Facebook Workplace, il social network per interagire con i colleghi

Immagine di anteprima per: Facebook Workplace, il social network per interagire con i colleghi

Utilizzare Facebook al lavoro per scambiarsi informazioni e interagire con i colleghi. L’idea, sviluppata dal team del social network di Mark Zuckerberg, è stata lanciata circa un anno e mezzo fa e da allora le aziende che utilizzano Facebook Workplace, questo il nome del servizio, hanno abbondantemente superato quota trentamila. Anche in Italia, dove Granarolo e il gruppo Unes lo hanno scelto per la propria attività. All’estero invece, tra le aziende più conosciute, troviamo Walmart, Heineken, Spotify e Starbucks. Disponibile sia in versione gratuita che a pagamento, quest’ultima ha numerose funzionalità in più ma offre l’indubbio vantaggio di richiedere un pagamento (3 dollari al mese) solo per gli utenti attivi, mentre i dipendenti che non usano Facebook Workplace non pesano sul bilancio dell’azienda. Condivisione di informazioni aziendali tramite i classici post di Facebook, riunioni in live streaming, messaggistica, videochat di gruppo e condivisione di documenti e file sono fra le principali funzionalità del servizio. L’utilizzo di Facebook Workplace è molto familiare a chi già conosce Facebook (quindi milioni di lavoratori): le aziende che decidono di adottarlo creano in sostanza un social network interno, aperto solamente ai propri dipendenti. 

Booking.com, per esempio, ha adottato Facebook Workplace per coordinare il lavoro dei suoi tredicimila dipendenti, in modo da poter gestire una crescita che negli ultimi anni è stata molto forte, mantenendo una cultura imprenditoriale collaborativa e garantendo la continuità tra l'hub globale e i mercati regionali. La comunicazione tradizionale, gestita in maniera top-down e tramite mailing list, non riusciva a soddisfare le esigenze dell'azienda. Con Workplace, i dipendenti hanno condiviso le loro idee riguardanti un possibile miglioramento del prodotto, anche tramite una sessione di brainstorming virtuale durante la quale i dipendenti di otto paesi hanno condiviso le loro diverse prospettive. Il team addetto all'assistenza clienti, invece, ha a disposizione un luogo in cui interagire con i colleghi e fornire feedback importanti per il miglioramento dei prodotti.
Interessante anche la storia di GoPro. L’azienda era cresciuta arrivando a oltre 1000 dipendenti, e i singoli team iniziavano a usare gli strumenti più adatti a loro. Poiché ogni team usava i propri strumenti, la visibilità e la collaborazione a livello dell'azienda e tra i diversi team erano difficoltose. Il team dirigenziale desiderava investire in una singola soluzione e ha deciso di implementare Workplace per promuovere la collaborazione nell'intera organizzazione. Prima di usare Workplace, i beta test interni di GoPro venivano effettuati solitamente con piccoli gruppi di persone a stretto contatto con il prodotto e i feedback venivano scambiati principalmente tra i tester e il team addetto ai prodotti. Workplace ha ampliato la copertura dei feedback, aumentando l'interazione per numerosi dipendenti che ora condividono feedback in un ambiente collaborativo.
GoPro usa anche i gruppi di Workplace per consentire ai suoi dipendenti di condividere feedback generali su tutti i prodotti, di sfruttare tutte le esperienze personali di vendita al dettaglio della sua forza lavoro globale per comunicare lo stato di oltre 27mila punti vendita al dettaglio e di suggerire le questioni che la dirigenza dovrà affrontare nelle riunioni.
Tutte le informazioni riguardanti Facebook Workplace sono presenti all’indirizzo www.facebook.com/workplace

Lascia il tuo commento
Fazland
entra in contatto con nuovi potenziali clienti
Su Fazland abbiamo più di 10.000 richieste ogni mese che aspettano il tuo preventivo e oltre 49.000 clienti iscritti. La registrazione è gratuita e non ci sono costi fissi. Cosa aspetti a provarlo?
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto