10 regole per non impazzire durante un trasloco

Immagine di anteprima per: Trasloco (idee e consigli)

Cambiare casa è un momento di gioia ma, anche, un momento di vero e proprio stress: fare pacchi, chiamare una ditta di traslochi, organizzare il trasferimento, sono tutti elementi che creano stress e che richiedono molto tempo.

Grazie a queste 10 regole per non impazzire durante un trasloco, traslocare sarà più facile e divertente.

1. Organizzare il trasloco in anticipo

Prima di tutto vi consiglio di organizzare il trasloco molto tempo prima. Creare un piano per il trasloco, infatti, può essere utile per non perdere troppo tempo durante il riempimento e lo svuotamento degli scatoloni.

Per iniziare è importante trovare gli scatoloni. Potete andare nei negozi di elettrodomestici o in qualche centro commerciale e richiederli ai negozianti: li trovete di ogni misura possibile.

Ricordatevi di prendere sempre qualche scatolone in più di quelli che pensate potrebbero servirvi. In tal modo non rimarrete senza se uno degli altri si rompe o se gli oggetti impiegano più spazio di quello che credevate.

foto: Organizzazione del trasloco in anticipo

2. Scegliere l’agenzia giusta che renderà il vostro trasloco meno stressante

Una regola antistress molto importante riguarda la scelta della ditta per i traslochi.

Rivolgetevi ad una ditta affidabile che magari vi ha consigliato qualche amico. Richiedete sempre un sopralluogo degli addetti al trasloco sia nella casa in cui siete che nella casa in cui dovete portare gli scatoloni. Questo, infatti, sarà utile agli addetti per capire il numero di mezzi necessari per contenere i vostri mobili.

Inoltre, in tal modo, gli addetti potranno decidere se adoperare dei montacarichi o degli elevatori per sposatre i vostri mobili, evitando danni.

3. Buttare la roba inutilizzata ed etichettare gli scatoloni 

Il trasloco è anche una buona occasione per fare pulizia nella vostra casa ed eliminare molte cose inutili.

Spesso conservate abiti e cianfrusaglie vecchie che non utilizzate: in questa situazione la regola vuole che "quando un oggetto non si utilizza per più di due anni va sicuramente regalato o gettato". Così eviterete il caos nei ripostigli.

È importante, poi, ricordarsi di etichettare tutti gli scatoloni con una lettera o con un simbolo che richiama la stanza. Ad esempio, potete utilizzare la lettesa “s” per indicare gli scatoloni contenenti gli oggetti del salone.

In questo modo sarà più facile svuotare gli scatoloni una volta compiuto il trasloco.

4. Svuotare una stanza alla volta e riempire uno scatolone per volta

La quarta regola è sempre basata sull'organizzazione: cominciate con lo svuotare una stanza per volta. Come ultima stanza vi consiglio di lasciare la cucina: negli ultimi giorni prima del trasloco continuerete a cucinare e avrete bisogno di pentole e stoviglie.

Allo stesso modo, una volta arrivati nella nuova casa, cominciate a svuotare tutti gli scatoloni di una stanza per volta. In tal modo eviterete il caos.

5. Bambini e trasloco: un consiglio per non perdere la testa

Se avete bambini, il livello di stress per un trasloco aumenta notevolmente. Il consiglio è quello di coinvolgerli nei lavori e nelle operazioni di sistemazione per quanto possibile.

Ricordatevi, però, che è meglio allontanarli dalla fase di “svuotamento camera”. I bambini, infatti, percepiscono di più il caos e vedere i loro giochi in uno scatolone li rattristerà. In questo modo, inoltre, risparmierete molto più tempo. Un bambino che vede i suoi giocattoli in uno scatolone, non farà altro che prenderli e tirarli fuori tutti.

Anche per gli animali domestici valgono le stesse regole: questi sono molto territoriali e quindi, soprattutto cani e gatti, possono subire degli stress. In questo caso è buona regola limitare al minimo l'agitazione e portarli in altri luoghi durante il riempimento degli scatoloni e lo spostamento dei mobili.

Stessa cosa vale per piante e fiori, anche qui trasporto e trasferimento rappresentano un rischio che potete evitare con le dovute accortezze.

foto: bambini e trasloco: un consiglio per non perdere la testa

6. Evitare i graffi e limitare i danni al mobilio: consigli per il montaggio

Per non avere brutte sorprese, chiedete sempre alla ditta specializzata a cui avete affidato il trasloco di usare paraspigoli e imbottiture per i mobili e per le cose più delicate.

Prima di aggiudicare il lavoro ad una ditta, assicuratevi che si occupi anche del rimontaggio della cucina e dei mobili.

Ricordatevi, inoltre, di assicurarvi di avere il giusto spazio per i vostri mobili nella nuova casa.

7. Meglio scrivere tutto

Per non creare troppo caos e riuscire ad essere il meno stressati possibile, appuntate tutto su un foglio. Scrivete quali sono le cose da fare e quali sono le cose già fatte. In questo modo sarà più facile organizzare il trasloco e impiegherete meno tempo.

Munitevi sempre di nastro adesivo e taglierino. Saranno utili per imballare e sballare gli scatoloni.

foto: meglio scrivere tutto

8. La vostra presenza è sempre necessaria

Un altro aspetto fondamentale è la vostra presenza nel momento del trasloco. Il consiglio è quello di stare sempre molto attenti: il trasloco rappresenta uno stress per voi, ma è anche una giornata lavorativa dura per chi si appresta a farlo.

Può succedere che gli addetti commettano errori o dimentichino qualche scatolone, o parte di mobili, nella vecchia casa. Per evitare che ciò accada, è necessario essere presenti al momento dello smontaggio e del rimontaggio dei mobili.

9. Mettere le scatole in un posto sicuro

Un'altra regola fondamentale riguarda la sistemazione delle scatole prima del montaggio dei mobili. Per non avere caos nella nuova casa e non creare nuove fonti di stress, vi consiglio di riporre gli scatoloni in una stanza.

Tenere tutto in mezzo ad una stanza creerà maggiore confusione durante lo svuotamento degli scatoloni e il rimontaggio dei mobili.

Se avete usato il mio consiglio di identificare ogni scatolone con il nome o il simbolo di una stanza, invece, ora non vi resta che posizionare gli scatolotoni nelle stanze a cui sono destinati e cominciare a svuotarli.

10. Eliminare la spazzatura

Un altro problema è rappresentato sicuramente dell’eliminazione della spazzatura, ossia plastica, carta e cartone che si producono durante il trasloco.

Vi consiglio,quindi, di contattare una ditta che preleva i rifiuti e organizzarvi nel modo più adeguato e favorevole. Un’alternativa, se volete sbarazzarvi più in fretta del pattume, è scoprire dove si trova l'isola ecologica più vicina alla vostra nuova casa.

Grazie a queste 10 regole per non impazzire durante un trasloco, effettuare un trasloco sarà più facile e divertente. La parola d’ordine è: organizzazione!

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...