Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Automazioni, permessi e bonus fiscali per i cancelli automatici

Immagine di anteprima per: Cancelli Automatici: consigli, permessi e bonus fiscali

L’ingresso dell’abitazione necessita spesso di particolari attenzioni, specialmente se essa è dotata di moltplici accessi per persone e mezzi di trasporto. Il primo punto d’accesso è il cancello, la sua utilità è proprio quella di creare punti di passaggio nella recinzione per poter accedere facilmente con auto, moto bici etc.. 
In alcuni casi il cancello può anche rappresentare un punto di impedimento, specialmente se l’apertura deve essere effettuata a mano. Questa può diventare particolarmente problematica nel caso in cui vi siano cattive condizioni climatiche: se vi è un temporale, ad esempio, bisogna scendere dall'auto per aprire e chiudere il cancello a mano, comportando ovvi disagi.


La soluzione per ovviare a questo tipo di ostacolo è quella di installare un cancello elettrico: ciò può avvenire attraverso l'automazione del cancello già esistente, o attraverso l’installazione di un cancello nuovo.
Il cancello automatico è un comfort che oggi può essere ottenuto in poche ore di lavoro e anche i costi, rispetto a quanto si possa pensare, sono contenuti. Entrare ed uscire di casa utilizzando il cancello automatico è semplice ed immediato, oggigiorno le soluzioni sono davvero tante.


5 componenti che servono per l’automazione del cancello fai da te


L’automazione del cancello fai da te non è sicuramente una delle più semplici operazioni da eseguire, per questo vi raccomando di affidarvi sempre a professionisti esperti, che abbiano una certa familiarità con i dispositivi di automazione e quadri elettrici. Ad ogni modo, vi illustrerò qui di seguito, quali sono i 5 dispositivi per l’automazione del cancello fai da te, che possono essere forniti direttamente dagli installatori o essere acquistati negli appositi punti vendita:

foto di radiocomando cancello automatico

1 . Il radiocomando: il radiocomando è lo strumento più utile e più diffuso che viene utilizzato per l’automazione dei cancelli. Per i cancelli residenziali si usano radiocomandi molto semplici a 1, 2 o 3 tasti che comandano un’unica automazione, mentre esistono apparecchi molto più complessi che possono gestire fino ad 80 gruppi di automazioni. Attraverso il radiocomando viene inviato un impulso al ricevitore che aziona il motore del cancello automatico

Il radiocomando non è il solo sistema di apertura automatica; è possibile attivare le automazioni del cancello con dei selettori (che posso essere a chiave o digitali) oppure con un lettore di prossimità per tessere a transponder. Alcune aziende producono motori che possono essere azionati con l'uso dello smartphone.


2 . La centrale di comando: questo dispositivo, che può essere installato esternamente o incorporato nel motore del cancello automatico, capta i segnali di input provenienti dal radiocomando o dai selettori ed aziona il motore. Dalla centrale di comando si gestiscono preferenze come la velocità di apertura e chiusura, il tempo che vogliamo che trascorra per la chiusura automatica o la forza di impatto a fine corsa. Le centrali di comando in commercio variano in base alle esigenze: da quelle più semplici per i cancelli residenziali con funzioni base, a quelle molto sofisticate che hanno la capacità di svolgere svariate funzioni.

 
3 . Il motore: il motore del cancello automatico è il dispositivo che permette al cancello di aprirsi e chiudersi una volta ricevuto l’impulso dalla centrale di comando. La scelta varia in base a diversi fattori, tra cui il peso del cancello o la frequenza con cui viene utilizzato. Approfondiremo questo aspetto più avanti


4 . Le fotocellule: un dispositivo fondamentale che garantisce sicurezza ma anche comodità. Le fotocellule del cancello automatico sono utilizzate per rilevare la presenza di ostacoli nell'area di movimento del cancello, generalmente durante la chiusura. L’ostacolo viene rilevato dalle fotocellule, che inviano l’impulso di "stop e riapertura" al motore mettendo al sicuro il passante.


5 . Segnali lampeggianti e acustici: anche i lampeggianti e i segnali acustici sono dispositivi di sicurezza. Quando il cancello è in movimento, il lampeggiante si aziona segnalando visivamente a chi sta intorno di prestare attenzione. Allo stesso scopo, può essere installato un segnalatore acustico che produce un suono durante l’apertura e la chiusura del cancello automatico.

I prezzi dei cancelli elettrici,  si aggirano intorno ai 1000 euro (manodopera, dispositivi di automazione e cancello) e, generalmente, possono variare in base al costo della manodopera ed al tipo di automazione da installare. 

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per dei Cancelli Elettrici
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.


Quali sono i tipi di automazione del cancello?


Cancello automatico scorrevole

Il cancello scorrevole automatico scorrono su un binario lineare a cremagliera installato a terra. Solitamente è composto da una sola anta, in modo da occupare una sola area per lo scorrimento. Lo spazio necessario allo scorrimento deve essere almeno della stessa lunghezza del cancello. Il cancello scorrevole è ideale per accessi ampi o in salita, dove si vuole evitare di occupare spazio di manovra. Il motore per il cancello automatico scorrevole va selezionata in base al peso dell’anta (spesso dipende dal materiale di cui è fatta) e della sua lunghezza. Le ante vanno da un peso medio di 300 kg per quelli residenziali, fino anche a 1000 kg.

foto di cancello scorrevole


Cancello automatico a battente

L’apertura e chiusura del cancello a battente avviene ruotando su un fulcro. L’apertura avviene, di solito, verso l’interno della proprietà in quanto richiede di occupare un certo spazio per il passaggio dell’anta (singola o doppia). Anche in questo caso per la scelta del motore è necessario conoscere materiale, peso e robustezza del cancello. Il motore del cancello automatico a battente può essere installato in diversi punti:

 
  • interrato: il motore viene installato sotto terra, a scomparsa totale; il cancello viene mosso da alcuni bracci installati nella parte inferiore del cancello. È la soluzione ideale per non intaccare la parte estetica del cancello e rendere elegante l’ingresso di casa. Più semplice installarla su un cancello nuovo che su uno esistente

  • braccio articolato: in caso di una o due ante leggere, l’automazione con braccio articolato è quella ideale.

    L’installazione è rapida e risponde alle esigenze di mancanza di spazio per altri tipi di motore. Ideale per l’automazione di cancelli già esistenti.
  • motore a vite senza fine: simile al braccio articolato, questa soluzione è ottima per l’automazione di cancelli molto pesanti e robusti

foto di cancello a battente con braccio articolato

Cancello automatico ad alzata verticale 

Una soluzione molto innovativa perfetta per sfruttare completamente tutta l’area circostante. Il cancello automatico ad alzata verticale è consigliato in caso di dislivelli del terreno, vari ingombri laterali o ingressi interrati. Anche in presenza di neve o ghiaccio garantisce tranquillamente il suo funzionamento.

foto di cancello automatico ad alzata verticale


Cancello automatico industriale

Il cancello automatico industriale è utilizzato in aree industriali e commerciali. Deve coprire uno spazio molto ampio, utile al passaggio di mezzi pesanti, per questo è caratterizzato da un ingente peso e grosse da dimensioni. Esso viene utilizzato molto frequentemente, per cui oltre ad essere adatto allo spostamento di un grosso peso, deve essere in grado di sopportare un ampio numero di aperture e chiusure giornaliere.

 
Consigli per la scelta del motore per il cancello automatico


Abbiamo già precedentemente accennato che, per la scelta del motore elettrico di un cancello automatico, la principale informazione utile riguarda il peso. Più il cancello è pesante e più il motore deve avere una maggiore forza motrice. Un altro consiglio pratico che vi può tornare molto utile nella scelta del motore, è quello di valutare anche la frequenza d’uso del cancello automatico. Da questa informazione possiamo fare 3 distinzioni di base: 

Automazione del cancello con bassa frequenza di utilizzo

Questo tipo di automazione viene utilizzata per i cancelli di edifici residenziali o luoghi a basso traffico che prevedono poche aperture/chiusure giornaliere. Frequenza di utilizzo: 2 - 15 volte al giorno


Automazione del cancello con media frequenza di utilizzo


Nei piccoli condomini con parcheggio interno, in una piccola azienda o per piccolo supermercato, il tipo di automazione suggerita è quella a media frequenza di utilizzo. Il traffico si concentra generalmente in alcune fasi della giornata che mettono alla prova il motore del cancello automatico. Frequenza di utilizzo: 15 - 50 volte al giorno.


Automazione del cancello con alta frequenza di utilizzo 


Questa automazione ad alta frequenza di utilizzo è suggerita per i grandi condomini con parcheggi e garage interni che ospitano numerose famiglie, grandi centri industriali, parcheggi pubblici e privati nei centri città, ospedali ed alberghi (dove entrate ed uscite avvengono anche durante la notte) ed altri edifici dove c’è un gran via vai di automobili e mezzi di trasporto. Frequenza di utilizzo: + 50 volte al giorno.


Basandoci sul numero medio di manovre giornaliere e sul peso del cancello da automatizzare, possiamo scegliere l’automazione per cancello che fa per noi. Per le frequenze bassa e media è meglio utilizzare automazioni elettromeccaniche; per l’alta frequenza di utilizzo è meglio servirsi dell’automazione a tecnologia elettroidraulica.


In caso di black-out elettrico, di qualche guasto all'impianto o allo schema elettrico del cancello automatico, i motori in commercio oggi, sono dotati di un dispositivo di sblocco che consente l’apertura del cancello manualmente.


La normativa per la sicurezza del cancello automatico


Già da parecchi anni l’Unione Europea ha introdotto normative sull'automazione cancello. Dall'agosto del 2002, infatti, l’UNI ha diffuso in lingua italiana le normative europee sull'automazione cancelli (EN 12453 ed EN 12445) che già circolavano dal novembre 2000. Queste norme hanno sostituito proprio quelle che l’UNI aveva creato nel giugno 1989. Vediamole più nel dettaglio:

  • EN 12453 “Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage. Sicurezza in uso di porte motorizzate. Requisiti”: questa normativa si occupa dei requisiti di sicurezza nell'uso del cancello, facendo un elenco di tutte le possibili situazioni di pericolo da prevenire. Questa normativa sull'automazione cancelli (e non solo) è la vera e propria norma base per quanto riguarda la sicurezza delle chiusure motorizzate, indicando requisiti di installazione in linea con le Direttive Europee.

  • EN 12445 “Porte e cancelli industriali, commerciali e da garage Sicurezza in uso di porte motorizzate. Metodi di prova”: si occupa dei metodi di prova a cui vanno sottoposti i cancelli per verificarne la conformità ai requisiti richiesti dalla EN 12453. 

Esistono quindi particolari procedure per quanto riguarda l’automazione come dispositivo elettrico e le tecniche di installazione previste per prevenire eventuali rischi legati al suo utilizzo.


Il ruolo dell’installatore del cancello automatico


A proposito di sicurezza, non deve passare in secondo piano il ruolo dell’installatore, che è cruciale anche nel campo, appunto, della messa in sicurezza dell’impianto di automazione oltre che nel montaggio del cancello automatico. L’installatore ha il compito di: 

  • eseguire l’automazione del cancello rispettando i requisiti di sicurezza previsti dalle normative sull'automazione cancello vigenti. 

  • rispettare il progetto e le indicazioni fornite dai produttori delle componenti di automazione da installare, in maniera corretta. 

  • eseguire la verifica del corretto funzionamento dell’automazione. 

  • redigere dei rapporti di prova ed un fascicolo dove sono specificati tutti i dettagli sull’installazione, sullo schema elettrico e sulle componenti utilizzate. 

  • compilare la dichiarazione CE di conformità, come imposto dal d. lgs 37 del 2008 (consegnandone una copia al proprietario) ed apporre una targhetta che indica: i dati identificativi del dispositivo di automazione, i dettagli dell’installatore e il marchio CE.

foto di targhetta CE installatore

Permessi e agevolazioni fiscali per l’automazione cancello


L’automazione del cancello non rientra tra gli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia che necessitano del D.I.A. (Denuncia di Inizio Attività in edilizia), o della S.C.I.A. (Segnalazione Certificada di Inizio Attività). Tuttavia, bisogna avvalersi di installatori specializzati, che sono a conoscenza della normativa sull'automazione dei cancelli e possono quindi operare secondo procedure specifiche e rilasciare la dichiarazione di conformità. Questo documento, se richiesto, deve essere messo a disposizione in caso di controlli delle autorità competenti.

 
Naturalmente, se l’installazione di un dispositivo di automazione o di un nuovo cancello automatico comportasse l’occupazione di suolo pubblico o la modifica urbanistica in luoghi preservati da particolari normative (ad esempio nei centri storici), allora in questi casi è sempre bene informarsi presso gli uffici competenti del proprio comune per ricevere eventuali permessi per l’automazione del cancello.


Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali sull'automazione del cancello, fino al 31 dicembre 2015 è possibile detrarre fino al 50% della spesa sostenuta per l’installazione di un nuovo cancello automatico o l’automazione del preesistente cancello. Questo tipo di interventi rientrano tra i lavori di ristrutturazione edilizia, in particolare nella parte relativa alla messa in sicurezza della singola unità abitativa (anche l’installazione dell’allarme, per intenderci, appartiene a questa categoria); interventi per i quali il governo ha previsto i bonus di detrazione fiscale.


L’automazione del cancello può sembrare un intervento al quale rinunciare, al quale, magari, tante volte, avete dato un valore di poco conto. È, invece, un comfort non secondario e alla portata di tutti grazie alle detrazioni Irpef, che renderà piacevole sia uscire al mattino per andare a lavoro che rientrare la sera, alla fine di una giornata impegnativa. Non rinunciare al cancello automatico, richiedi subito un preventivo per automazione cancello su Fazland!

 
Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto