Dedicato ai professionisti:

8 errori da evitare nella prima chiamata con un cliente

Immagine di anteprima per: 8 errori da evitare nella prima chiamata con un cliente

Viene chiamata “cold call”, chiamata a freddo, ed è un vero incubo se non viene programmata con cura, sia per te che per il tuo interlocutore.

Di questi tempi, veniamo tutti, aziende e privati, assaliti da centralinisti accaniti che voglio venderci qualunque cosa, è dunque chiaro con quanta facilità, si rischia una “porta in faccia”, telefonicamente parlando. Il primo contatto è decisivo, la prima impressione è quella che conta, indipendentemente dal mezzo utilizzato; sia che questa venga fatta per email che per telefono la comunicazione deve avere successo.

cold call

Nel tuo caso hai la fortuna dalla tua parte, il cliente sta aspettando di essere contattato da un' azienda, dunque non sarà indisposto ricevendo la tua telefonata. Se hai scelto di contattare il tuo cliente per la prima volta per telefono, è da questa chiamata che dipende la chiusura del tuo contratto.

Allora, meglio scoprire quali sono gli errori che assolutamente non devi commettere.

1. Mostrare insicurezza

telefonare con sicurezza

Sii sicuro, non dimenticare che durante il corso della telefonata il cliente dovrà fidarsi di te. Mostrati tranquillo, cerca di avere un tono posato, sii divertente quanto basta, rendi la conversazione interessante, dovranno aver voglia di scoprire cos’ha da proporre un professionista così posato. Evita incertezze e balbettii. Non chiedere scusa per aver chiamato, una telefonata piacevole il cui contenuto è un offerta imperdibile, di certo non disturba.

2. Avere un tono impersonale

Hai un vantaggio! Attraverso la richiesta di fazland puoi risalire al nome e alla specifica richiesta. Utilizza tutte le informazioni che hai per personalizzare il più possibile la tua chiamata.

Usa spesso il nome del potenziale cliente, ti aiuterà a creare un dialogo più informale. Inoltre puoi utilizzare le informazioni apprese dalla richiesta ottenuta su Fazland, per far capire all’interlocutore che ti sei fatto carico della sua richiesta.

3. Non dicharare il motivo che giustifica la chiamata

Chi risponde vuole sapere dopo pochi minuti dalla risposta alla tua chiamata perchè deve stare al telefono ed ascoltarti, chiamando uno dei contatti scelti presso il nostro portale, sarai avvantaggiato dal fatto che loro si aspettano di essere contatti dalle aziende, hanno fatto richiesta sul portale apposta.

Dunque ti basterà presentarti e far riferimento alla loro richiesta trovata su Fazland per creare interesse. Ti ascolteranno volentieri.

4. Non stabilire un obiettivo

raggiungere obiettivo

Quale obiettivo vuoi raggiungere con questa chiamata? Devi avercelo ben in mente, resta focalizzato sull’obiettivo fino alla chiusura della telefonata.

L’ obiettivo è quello di chiudere un contratto; iniziare e concludere una trattativa telefonicamente e soprattutto alla prima chiamata è complicato, puoi fissare un obiettivo massimo e uno minimo da raggiungere e in base alla disponibilità dell’interlocutore avvicinarti ad uno piuttosto che all’altro. Non gettare la spugna, avere la possibilità di informarlo che lo contatterai in altro modo è fondamentale.

5. Non ascoltare

Uno degli obiettivi è quello di ottenere le informazioni mancanti sul cliente potenziale, l’offerta la proporrai a termine della chiamata, la invierai per mail o gli darai un appuntamento face to face, dunque devi avere tutte le informazione per fare un’offerta ottimale e senza ripensamenti.

6. Rumore di sottofondo

rumori sottofondo al telefono

Assicurati di telefonare quando puoi concentrarti al 100%, non chiamare il potenziale cliente mentre fai altro, ritagliati un paio di minuti alla tua scrivania nella tranquillità del tuo ufficio.

Non telefonare quando è possibile che oltre alla tua voce l’interlocutore possa sentire rumori di sottofondo, la tua voce deve essere chiara. Il cliente potenziale deve distinguere bene quello che stai dicendo. 

7. Chiamare durante i pasti

chiamare ore pasti

Attenzione al momento della giornata che scegli di interrompere con la tua chiamata, scegli ore che non infastidiscano la routine delle persone, evita ad esempio di chiamare ore pasti, sai che quello è l’ora preferita dei call center per raggiungere più persone possibili. Magari il potenziale cliente, occupato, ti indicherà il momento della giornata che preferisce per ascoltarti meglio.

Se senti di aver chiamato in un momento inopportuno chiedi qual’è il momento più tranquillo della giornata dell’interessato. In un momento di relax potrà ascoltarti meglio e con più attenzione. Il pericolo di chiamare in momenti inopportuni risiede nella possibilità di essere liquidati immediatamente a causa del basso livello di attenzione che possono dedicarti.

8. Non fissare già il prossimo appuntamento

Ricorda di concludere la telefonata fissando un appuntamento. Non lasciar decidere a lui chiedendogli quando preferisce essere ricontattato.

Proponi una data un’ora e un mezzo di comunicazione. Vi potrete risentire telefonicamente, potresti ricontattarlo inviandogli informativa per posta oppure avrai la necessità di effettuare un sopralluogo.

Devi chiudere la vendita e quest’ultimo passaggio è fondamentale, può essere decisivo. 


Infine, non scrivere un copione da seguire, non è possibile essere naturali seguendo un copione, rischi di perdere l’empatia che un contatto del tutto spontaneo può creare. Segui semplicemente i nostri 8 semplici consigli per rendere più semplice la prima telefonata ad un potenziale cliente. 

Registra la tua azienda gratis
Fai crescere la tua azienda e trova nuovi clienti.
Lascia il tuo commento
Sei un professionista?

Su Fazland abbiamo più di 30.000 richieste ogni mese che aspettano il tuo preventivo

Registrati gratis
Potrebbero interessarti anche...