Riconoscere le crepe pericolose nei muri di casa

Immagine di anteprima per: Riconoscere le crepe pericolose nei muri di casa

Ogni casa ha le sue rughe. Tempo, eventi, logorio quotidiano: anche la struttura in cui abitiamo esibisce in superficie delle tracce che esprimono il suo vissuto. E le relative esigenze. Possiamo curare il decoro, l'igiene, l'estetica della nostra dimora, ma non sempre prestiamo la dovuta attenzione ai segnali attraverso i quali ci comunica le urgenze di manutenzione o i rischi in cui possiamo incorrere. Crepe e fessure sui muri, per esempio, sono un linguaggio in codice che è necessario decifrare, con l'aiuto di tecnici competenti, per verificare lo stato di salute dell'edificio. Cedimenti e crolli sono eventi piuttosto rari, ma spesso non improvvisi e imprevedibili come sembrano.

Quando appaiono una o più crepe in casa, c'è chi si preoccupa anche della più piccola e innocua e corre subito ai ripari, fosse solo per un fattore estetico. Ma più spesso accade che i quadri fessurativi di casa ci accompagnino come un dato di fatto, uno spiacevole effetto del tempo che pare impossibile possa denunciare un serio problema strutturale. E', dunque, importante non sottovalutare a priori e cercare di capire quali siano i segnali per i quali occorre richiedere la consulenza di un professionista, in grado di individuare la causa del problema e i conseguenti interventi da eseguire.

Crepe da assestamento o cedimento strutturale?
 
Il quadro fessurativo definisce l'insieme di fessure visibili o invisibili presenti su un'opera o un elemento strutturale, causate da uno stato di degrado o di dissesto. Per una corretta valutazione, è necessario distinguere le fessure che sono un semplice segnale di assestamento della struttura da quelle che indicano, invece, un fenomeno di cedimento in corso, che può aggravarsi nel tempo e portare al crollo di elementi portanti, con grave rischio per l'incolumità degli abitanti dell'edificio. Le diagnosi e gli interventi fai da te sono consigliabili solo in casi di indubitabile evidenza della non pericolosità di una crepa. Nei casi dubbi, è bene valutare conformazione e posizione delle crepe presenti, in relazione alla tipologia e alla storia dell'edificio. Cercare di riparare una crepa a rischio, per motivi estetici, non solo non è una soluzione, ma può anche diventare un ostacolo qualora si dovesse esplorare la causa della lesione.

I tipi di fessure
Solitamente le fessure di un edificio sono provocate dalle seguenti cause:
- da esercizio e/o crisi strutturali
- dal tipo di assorbimento dell'umidità
- dalla viscosità o dal ritiro dei materiali
- da cedimenti di fondazioni, dall'espansione di parti interne o da dilatazioni causate dall'assenza di giunti
- da vibrazioni, terremoti o variabili specifiche del luogo, quali particolari condizioni climatiche o incendi

Crepe da assestamento
 
Inestetiche ma inevitabili, sono le crepe innocue causate dal normale assestamento dell'edificio, tanto più in caso di materiali non dotati di alta capacità elastica. Spesso sottili, possiamo notarle soprattutto vicino a porte e finestre, negli angoli, all'incrocio tra due murature o tra un tamponamento e il solaio. Usura del tempo, ritiro dei materiali e umidità sono tra le cause più frequenti. Brutte ma non pericolose, possono prestarsi a interventi fai da te, per ripristinare l'armonia della casa. Il web è ricco di tutorial che indicano prodotti, strumenti e fasi per stuccare le crepe, in base ai materiali da costruzione utilizzati per le pareti.

Cedimenti strutturali

Più che vietato il fai da te. Quando le crepe di casa ci appaiono insolite e suscitano il forte sospetto che non si tratti affatto di segnali di assestamento, occorre affidarsi alla competenza di un tecnico di fiducia, che possa eseguire la diagnosi approfondita. Persino i professionisti, talvolta, devono monitorare il quadro fessurativo per un periodo più o meno lungo di tempo, prima di decidere come risolvere il problema. Se le cause possono essere molteplici - dagli errori di progettazione dell'edificio ai cedimenti del terreno di fondazione, dalle variazioni di temperatura al deterioramento dei materiali, da scavi nelle vicinanze a terremoti - gli effetti possono essere ingannevoli. Piccolezza o grandezza della crepa, infatti, non sono necessariamente un valido criterio di valutazione. Più significativo l'andamento delle crepe: se quelle orizzontali e verticali non sono in genere segnali di pericolo, quelle diagonali o ad arco sono sempre fortemente sospette. Da valutare anche se siano posizionate su semplici parti di tamponamento, come le tramezze, o su elementi della struttura portante, come travi, pilastri o setti. Minimizzare o procrastinare sono errori che possono costare molto di più dell'intervento di un tecnico strutturista.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...