Attestato di prestazione energetica 2015: le novità

Immagine di anteprima per: Attestato di prestazione energetica 2015: le novità

Cosa è l'attestato di prestazione energetica 2015: dall’attestato di certificazione energetica alle nuove documentazioni 

L’attestato di prestazione energetica 2015 (APE) è una documentazione che dal 6 giugno 2013 sostituisce l’attestato di certificazione energetica (ACE). La nuova documentazione ha una durata decennale, e necessita del rinnovo e dell’aggiornamento solo in caso di ristrutturazioni o di modifiche che influenzano o che modificano la classe energetica di un immobile. 

L’attestato di prestazione energetica 2015 si differenzia dalla certificazione energetica in quanto contiene molte più informazioni ed anche perché viene sottoscritto e rilasciato seguendo parametri differenti e più complessi.

foto: attestato prestazione energetica

Nello specifico, l’APE certifica l’indice di prestazione energetica dell’immobile in riferimento a tutte le tipologie di energie utilizzate nell'immobile (primarie, rinnovabili e non rinnovabili), evidenzia la classe energetica dell’edificio in questione, rivela il livello di emissioni di anidride carbonica e molto altro. 

 

Grazie a questi elementi, oltre che a seguire le attuali legislazioni, l'attestato di prestazione energetica si rivela anche molto utile per affittuari ed acquirenti in ambito immobiliare.

Infatti, in caso vi trovaste a firmare un contratto d’affitto o a comprare un appartamento, attraverso l’attestato di prestazione energetica 2015 di un edificio sareste in grado di conoscerne la classe energetica, riuscendo anche a fare un calcolo previsionale di quanto potreste risparmiare per quanto riguarda il consumo energetico.

Inoltre, grazie all’attestato di prestazione energetica di un immobile, potrete avere un’idea di quanto potreste spendere per riscaldamento e condizionamento dell’aria: tutti calcoli previsionali che con la vecchia certificazione energetica non era facile eseguire.

Attestato di prestazione energetica 2015: le novità di quest’anno

Lo stesso decreto che ha permesso di godere di un rialzo delle detrazioni relative al risparmio energetico degli edifici, e che ha stabilito i vari bonus per ristrutturazioni, disciplina anche il rilascio e l’utilizzo dell’attestato di prestazione energetica 2015.

Infatti, dovreste sapere che, anche se l’APE era una documentazione già presente da un po’ di tempo, quest’anno sono state decise nuove modifiche importanti. 

1. A questo proposito, uno dei cambiamenti da non sottovalutare è il numero di classi energetiche degli edifici che da quest’anno saranno 10 invece che 7.

Si parte sempre dalla classe energetica G (la peggiore) fino ad arrivare però alla classe A4 (la migliore).

È opportuno sapere che per gli immobili di nuova costruzione, la classe energetica minima richiesta è la B. Perciò, se vi ritrovate con un attestato di prestazione energetica 2015 che rivela che l’edificio in questione è di una classe energetica inferiore, probabilmente c’è qualcosa che non va. In questa eventualità, vi suggerisco di cercare un altro appartamento da prendere in affitto o da acquistare, in quanto la possibilità di effettuare delle comparazioni è una delle ragioni per cui è stata ideata la nuova APE.

2. Un'altra importante novità dell’attestato di prestazione energetica 2015, è la modalità di calcolo.

Infatti è stata uniformata per fare in modo che sia uguale in tutte le regioni italiane, e queste ultime avranno a disposizione due anni di tempo per provvedere ad effettuare le varie modifiche ed aggiustamenti che consentiranno di redigere gli APE in base alle nuove classi energetiche edifici ed a tutti i nuovi parametri.

3. Inoltre, è stato ideato il SIAPE, ovvero un sistema che permette di trovare tutte le informazioni relative ad ogni edificio ed al correlato attestato di prestazione energetica 2015.

In questo sistema informativo si potranno gestire e controllare anche tutti i dati relativi al catasto, alle ispezioni pubbliche e molto altro.

4. Ogni attestato di prestazione energetica 2015 dovrà essere molto più specifico rispetto alle precedenti versioni, e contenere tutto ciò che permette di classificare al meglio un edificio: dall’indice di prestazione energetica (sia parziale che globale) alla classe energetica dell’immobile, dagli interventi di riqualificazione energetica ai consumi energetici sia estivi che invernali, fino ad arrivare alle emissioni di anidride carbonica. 

Tutti questi elementi dovranno essere ovviamente calcolati in base ai nuovi parametri e dovranno essere indicati con precisione in ogni documento.

A questo proposito, sono stati ideati anche dei validi strumenti e programmi utili per calcolare i dati da inserire nell’attestato di prestazione energetica 2015, ed in grado di assicurare che i valori siano corretti e che le misurazioni siano affidabili.

5. Nel nuovo attestato di prestazione energetica 2015 saranno introdotte anche nuove tipologie di simboli, in maniera tale da renderlo più semplice e leggibile anche per coloro che hanno a che fare per la prima volta con un simile documento e che non lavorano nel settore.

6. L'ultima novità non certo per importanza riguarda il fatto che nell'attestato vengono inseriti degli smiley per semplificare la comprensione dei livelli di efficienza energetica degli edifici anche per i non esperti in campo.

attestato prestazione energetica emoticons

Per quanto riguarda le precedenti legislazioni, invece, è utile che sappiate che resteranno valide le normative che disciplinano la progettazione degli edifici e degli impianti presenti. 

Tutte queste modifiche dovevano inizialmente entrare in vigore dal 1° luglio 2015, poi sono slittate al 1° agosto 2015, fino ad arrivare a quella che sembra la data finale, ovvero il 1° ottobre 2015.

L’attestato di prestazione energetica 2015 e le classi energetiche edifici

Come avrete compreso, l’attuale attestato di prestazione energetica 2015 si presenta come una sorta di "carta d’identità", che permette di classificare in maniera accurata la classe energetica degli edifici

In precedenza vi ho già accennato delle varie classi energetiche edifici in vigore da quest’anno, e che il requisito minimo di un nuovo immobile è quello di identificarsi nella classe energetica B

Le varie classi energetiche degli edifici trascritte nell’attestato di prestazione energetica 2015 vanno a presentare l'efficienza energetica di ogni immobile. Nello specifico, ricordiamo che la migliore classe energetica è l’A4.

Perciò, se vi trovate ad acquistare o ad affittare un immobile il cui APE indica questa classificazione, significa che siete davanti all’edificio molto efficiente e funzionale in ambito energetico, che vi permetterà di ottenere un grande risparmio sulle bollette durante tutto l'anno.

Dopo la classe energetica A4 ci sono ovviamente le seguenti: A3, A2, A1, B, C, D, E, F e G. 

Ogni volta che vi troverete di fronte ad un atto di compravendita immobiliare o di locazione, è importantissimo che controlliate le classi energetiche edifici.

Questo perché, se si tratta di una nuova costruzione, la classe energetica non può essere inferiore alle B, ma quando si tratta di vecchi edifici, senza l'APE non possiamo sapere quale potrebbe essere la classe energetica dell'edificio.

Visionando l’attestato di prestazione energetica 2015, potrete invece controllare tutti i vari adeguamenti effettuati nel corso degli anni e, conseguentemente, anche l’attuale indice di prestazione energetica dell’immobile.

La differenza tra attestato di qualificazione energetica e attestato di prestazione energetica 2015

Sempre nell’ambito della prestazione energetica di un edificio, è fondamentale sapere che la legge prevede due diverse tipologie di attestato: 

Oltre all’attestato di prestazione energetica 2015, esiste anche l’attestato di qualificazione energetica (AQE). Anche se vengono spesso scambiate concettualmente, in realtà sono due documenti ben distinti con diverse differenze.

l'attestato di qualificazione energetica è un documento di controllo, utile in caso di ristrutturazioni effettuate al fine di migliorare le classi energetiche edifici. Inoltre, l’attestato di qualificazione energetica non contiene le stesse informazioni dell’attestato di prestazione energetica 2015, ma è molto più breve e semplificato. Pertanto, dovrete prestare attenzione a non confondere i due documenti, in quanto l’attestato di prestazione energetica 2015 è molto più importante e svolge un ruolo fondamentale durante la stipula di contratti di locazione o compravendite immobiliari.

L’attestato di prestazione energetica 2015 si distingue dall’attestato di qualificazione energetica non solo per lo scopo, ma anche relativamente al professionista certificatore abilitato a rilaciare la certificazione energetica. Infatti, per quanto riguarda la qualificazione, la certificazione può essere elaborata da un tecnico abilitato alla progettazione di edifici; mentre l’attestato di prestazione energetica 2015 può essere rilasciato solamente dal personale addetto (in seguito vedremo questo passaggio in maniera più dettagliata).

In conclusione, queste documentazioni sono diverse e svolgono un ruolo molto differente. Tuttavia, se possedete un attestato di qualificazione energetica, sappiate che potrete usufruirne nel caso dobbiate richiedere l’attestato di prestazione energetica. Questa documentazione ne agevolerà il rilascio e vi permetterà quindi di ottenerla più velocemente.

Quando serve l’attestato di prestazione energetica 2015?

Come avrete capito, l’attestato di prestazione energetica 2015 è un documento obbligatorio che permette alle persone di orientarsi in maniera adeguata nell’ambito del mercato immobiliare.

Perciò offre ai cittadini la possibilità di valutare le prestazioni e le classi energetiche edifici ai quali sono interessati, utilizzando i dati per effettuare comparazioni tra più immobili e per eseguire un adeguato bilancio tra costi e benefici relativi agli edifici.

Quindi è opportuno avvalersi dell’attestato di prestazione energetica 2015 per:

- vendere un immobile; 

- affittare un immobile; 

- per trasferire gratuitamente l'immobile ad un familiare;

Come proprietari di un immobile, dovreste sempre mostrare l’attestato di prestazione energetica 2015 al potenziale acquirente o locatario durante la trattativa e, alla firma del contratto, andrà consegnata una copia al nuovo proprietario o all’inquilino.

In più, la legge prevede che nel contratto stipulato venga inserito un allegato in cui la persona dichiara di aver visionato l’APE. Invece, sulle inserzioni relative alla vendita o alla locazione è doveroso inserire anche l'indice di prestazione energetica, e quindi l’esatta classe energetica dell’edificio in questione. 

L’attestazione di prestazione energetica 2015 sarà necessaria anche per accompagnare la documentazione relativa agli edifici appena costruiti, o nell’eventualità di ristrutturazioni, manutenzioni o risanamenti conservativi effettuati su un immobile già esistente (che influiscano su almeno il 25% della superficie totale dell’immobile).

L'APE è importante anche al momento di un rinnovo o della firma di un contratto inerente alla gestione di impianti di riscaldamento e climatizzazione per gli edifici pubblici.

Infine, è opportuno sapere che il nuovo decreto relativo all’attestato di prestazione energetica 2015 prevede delle multe salate per tutti i proprietari di edifici che non possiedono o non mostrano l'Ape durante gli atti e le trattative di compravendita immobiliare o di locazione, prevedendo le stesse sanzioni anche per coloro che non se ne avvalgono in caso di importanti ristrutturazioni, manutenzioni o risanamenti.

Le multe vanno dai 3.000 ai 18.000 euro in base alla gravità della situazione. Anche per i tecnici che non redigono correttamente l’attestato di prestazione energetica 2015 sono previste delle sanzioni che vanno dai 700 ai 4200 euro.

Chi può rilasciare un'attestato di prestazione energetica 2015?

È opportuno tenere presente che l'attestato di prestazione energetica 2015 dovrà essere rilasciato un tecnico abilitato alla progettazione di edifici come ad esempio un geometra o architetto che però sia esplicitamente abilitato alla sottoscrizione di questo tipo di certificazione. Egli dovrà quindi essere qualificato come Certificatore Enertegico oltre a geometra o architetto.

certificatore energetico

Il certificatore energetico sarà in grado di certificare la prestazione e la classe energetica degli edifici tramite l'uso di specifiche attrezzature e, inoltre, sarà capace di fornirvi valide indicazioni per permettervi di massimizzare l'efficienza energetica dell’immobile in questione. 

Tuttavia, dato che le regioni hanno ancora due anni di tempo per adeguarsi ai nuovi provvedimenti, non è ancora stato definito con esattezza chi potrà redigere l’attestato di prestazione energetica 2015, nè tanto meno l’iter specifico per richiedere il rilascio di un'attestato di prestazione energetica.

A questo proposito, dovremo attendere ulteriori provvedimenti, che dovrebbero arrivare a breve. Inoltre, è opportuno sapere che i tempi di attesa per ricevere l'APE potrebbero essere lunghi, in quanto il decreto non prevede ancora alcuna scadenza entro la quale verranno annunciati i provvedimenti definitivi, e perciò ancora non possiamo sapere quando il nuovo attestato di prestazione energetica 2015 sarà completamente operativo per tutte le regioni italiane.

Nel frattempo, vi consiglio di tenere l’attestazione qualificazione energetica a portata di mano, perche vi servirà per ottenere un più veloce rilascio dell’attestato di prestazione energetica 2015 in quanto linclude già alcuni dati importanti relativi alle prestazioni energetiche dell’immobile e la relativa classe energetica.

Inoltre, ogni documento relativo alla prestazione energetica dell’edificio sarà comunque necessario fino all’emissione di ulteriori provvedimenti.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...