Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Installare un impianto a biomassa: costi e vantaggi

Immagine di anteprima per: Installare un impianto a biomassa: costi e vantaggi

Vediamo oggi cosa sono le biomasse, come vengono classificate, quali sono i vantaggi dell'installazione di un impianto a biomassa e quali i costi, così avrete a disposizione tutti gli elementi per fare una scelta pensata che porta alla soluzione migliore per il vostro caso specifico.

Che cosa sono le biomasse?

Con il termine biomasse intendiamo un insieme di sostanze di natura "biotica", cioè organica, caratteristiche di un determinato comparto ecosistemico come l'acqua, l'aria, il suolo ed il sottosuolo.

Generalmente si tratta di una quantità indefinita di composti di natura animale o vegetale di diverse dimensioni, da quelle infinitamente microbiche a quelle molto più macroscopicamente evidenti.

Foto: caldaia a biomassa

E' l'Europa con la Direttiva 2009/28/CE a fornirci una definizione, legislativamente ripresa successivamente anche in Italia, della biomassa definita come "la frazione biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui di origine biologica provenienti dall'agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali), dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, comprese la pesca e l'acquacoltura, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani".

In questi ultimi anni, l'impiego più interessante ed in continua evoluzione per metodiche, tecniche e tecnologie applicative è rappresentato dalla produzione di energia tramite impianti a biomasse.

Classificazione delle biomasse

Le biomasse possono essere inserite in diverse tipologie di classificazione a seconda del punto di vista attraverso cui si analizzano.

Considerando l'origine delle biomasse abbiamo la zoomassa, se costituita interamente da organismi di origine animale, la fitomassa se costituita interamente da organismi di origine vegetale, la biomassa microbica se costituita da microorganismi di diversa natura.

Valutandone unicamente il contenuto d'acqua possiamo parlare di biomassa secca (se basso o addirittura assente) o umida (se presente in diverse quantità).
Infine, possiamo parlare di biomassa vivente o non vivente (morta) nel caso in cui sia costituita da componenti vivi o no.

Tipologie di impianti a biomassa

L'impianto a biomassa è un impianto in grado di trasformare l'energia contenuta in questa massa organica in un'altra forma di energia direttamente sfruttabile.

Esistono diverse tipologie di impianti a biomassa  che possono essere più o meno grandi, a seconda della superficie che devono scaldare.

Vi è il piccolo o medio impianto a biomassa a servizio di un numero limitato di utenze, anche singole unità abitative o il grande impianto a biomassa che serve un numero maggiore di edifici fino ad arrivare ad interi centri urbani.

In questo ultimo caso in realtà, anziché parlare di impianto a biomassa parliamo di centrali a biomasse.

Uno degli esempi più significativi di impianto a biomassa domestico è la stufa, come ad esempio la stufa a pellet che da sempre ha bruciato materiale legnoso et similia per produrre calore (energia termica).

Oggi la stufa è continuamente oggetto di profonde trasformazioni funzionali ed anche estetiche che la rendono uno dei sistemi impiantistici per la produzione di energia termica più presenti nelle progettazioni ecosostenibili.

La cosiddetta stufa a pellet o a cippato è un esempio interessante di stufa di moderna concezione alimentata da scarti di lavorazione del legname, che possono essere di forma cilindrica (pellet) o a scaglie (cippato).

Altri esempi di impianto a biomassa sono le stufe alimentate da varie tipologie di sostanze organiche scarto di lavorazioni di diverso tipo come la produzione di vino, di olio, la raccolta di nocciole ed altro.

Si tratta di impianti a biomassa assolutamente autonomi che garantiscono oltre alla produzione di calore anche quella di acqua calda sanitaria che talora possono avere anche caratteri estetici e di design di gran gusto da essere complementi d'arredo da fare invidia!

Anche il termocamino ad esempio è un impianto a biomassa tecnologicamente molto innovativo con un design che può assumere caratteristiche estremamente moderne tanto da essere considerato oltre ad un impianto termico anche un elemento di arredo sobria ed elegante.

Foto: termocamino a biomassa di design

Naturalmente una caldaia o impianto a biomassa è costituito oltre che da un elemento generatore di calore (stufa o termocamino) anche da altri componenti come la rete di distribuzione del calore, generalmente rappresentata dalla totalità delle tubature che lo veicolano fino ai cosiddetti elementi emettitori, che possono essere di diverso tipo.

Possiamo avere caldaie e impianti a biomassa di concezione tradizionale come i termoconvettori o tecnologicamente più avanzati come il sistema radiante.

In questo caso il calore prodotto serve per riscaldare il fluido circolante nelle serpentine alloggiate sotto pavimento (pavimento radiante) nel solaio (soffitto radiante) o sotto traccia in parete (parete radiante).

La temperatura raggiunta dal calore prodotto essendo troppo elevato deve però essere abbassata prima di essere immessa nella rete e questo avviene all'interno di un sistema miscelatore che la unisce ad acqua fredda.

E' possibile che le tubature del sistema di distribuzione vengano progettate nelle geometrie dei percorsi in modo tale da rappresentare esse stesse elementi emettitori perché sistemate dell'edificio strategicamente importanti dal punto di vista termico.

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per installare Stufe a Pellet
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.

Quali sono i vantaggi di un impianto a biomassa?

Gli impianti a biomassa sono sempre più diffuse perchè l'energia da biomasse è una energia rinnovabile alternativa all'energia prodotta da combustibili fossili, questo perché la sua origine deriva da fonti che si rinnovano assai facilmente nel tempo rendendola sempre disponibile, diversamente dai combustibili di natura fossile.

L'energia da biomasse, inoltre, è una energia pulita perché il processo di combustione della sostanza organica libera in atmosfera la medesima quantità di anidride carbonica che questa stessa ha assorbito durante il suo intero ciclo di vita (fotosintesi clorofilliana), rendendo il bilancio globale pari ad il valore zero (quantità liberata = quantità precedentemente catturata).

L'energia da biomasse è, quindi, da ritenersi una fonte energetica di importanza prioritaria, assolutamente sostenibile, che attualmente ricopre solo il 15% del fabbisogno energetico globale (il 38% nei paesi in via di sviluppo).

Oltre a beneficiare l'ambiente, non dimenticate che ne gioveranno molto anche le vostre tasche. Installare un impianto a biomassa che brucia materiali di scarto consente sicuramente di ottenere un bel risparmio sulle bollettte.

Quanto costa installare un impianto a biomassa?

Veniamo infine al nocciolo della questione.

Non è facile quantificare il costo di un impianto a biomassa per usi domestici perché come abbiamo visto, la categoria di impianti a biomassa è molto eterogenea. Il costo dipende in realtà da una lunga serie di incognite da definire caso per caso.

In linea di massima possiamo affermare che lìacquisto e l'installazione impianto a biomassa può costare da 1.500,00 euro fino a circa 10.000,00 euro nel caso in cui l'elemento generatore di calore sia altamente sofisticato con un controllo programmato delle temperature e dei vari cicli di funzionamento.

A questo va aggiunto il costo del materiale combustibile impiegato per la produzione di energia da biomasse che può variare moltissimo fino a divenire nullo nell'eventualità in cui sia di produzione propria.

Molti frantoi o comunque molte aziende agricole di diverso tipo si sono dotate di un impianto per la produzione di energia da biomasse che sia costituita dai residui di scarto delle attività svolte.

Infine bisogna anche tenere conto dei vari incentivi e detrazioni fiscali per l'installazione di un impianto a biomassa che permtettono di risparmiare notevolmente sui costi.

Incentivi per l'installazione di un impianto a biomasse

Esistono diversi incentivi per l'installazione di un impianto a biomassa che utilizza quindi fonti rinnovabili per riscaldare gli ambienti.

Innazitutto potete ottenere un premio legato alla produzione di energia che viene corrisposto in base alla quantità netta di energia elettrica immessa in rete.

Non scendiamo nello specifico dei meccanismi di incentivazione perché è molto complesso e è legato ad numero elevato di variabili legate all'impianto a biomassa ma anche ad alte variabili di mercato in continua oscillazione.

E' bene comunque sapere che esistono così come vi sono incentivi per l'acquisto e l'installazione di un impianto a biomassa di tipo domestico (come la stufa a pellet o cippato, il termocamino).

In questo secondo caso esistono due opzioni di scelta tra incentivi per l'installazione di un impianto a biomassa.

Il conto termico entrato in vigore dal gennaio 2013 che consiste in un finanziamento in conto capitale che può arrivare al 65% delle spese sostenute per l'acquisto e l'installazione dell'impianto a biomasse.

Per accedere a questo tipo di incentivo occorre che tutti i pagamenti vengano effettuati mediante bonifico bancario e la causale deve essere riportata in modo puntuale.
Alternativamente si può scegliere la strada della detrazione fiscale per la riquaificazione energetica che consiste nella detrazione del 50% del costo totale dell'impianto (acquisto ed installazione) mediante sgravio IRPEF in 10 rate annuali.

Anche per questo tipo di incentivo occorre che i pagamenti avvengano mediante bonifico bancario attraverso un modulo a disposizione presso ogni sportello bancario.

Un idraulico competente che si occuperà dell'installazione del vostro impianto a biomassa saprà sicuramente consigliarvi sulla scelta giusta tra i due meccanismi di incentivazione previsti per tali lavori.

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto