6 Rimedi per eliminare le blatte in casa vostra. Segui i nostri consigli!

Immagine di anteprima per: Come eliminare le blatte in casa

In estate e nei periodi caldi talvolta ci ritroviamo in casa degli esseri decisamente indesiderati: le blatte. Oltre ad essere insetti nauseanti, sono anche portatori di batteri e malattie perché solitamente vivono nelle fogne o in ambienti poco igienici. Questi nauseabondi animali amano il caldo, quindi è possibile vederli sgattaiolare nelle nostre case anche ad inizio autunno, quando vengono accesi i riscaldamenti.

Per combattere un nemico bisogna conoscerne bene usi ed abitudini, quindi è bene sapere che le blatte sono attratte anche da umido e sporco. Solitamente fuoriescono da crepe, fessure, scarichi e prese d’aria, muovendosi rapidamente in verticale ed orizzontale. E’ difficile vederle di giorno, in quanto preferiscono uscire di notte al buio.

Le blatte sono insetti molto prolifici e resistenti, ed i loro ambienti preferiti sono il bagno e la cucina, poiché qui trovano residui di cibo, umidità e calore. I loro nascondigli sono il frigo, il lavello, il forno ed i mobili. Dopo l’identikit di questi ripugnati animali, scopriamo nel dettaglio tutti i segreti su come eliminare le blatte in cucina.

1. Rimedi contro le blatte: chiudere fori, fessure e crepe

Come abbiamo detto le blatte solitamente se ne stanno rintanate di giorno, per poi uscire di notte da fori, crepe e fessure. Uno dei rimedi contro le blatte è quindi chiudere e bloccare tutte le possibili intercapedini da cui possono uscire questi ospiti indesiderati, che fanno capolino nella nostra casa senza invito.

Utilizzando stucco o silicone, provvedete a chiudere fessure, fori, crepe nei muri interne ed esterne e qualsiasi altra apertura da cui possono infilarsi le blatte. Controllate attentamente anche porte, finestre ed infissi, anche lì possono crearsi delle crepe o dei piccoli fori da cui fuoriescono gli insetti. Ricordatevi infine anche di sigillare le aperture intorno ai tubi d’acqua ed ai tubi di scarico in cucina. Sono ambienti umidi, terreno fertile quindi per la proliferazione delle blatte.

2. Eliminare le blatte in cucina, parola d’ordine: pulizia

Per eliminare le blatte in cucina ogni sforzo sarà vano se non curate la pulizia e l’igiene della vostra casa. Innanzitutto evitate cataste di scatoloni, di cartoni o di qualsiasi altro materiale negli sgabuzzini, nelle cantine, nelle terrazze, in generale in quegli ambienti poco vissuti durante la giornata. Di conseguenza, se avete un giardino, evitate di ammassare cataste di legno.

L’ambiente che necessita assolutamente della massima igiene e della massima pulizia è la cucina, evitate quindi di lasciare troppo a lungo posate e piatti sporchi nel lavello. Non lasciate molliche o residui di cibo sulla tavola, e spazzate dopo aver mangiato in modo da eliminare ogni traccia. Evitate anche spuntini nelle altre stanze, o se proprio non potete farne a meno, assicuratevi di non lasciare molliche o briciole nei dintorni.

Bisogna eliminare qualsiasi traccia di unto, un buon consiglio per eliminare le blatte in cucina è pulire le piastrelle, gli elettrodomestici, le superfici, i piani ed i pavimenti con acqua e aceto, un composto particolarmente odiato da questi nauseanti insetti. Chiudete sempre ermeticamente sacchetti di farina, cereali, legumi e qualsiasi altro prodotto, lasciate vuoti forni e microonde e riponete nel frigorifero gli avanzi dei cibi.

Pulite accuratamente anche gli spazi dietro al frigorifero, dietro al forno e tutti gli altri elettrodomestici. Lavate il pavimento circostante con candeggina, pulendo scrupolosamente il lavello ed il sottolavello, ricordando di buttare la spazzatura ogni giorno.

barattoli cucina

3. Rimedi contro le blatte: l’igiene nel bagno

Se è fondamentale la pulizia in cucina è altrettanto importante l’igiene nel bagno, altro paradiso per le blatte. Per prima cosa eliminate qualsiasi ristagno d’acqua e la formazione di possibili muffe sui muri.

Pulite costantemente le piastrelle, il vano della doccia ed il pavimento con acqua e aceto oppure acqua e alcol. Arieggiate continuamente la stanza, e non lasciate in giro biancheria, accappatoi o asciugamani bagnati ed umidi. Chiudete sempre il coperchio dell’asse del wc e cambiate le guarnizioni dei rubinetti che perdono.

Uno dei rimedi contro le blatte è versare della candeggina almeno una volta a settimana negli scarichi. Se mancate per qualche giorno da casa, o nei periodi particolarmente caldi, un buon consiglio è quello di mettere dei tappi nei lavandini, nei bidet o nella vasca.

4. Come eliminare le blatte in casa: rimedi naturali

La massima pulizia del bagno e della cucina, ma della casa in generale, è quindi il primo passo per eliminare le blatte in casa. Esistono poi numerosi rimedi naturali per tenere alla larga questi insetti dalla nostra casa. Come i vampiri le blatte odiano l’aglio, può risultare quindi molto efficace sparpagliare qualche spicchio negli angoli o nei luoghi dove solitamente vediamo passare questi insani ospiti.

Anche mettere delle piantine di aglio, di rosmarino o di tanaceto sulle finestre e sui davanzali è un ottimo rimedio contro le blatte. Questi insetti odiano anche l’alloro, procuratevene un po’ e mettete le foglie negli armadi, nei ripostigli e negli angoli più reconditi della casa.

Molto efficace è anche l’erba gatta, un ottimo repellente contro gli insetti e inoffensiva per gli umani. Evitatela però se avete gatti, in quanto per loro è un vero e proprio allucinogeno.

blatte

5. Trappole per le blatte

Ed infine, se volete sapere tutto su come eliminare le blatte in cucina, vi rivelo qualche trucchetto per estirpare il problema alla radice. Per attirare le blatte potete spalmare con dei fiammiferi un composto, fatto di acqua e farina, su foglie di lattuga.

Le blatte ne sono ghiotte e saranno sterminato dal fosforo. In alternativa si possono formare dei bocconcini velenosi, al “gusto” di gesso e zucchero impastati con l’acqua. Le blatte saranno attirate da quest’esca e le porteranno nella loro tana, e moriranno avvelenate. Le blatte inoltre mangiano le loro carcasse, quindi si provocherà in questo modo un effetto virus contagioso.

Un metodo un po’ più spartano e rudimentale è rappresentato dalle trappole con adesivi che si vendono in commercio. Bisogna piazzarle in quei punti dove solitamente passano questi insetti, che vi resteranno imprigionati. Altro modo piuttosto sbrigativo per eliminare le blatte è quello di creare una soluzione con acqua e sapone, per poi spruzzarla sull’insetto facendo in modo che venga colpito alla testa.

Bisogna avere un bel po’ di sangue freddo per questo rimedio anti-blatte. Ora sapete tutto su come eliminare le blatte in cucina, dovete solo decidere come procedere. Se però, nonostante tutti gli accorgimenti ci sono ancora questi malsani ospiti nella vostra casa, l’unica soluzione è contattare una ditta di disinfestazioni per eliminare definitivamente il problema.

6. Chiamare una ditta di disinfestazioni

Se tutti i consigli sopra descritti su come eliminare le blatte in cucina non dovessero funzionare, può risultare opportuno chiamare una ditta di disinfestazioni, affinché esegua una disinfezione condominiale. Fate attenzione che la ditta di disinfestazioni rispetti tempi e modalità della derattizzazione, altrimenti rischiate di ritrovarvi ugualmente blatte, scarafaggi o altri insetti in casa.

Eseguire una disinfezione condominiale è molto utile, ma a volte potrebbe non bastare. Le blatte infatti potrebbero provenire da altri palazzi o edifici che non sono stati sottoposti ad una disinfestazione contro le blatte. E’ bene quindi che tutti gli edifici del circondario chiamino una ditta di disinfestazioni con personale specializzato, per bonificare tutta la zona circostante il vostro palazzo.

Anche se vivete in una villetta o in un singolo appartamento, se il problema blatte è particolarmente grave, chiamare una ditta di disinfezione diventa una soluzione estrema ma necessaria.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...