5 consigli per promuovere un'app

Immagine di anteprima per: Promozione di un'app: i 5 consigli che cercavi

Il cellulare, fino ad una decina di anni fa, serviva solo per fare telefonate o per mandare messaggi. Negli ultimi tempi c’è stata, però, una vera e propria rivoluzione tecnologica, con il boom di dispositivi mobili come smartphone, tablet, iPad e altri. Oggi la gente è costantemente collegata in rete, e ciò rappresenta una grandissima opportunità per le aziende che vogliono pubblicizzare le loro attività e fruire nuovi servizi.

Tutte le persone che navigano sul web sono potenziali clienti, quindi tramite un’app è possibile, cercare all’istante un ristorante, un albergo, un supermercato, un meccanico, un parcheggio, ecc. Ogni servizio è a portata di click, e mediante un’app si può cercare e trovare la soluzione più economica e conveniente in tempo reale.

E’ possibile creare un’app in maniera abbastanza semplice, non necessariamente bisogna essere “nerd” o dei piccoli Steve Jobs. Basta avere un’idea originale che funzioni, un po’ di intraprendenza e circondarsi delle persone giuste per avere i servizi necessari ad un prezzo accessibile.

La promozione dell'app è uno step importante della sua implementazione: alcune app finiscono per essere più conosciute di altre, nonostante il servizio offerto sia lo stesso. Chi decide di promuovere un'app lo fa con l'intento che questa acquisisca notorietà, e quindi venga scelta dagli utenti a scapito delle altre.

Vediamo di seguito quali sono i 5 consigli per promuovere con successo l'app.

promozione app testo

Rivolgersi alle agenzie di professionisti

Soprattutto se siete alle prime armi, e non sapete da dove iniziare, è opportuno contattare diverse agenzie di servizi per la promozione della vostra app. Difficilmente infatti un’unica agenzia sarà in grado di gestire tutte le attività, l’ideale è affidarsi ad un team di professionisti per lo sviluppo di siti web, per la promozione.

Per valutare l’affidabilità e la credibilità degli sviluppatori delle app a cui intendete rivolgervi, controllate innanzitutto i loro lavori sul web, gli eventuali feedback ricevuti, le app che hanno già sviluppato, quante e quali sono state scaricate e che posizione occupano nello store.

Questo è il bello di Internet, poter conoscere l'operato di persone perfettamente sconosciute, per valutarne la serietà in base alle esperienze precedenti di altri utenti.

Analisi di mercato

Affinché la vostra app abbia successo deve essere qualcosa di nuovo, di originale, di innovativo. Inutile creare un’app per un servizio di cui il mercato è già saturo. 

Spesso, in fase di progettazione e realizzazione dell'app, vengono utilizzati dei test di usabilità per capire come l'utente preferisce operare, quali sono i bisogni da soddisfare, qual'è la comprensione del sistema. Gli esperti, che sottopongono ai potenziali utenti l'app, verificano quali sono gli aspetti positivi e negativi dell'interazione utente-interfaccia in termini di efficienza ed efficacia. E' dagli aspetti positivi dell'app che è possibile iniziare la creazione di campagne promozionali. 

L’obiettivo è infatti quello di lanciare un’app che sia utile, intuitiva e fornita di una grafica accantivante. Per la promozione di un’app è molto utile svolgere una ricerca di mercato, studiando le app e le campagne promozionali dei competitor, ed eventualmente offrendo servizi aggiuntivi, alternativi e completi. A volte bastano idee molto semplici ma funzionali per essere scelti.

Ad esempio, una delle app di maggior successo è Fubles, un’applicazione che permette di organizzare partite di calcetto senza affanni. Basta iscriversi all’app, indicare la fascia di età preferita, la zona di residenza ed altri parametri, e verranno segnalate tutte le partite a cui poter partecipare senza noiosi e dispendiosi giri di telefonate. Couchsurfing è invece un’app di reciproca ospitalità, in questo modo potete viaggiare all’estero con vitto e alloggio gratuito. Yerdle è invece una piattaforma per lo scambio, o meglio il baratto di cose usate. Basta solo un po’ di inventiva ed aguzzare l’ingegno.

Quale modello di business scegliere?

Dovete successivamente valutare, con gli sviluppatori dell’app, quale modello di business scegliere, come ad esempio il prezzo di lancio sul mercato, più in generale la strategia di marketing.

I servizi dedicati a professionisti o appassionati di un settore, o che portano il marchio di un brand noto e conosciuto, possono essere venduti ad un prezzo anche abbastanza importante.

Diversamente se state sviluppando un’app per la prima volta, difficilmente la gente sarà invogliata a spendere soldi per un servizio che possono avere anche gratis.  

Il consiglio che posso darvi è di sviluppare un software per creare app su modelli freemium, cioè scaricare gratis e poi pagare per avere servizi aggiuntivi.

Un’altra soluzione può essere legare il software ad un prodotto hardware, dando il primo gratuitamente ed il secondo a pagamento. Confrontatevi anche con gli sviluppatori dell’app e le agenzie web a cui vi rivolgete per scegliere il miglior modello di business da seguire.

L’integrazione con i social network

Un software, per creare un’app che piaccia e che coinvolga, deve necessariamente essere integrato con i social network, poiché rappresentano una grandissima vetrina. Nonostante si siano sviluppate varie forme di pubblicità, il passaparola resta probabilmente il migliore modello di marketing.

E non c’è miglior passaparola che quello sui social network; permettono di coinvolgere amici di amici e così via, in un processo virale che potenzialmente può essere infinito. L’obiettivo è quello di unire diversi utenti con la stessa passione, coinvolgendoli e facendoli divertire.

Ricorderate Ruzzle? Il rompicapo delle parole che per un periodo è diventato un vero tormentone. Ebbene sugli store esisteva un’app del tutto simile, che però non ebbe successo perché non fu integrata con i social network.

Altro esempio per capire l’importanza dei social è dato da KLM, una compagnia aerea olandese che non solo consente di  loggarsi sui social network mentre si fa il chek-in, ma addirittura permette di controllare quali altre persone sono presenti su quel volo, e decidere vicino a chi sedersi in base ai loro interessi. In questo modo il volo passerà più in fretta scambiando quattro chiacchiere con chi fa il vostro stesso lavoro o chi tifa per la vostra squadra del cuore.

Nel momento in cui vi rivolgete a degli sviluppatori di app o a social media manager, richiedete assolutamente l’integrazione con i social.

Strategie di mercato

Per attirare e fidelizzare i clienti dovete proporre vari sconti, promozioni e vantaggi che le altre app non offrono.

A tal proposito è molto utile conoscere la tecnologia iBeacon, grazie alla quale si possono localizzare utenti in un determinato punto vendita e fare offerte personalizzate in tempo reale. E’ un sistema molto valido, quindi richiedetelo agli sviluppatori di app a cui vi rivolgete. Ci sono delle strategie di mercato anche in chiave SEO per far comparire la vostra app nei primi posti negli store.

Innanzitutto il nome deve essere breve, accattivante, memorizzabile ed orecchiabile.

Le prime righe della descrizione devono essere esaurienti e complete, dando tutte le informazioni necessarie e spiegando le funzionalità dell’app, solitamente sono quelle che gli utenti leggono con maggiore attenzione.

Gli screenshot devono essere chiari e ben visibili, quindi sceglieteli con molta cura ed attenzione.

Provvedete poi ad inserire degli strumenti per richiedere ai propri utenti di lasciare commenti, feedback e recensioni. Questa però è un’operazione molto delicata e va fatta con intelligenza, date la possibilità di inserire commenti solo a chi entra nella vostra app per la seconda o la terza volta.

Gran parte del proprio budget va poi speso per la promozione e per la pubblicità, altrimenti equivarrebbe ad avere un gran bel negozio ma senza un’insegna fuori alla porta.

Bisogna quindi strutturare le pubblicità sui dispositivi mobili, sui mtori di ricerca e sui social, decidendo dove investire di più in base agli introiti.

Vi abbiamo elencato i 5 consigli su come promuovere un’app, ora tocca a voi sviluppare un’applicazione di successo con l’aiuto di professionisti affidandovi alla vostra fantasia e creatività.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...