale: sistema molto richiesto per la sua capacità di proteggere internamente ed esternamente l’edificio sorvegliando tutti punti d’ingresso. Presenta una soluzione all’avanguardia come l’allarme con combinatore telefonico, che oggigiorno è ancora poco conosciuto ed installato dagli italiani. Nell’ultimo periodo però si presenta come un’attività di mercato apprezzata specialmente per la sua capacità di avvertire i numeri preselezionati al momento dell’installazione.

Allarme volumetrico: inizialmente poco considerato a causa della sua facile manomettibilità e l’elevato numero di falsi allarmi, viene rivalutato in seguito a modifiche tecnologiche che ne hanno aumentato la sicurezza. L’introduzione del sensore ad infrarosso è ciò che ha permesso di rivalutare questo sistema, infatti esso riconosce il calore del corpo umano.

preferenze di allarme

Allarme per la casa: una nuova opportunità di business

Da quando la percezione di insicurezza è aumentata, moltissimi italiani si rivolgono ad imprese o professionisti per farsi installare un nuovo allarme per la casa. Dal punto di vista lavorativo si tratta di una vera e propria opportunità.

Questo ha aumentato il volume d’affari del settore della sicurezza, portandolo ad avere un valore complessivo di più di 7,5 mld di euro nel 2014.

Considerando i primi tre anni di crescita del fenomeno di furti, dal 2010 al 2012, risulta molto interessante l’andamento delle attività inerenti al settore della sicurezza.

I produttori di sistemi d’allarme hanno visto crescere il loro fatturato di circa il 23%, ma ciò che sorprende di più è il notevole balzo fatto dai ricavi di coloro che commerciano gli antifurto al dettaglio, toccando la quota di +180% in un solo triennio.

Negli ultimi tempi il settore dei sistemi di sicurezza sta attraversando un periodo florido, la possibilità che offre è purtoppo limitata, se si vogliono avere risultati concreti è il momento di investire soldi e tempo su questo settore, afferra l’opportunità al volo. Fazland attraverso la sua piattaforma ti permette di vedere tutte le opportunità, riguardanti i sistemi d’allarme, della tua zona, permettendoti di decidere con che cliente entrare in contatto.

lampadina
Registra la tua azienda gratis
Fai crescere la tua azienda e trova nuovi clienti.
Lascia il tuo commento
Sei un professionista?

Su Fazland abbiamo più di 30.000 richieste ogni mese che aspettano il tuo preventivo

Registrati gratis
Potrebbero interessarti anche...
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto