Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Scegliere la porta blindata giusta: benefici ed incentivi

Immagine di anteprima per: Scegliere la porta blindata giusta: benefici ed incentivi

In questo articolo, vi illustrerò le caratteristiche, i benefici e gli incentivi di una porta blindata, inoltre vi dirò tutto quello che c’è da sapere su: 

  • come scegliere la serratura di una porta blindata
  • come sostituire la serratura di una porta blindata
  • come sostituire una porta blindata 

Quali sono le caratteristiche di una porta blindata?

Una porta blindata, o tecnicamente definita porta anti intrusione, è uno degli elementi fondamentali per un’abitazione sicura. Le principali caratteristiche di una porta blindata riguardano il telaio, l’anta, le cerniere e la serratura. Il telaio è una struttura realizzata in acciaio che va fissata direttamente al muro con delle viti e delle staffe anch'esse in acciaio. L’anta della porta blindata è costituita da alcune lamiere in acciaio (il numero di lamiere varia in base al tipo di porta, generalmente sono 2 o 3). Le cerniere sono il punto di rotazione dove viene ancorata l’anta della porta. Come indicato da una ricerca della UCCT - Unione Costruttori Chiusure Tecniche - le cerniere sono attualmente saldate al telaio nel 90% delle porte prodotte in Italia. Infine la serratura, elemento fondamentale nella porta blindata, dev'essere abbastanza robusta per resistere ai tentativi di intrusione. Ma questo è un argomento che approfondiremo più avanti. 
 

foto porta blindata
La porta blindata, innanzitutto rappresenta un primo filtro di protezione tra ambiente esterno ed ambiente interno che, in base alle proprie caratteristiche, può decisamente essere ampliato in maniera consistente. La tecnologia avanzata presente oggi nel campo della produzione di porte blindate, fa si che i prodotti siano sempre più resistenti; la percentuale di furti nelle abitazioni è di fatto diminuita sensibilmente rispetto al passato, quando le porte di ingresso erano molto meno sicure, ma il numero di scassi rimane comunque alto; inoltre oggi, le imprese produttrici sono obbligate ad effettuare specifici test sulle porte blindate, in modo da poterne verificare l’efficacia. 


L’Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI), che si occupa di attività normativa nei settori commerciali, industriali e terziario, ha recentemente modificato le norme relative a questi test antieffrazione. Le prove a cui una porta blindata è sottoposta sono 3:
1. Prova al carico statico (UNI EN 1628:2011): vengono individuati dei punti specifici sulla porta, sui quali si posizionano, per un minuto circa, dei pesi fino a 1500 chilogrammi
2. Prova al carico dinamico (UNI EN1629:2011): consiste nell'impatto di una massa del peso di 50 chilogrammi su alcuni punti specifici della porta (generalmente gli angoli e le zone vicine ed il centro del pannello); simula un tentativo di sfondamento
3. Prova di attacco manuale (UNI EN 1630:2011): si tratta di una simulazione di intrusione effettuata, per un tempo stabilito, con appositi strumenti da scasso.
Se l’esito del test è positivo, si procede con l’assegnazione di un certificato, che attesta che il prodotto è stato verificato secondo le normative UNI e che appartene ad una della 6 classi, che ne determinano la sicurezza e ne definiscono le caratteristiche.

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta i prezzi per un Fabbro
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.


La classificazione di una porta blindata

  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 1: è utile per le case in cui la percentuale di rischio di furto è molto bassa. Questo tipo di porta, infatti, è progettata per resistere ad un tentativo di scasso da parte di un soggetto con poca esperienza o senza attrezzatura adeguata. Garantendo una minima protezione, la richiesta economica per questo tipo di porta blindata è decisamente la più bassa. 
  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 2: leggermente migliore della porta blindata di classe 1, questa porta è in grado di resistere al tentativo di un soggetto inesperto ma dotato di attrezzatura base e non adatta (martello, cacciavite..); è consigliata per abitazioni dove il rischio di furto è comunque basso. 
  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 3: è progettata per resistere a tentativi di intrusioni effettuati da scassinatori ben attrezzati. É consigliata per abitazioni non completamente isolate e nelle quali è presente merce di medio-alto valore. 
  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 4: con questa tipologia di porta la protezione delle abitazioni è decisamente alta. É ideata per opporre resistenza a tentativi di scasso operati da soggetti esperti e altamente attrezzati; non a caso viene principalmente utilizzata per banche, negozi e case con percentuale di rischio scasso elevata o luoghi nei quali è presente merce di alto valore.
  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 5: il livello di sicurezza dei luoghi in cui è installato questo tipo di porta è molto elevato. Può resistere a tentativi di scasso effettuati da soggetti provvisti di attrezzatura elettrica (come il trapano ad esempio); è generalmente utilizzata in banche e gioiellerie, ma anche in edifici militari o edifici pubblici che necessitano elevata protezione.
  • Caratteristiche di una porta blindata di classe 6: questa porta garantisce protezione assoluta. La percentuale di riuscita dello scasso è prossima allo 0%, in quanto è progettata per resistere a tentativi di scasso ad opera di soggetti estremamente esperti e dotati di attrezzatura sia elettrica che ad alta potenza (come materiale esplosivo). E’ ideale installarla in zone che richiedono sicurezza estrema: caveau, gioiellerie, zone militari, centrali nucleari.

Rilevante per le caratteristiche della porta blindata, è anche il ruolo della serratura. 

Come scegliere la serratura di una porta blindata?

Esistono diversi tipi di serratura di una porta blindata (anch'esse regolate dalle normative UNI) le più diffuse sono il cilindro europeo (conosciuta anche come serratura Yale) e la così detta serratura a doppia mappa
 
cilindro europeo      serratura doppia mappa 

Premesso che ancora non esiste una serratura completamente resistente ad ogni tipo di attacco, il cilindro europeo risulta, ad oggi, essere il più affidabile; non è altro che l’evoluzione della serratura a doppia mappa la quale, avendo uno spazio molto ampio nel quale inserire la chiave, potrebbe essere più vulnerabile. Il vantaggio di un cilindro europeo inoltre, è quello di essere stato progettato per resistere al tentativo di scasso operato con il più classico degli strumenti, il grimaldello bulgaro; inoltre per aumentarne la sicurezza, il duplicato della chiave di questo tipo di serratura può essere effettuato, per legge, solo dal proprietario che ha registrato l’acquisto della serratura. Se, quindi, qualche malintenzionato tenta di duplicare la abusivamente la chiave della nostra porta blindata con cilindro europeo, non può farlo se non fornendo una specifica documentazione che corrisponda al legittimo proprietario.


Installare serrature a doppia mappa, anche moderne, riduce sì la possibilità di scasso, ma rimane comunque un rischio, visto che anche i ladri aggiornano e affinano costantemente le proprie tecniche di scasso. 
Esistono inoltre serrature elettroniche, molto più costose, che prevedono l’apertura attraverso l’uso di telecomandi a distanza, tastierini alfanumerici, lettura di tessere magnetiche.
Il nostro consiglio, quindi, è quello di affidarvi al cilindro europeo che può tranquillamente essere sostituito ad una vecchia serratura a doppia mappa, rendendo la vostra porta di ingresso più sicura.

Come sostituire la serratura di una porta blindata? 

La sostituzione della serratura di un porta blindata è un intervento artigianale che, per una perfetta riuscita, deve essere affidato ad un tecnico installatore specializzato che conosca a fondo questo tipo di serrature. La sostituzione può essere fatta sia se desiderate aumentare la sicurezza della vostra porta blindata, sia se dopo aver tentato uno sblocco della serratura rimane comunque bloccata. Solitamente il cilindro europeo può essere adattato ad ogni tipo di porta blindata e in base alle caratteristiche della porta blindata stessa, la vecchia serratura a doppia mappa può essere rimossa e se non sono necessari particolari accorgimenti, viene rimpiazzata dalla nuova serratura a cilindro europeo. In caso contrario, qualora la sostituzione richiedesse un intervento che comporterebbe, oltre che una spesa elevata, delle modifiche eccessive della porta blindata, è consigliato sostituire la porta blindata.

Come sostituire una porta blindata?

Vi illustrerò ora come smontare una porta blindata e come sostituire una porta blindata, per aiutarvi ad avere un’idea sul lavoro da fare, ricordandovi però che le istruzioni in dotazione sono quelle da tenere maggiormente in considerazione. Per smontare e sostituire una porta blindata è necessario:

  • Innanzitutto verificare che lo spazio nel quale è inserita la vecchia porta sia sufficiente per l’installazione della nuova porta blindata. 
  • Rimuovere ora la vecchia porta: smontare una porta blindata non è un processo eccessivamente complicato: 1) rimuovete la porta blindata dalle cerniere e mettetela da parte 2) individuate le viti alle quali è fissato il telaio e rimuovetele 3) procedete con la rimozione del telaio ed eventuali controtelai e guarnizioni
  • Verificate ora che i bordi delle pareti sui quali verrà installata la nuova porta non siano eccessivamente usurati, e che siano correttamente lisci e livellati (eventualmente la carta vetrata potrebbe aiutarvi a livellare il tutto). Coprite eventuali fori ai quali era fissato vecchio telaio. 
  • Predisponete il telaio per la montatura, avvicinatelo alle pareti e con una matita segnate il punto dove effettuare i buchi ai quali fissare il telaio.
  • Mettete da parte il telaio, effettuate con un trapano i buchi sui punti predisposti 
  • Fissate ora il telaio con le apposite viti, facendo attenzione a posizionare le cerniere  nel punto giusto, in modo che la porta ruoti verso il punto desiderato.
  • Con l’ausilio di altre persone, sollevate la porta blindata e incastratela nelle apposite cerniere.

Ecco un breve video che illustra i vari passaggi per sostituire una porta blindata:

 

Un consiglio utile per mantenere efficiente la porta blindata, è quello di farne verificare le condizioni ogni 2-3 anni, specialmente nei punti in cui potrebbe usurarsi in maniera consistente (serratura, ingranaggi etc...). Inoltre, se la porta blindata è esposta costantemente ad agenti atmosferici, è bene che questa verifica venga fatta ogni anno.

Quali sono i benefici di una porta blindata?

Protezione, privacy ed isolamento sono quindi le più importanti funzioni, o meglio i valori aggiunti, che una porta blindata può dare alla vostra casa. I benefici di una porta blindata, aumentano se il processo di scelta viene fatto con la massima attenzione. È sbagliato scegliere solo in base ai costi ma è consigliato valutare principalmente: 
1. percentuale di rischio di intrusione, ossia quanto è realmente possibile che qualcuno tenti di entrare nell’abitazione (se l’abitazione si trova in una zona isolata il rischio, naturalmente, è più alto, mentre in una zona residenziale o in un condominio è molto più bassa)
2. valore economico dei beni presenti all’interno delle abitazioni e degli spazi da proteggere

I dati numerici riguardanti i furti nelle abitazioni, purtroppo non sono confortanti. Uno studio del Censis ha rivelato un consistente aumento negli ultimi 10 anni, specialmente nel Nord-Est Italia che risulta essere la zona più colpita. La media è di ben 689 furti al giorno, cioè 29 furti ogni ora, uno ogni due minuti. Vista la situazione allarmante, e considerando che la maggior parte dei tentativi di intrusione nelle abitazioni avviene attraverso gli ingressi principali, i benefici di una porta blindata sono più che considerevoli data la basilare funzione di sventare o comunque rendere questi tentativi di furto sempre più difficili.

Quali sono gli incentivi per le porte blindate del 2015?

Veniamo all’aspetto economico, andando a capire quanto costa una porta blindata e quali sono gli incentivi per l’acquisto di una porta blindata nel 2015.
Abbiamo precedentemente analizzato le varie classi che definiscono le caratteristiche di una porta blindata. Questo può gia essere un primo filtro per la scelta: più alta è la classe che scegliete, più alto sarà il costo di una porta blindata . Come già detto è importante però, prima valutare il grado di sicurezza necessario o comunque adatto al luogo in cui si trova la vostra abitazione. 

Ma è importante sapere che il governo rinnova annualmente gli incentivi riguardanti le ristrutturazioni edilizie . Come riportato sul sito dell’agenzia delle entrate, è prevista la detrazione irpef per le spese di ristrutturazione effettuate entro il 31 dicembre 2015, fino al 50%. 
Naturalmente, le spese di ristrutturazione a cui l’agenzia dell’entrate fa riferimento ricoprono un ampio ventaglio di interventi sull'abitazione: dal rafforzamento delle porte già esistenti all'installazione di porte blindate nuove ; dalla sostituzione delle vecchie recinzioni alle installazioni di sistemi di sicurezza. Gli incentivi per le porte blindate del 2015, quindi, rientrano nella detrazione irpef relativa alle ristrutturazioni, ammortizzando sensibilmente i costi che dovete sostenere.

La sicurezza della vostra abitazione ruota attorno ad una buona porta blindata. I tentativi di furto nelle vostre abitazioni possono essere sventati solo se la porta che avete scelto risponda alle caratteristiche adatte alla zona in cui vivete. Non deve passare in secondo luogo l’installazione della porta blindata, che è meglio che avvenga per mano di un tecnico installatore specializzato in modo da non presentare errori che potrebbero essere fatali e rendere il tentativo di scasso più facile.
Resta il fatto che, con i numeri relativi ai furti così allarmanti e grazie al risparmio che si può ottenere con gli incentivi Irpef 2015 non c’è altro tempo da perdere per sostituire la vostra vecchia porta con una porta blindata che dia alla vostra abitazione la giusta protezione che merita.

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto