Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Come costruire muri di sostegno a secco in 8 passi

Immagine di anteprima per: Come costruire muri di sostegno a secco in 8 passi

Le tecniche di costruzione si sono evolute nel tempo. La cementificazione e la scoperta di materiali più solidi hanno permesso di avere strutture sempre più alte e abitazioni sicure.

Prima dell’invenzione delle malte e dei materiali chimici, si costruiva con tecniche a incastro o a secco che prevedevano la sistemazione dei materiali e dei mattoni con metodi di sostegno naturali.

Oggi, la ricerca per l’accuratezza di ville e giardini, e l’esigenza di trovare tecniche per l’edificazione sostenibili, ha spinto alla riscoperta di quest’antica tradizione.

La metodologia per la costruzione di muri di sostegno a secco è ancora molto usata nelle zone particolarmente sassose e nella coltivazione a terrazza.

Solitamente sono pareti realizzate con pietre di risulta, messe una sull’altra a creare un puzzle perfetto e uniforme che richiede, comunque, la maestria di un esperto posatore.

Cerchiamo ora di capire come costruire muri di sostegno a secco in 8 passi.  

1) Pulire la base per il muro di sostegno a secco e poggiare i primi mattoni

I muretti di sostegno a secco si possono costruire con materiale di scarto della pietra, porfidi, tufo e quant’altro.

La prima cosa che dovete fare è quella di spianare il terreno.

Tenete presente che la parete deve poggiare su un sostegno in terreno quindi, almeno un lato del muro, deve fare affidamento ad una parete, un terreno o un altro materiale.

Pulite bene la base in terreno, dove andranno poggiati i primi mattoni in pietra.

Scavate un solco profondo pochi centimetri, eliminate pietre o dossi e rendetelo piano e liscio.

2) Filo a piombo per un muro di sostegno a secco perfetto

Come tutte le pareti che si rispetti la vostra parete deve essere dritta e in piano. Per questo motivo dovete tirare il filo a piombo che rappresenterà la vostra guida per innalzare il muro, evitando che questo sia pendente o storto.

In questa fase, avete bisogno di:

  • un piccone;
  • una pala;
  • una piccozza per scalfire la pietra.

Se il terreno è particolarmente duro e secco, potete renderlo più duttile e malleabile irrorandolo con dell’acqua.

foto: filo a piombo per un muro di sostegno a secco perfetto

3) La posa delle pietre

In questa fase iniziale dell’opera vi trovate, quindi, con un solco nel terreno che dovrà essere della stessa dimensione della parete che volete costruire.

Anticamente si utilizzava la pietra che si trovava arando i terreni o il porfido di risulta delle rocce.

Ovviamente, sarà difficile trovare oggi questi materiali nel vostro giardino o nella vostra campagna.

Acquistate, quindi, del porfido o qualsiasi pietra adatta al vostro scopo. Potete recuperarla nelle rivendite per materiali inerti e specializzate nella vendita di sassi per la costruzione.

Non avete mattoni ben definiti ma della comune pietra discontinua ed irregolare.

Cominciate col posare le pietre più grandi alla base cercando di creare un piano, quanto più omogeneo e senza dislivelli possibile.

Ricordate che per i muri a secco non dovete usare alcun tipo di cemento o legame. Per creare spessore, quindi, non getterete niente, neanche gli scarti della pietra.

Questi ultimi serviranno per riempire gli spazi vuoti.

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per trovare un Muratore esperto
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.

5) Logica e pazienza, due ingredienti che non devono mai mancare per costruire muri di sostegno a secco

E’ un lavoro certosino che richiede pazienza e abilità, quindi non abbiate fretta.

A questo punto, posate una sull’altra le pietre cercando di seguire un filo logico estetico; rispettando la pendenza.

Assicuratevi sempre che la parete poggi in parte, o del tutto, su un sostegno in ghiaia o una parte di terreno.

Se così non fosse starà a voi riempire e rinfiancare la parete di sostegno dove poggerà il vostro muro a secco.

Nel creare il muro c’è comunque una logica da seguire.

Cercate di non mettere le pietre a caso ma adattate i mattoni con criterio, rispettando sempre la forma e cercando di formare un piano poco discontinuo sul quale poggiare i successivi pezzi in pietra.

È importante ricordare che queste pareti non hanno fondamenta, quindi nonostante la loro compattezza e resistenza devono sempre avere una parete attigua di sostegno solo così saranno compatte e dureranno nel tempo.

6) Solidità e consigli per non sbagliare

Per dare maggiore solidità alla parete in roccia e pietre discontinue, adoperate degli stucchi riempitivi così da creare un effetto, almeno dal punto visivo, di compattezza e continuità.

Ricordate sempre di lasciare alcuni spazi vuoti, per permettere ad umidità ed acqua di fuoriuscire liberamente.

Se proprio volete fare la parete da soli, cercate di mantenere un’altezza bassa e non superate mai il metro; la sicurezza è fondamentale.

Se volete fare una parete più alta, il consiglio è sempre quello di affidarvi ad un’impresa edile che saprà fare un lavoro più professionale e soprattutto garantito; evitando cedimenti e possibili crolli.

foto: solidità e consigli per non sbagliare

7) Muri a secco prefabbricati: per non perdere tempo

Esiste anche un modo più semplice per creare un muro a secco che esclude l’utilizzo di pietre naturali: i prefabbricati.

La tecnica resta la stessa, non sono utilizzati cementi e malte. I pezzi precostruiti hanno, alla base, incastri perfetti e si poggiano l’uno sull’altro alla perfezione.

Il loro disegno sulla facciata riprende alla perfezione un muro a secco in pietra e l’effetto è a dir poco sorprendente.

Questo tipo di edificazione trova il suo utilizzo massimo nei giardini di case di campagna, rustiche, ma anche per contornare vialetti rupestri e giardini alberati.

Questi materiali per l’edilizia sono garantiti ed hanno tutte le caratteristiche della pietra naturale anche se, spesso, sono creati con materiale assemblato.

Chiedete sempre consiglio ad un esperto, un muratore ad esempio, che saprà indirizzarvi verso la soluzione migliore e la scelta giusta del materiale da usare per il vostro muro a secco.

8) Per la sicurezza è importante fare i calcoli prima di costruire un muro di sostegno a secco

La sicurezza, come si diceva poco sopra, è fondamentale per costruire un muro di sostegno.

Per questo motivo potrebbe essere necessario chiamare un esperto per fare un calcolo di ‘carico’ del vostro manufatto.

Gli esperti del settore, grazie a determinati macchinari, sono in grado di stabilire la resistenza, sia alle sollecitazioni che al peso, di qualsiasi costruzione.

Questo vi darà la perfetta garanzia che il vostro muro a secco resista alle intemperie e la riprova della sua solidità.

Costruire un muro di sostegno a secco può risultare più facile seguendo questi 8 semplici passi. Cosa aspettate? Munitevi di tutto l'occorente e date del vostro meglio.

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto