Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Quando serve la manutenzione della stufa a legna

Immagine di anteprima per: Quando serve la manutenzione della stufa a legna

Se avete appena acquistato un nuova stufa a legna o ne avete già una in casa, la domanda che molti di voi si pongono è sempre la stessa: quando serve la manutenzione della stufa a legna?

La manutenzione della stufa a legna deve essere eseguita più spesso rispetto alla stufa a pellet o tronchetti, dato che i fumi prodotti dal legno sporcano di più le tubature. Ecco perché, se volete che la vostra stufa a legna vi accompagni ancora per molto tempo, dovrete controllare i tubi minimo una volta all'anno.

La revisione completa dell'impianto, invece, richiede fortunatamente meno frequenza. Nonostante ciò, vi consiglio di farla almeno ogni cinque o sei anni.

Pulire adeguatamente una stufa a legna vi permetterà di consumare meno legname, far durare a lungo e rendere più sicuro il vostro impianto di riscaldamento, ma anche respirare aria più sana.

Ecco alcuni consigli per una corretta manutenzione e pulizia della vostra stufa a legna.

Rimuovere la cenere

foto: manutenzione stufa a legna

Grazie all'elevata efficienza di combustione, le stufe a legna moderne producono molta meno cenere rispetto ai modelli più vecchiotti. Ciononostante, il mio consiglio è quello di svuotare il cassetto della cenere almeno una volta al mese, tempo che si dimezzerà nei periodi invernali di maggiore utilizzo.

Ricordate comunque che il cassetto va pulito solo quando è pieno, e che un leggero strato di cenere sul fondo non fa che migliorare l'efficienza della combustione.

Mi raccomando, attendete che la brace si sia raffreddata completamente, prima di rimuoverla dalla camera di combustione.

Se poi siete in cerca di qualche consiglio della nonna su come riciclare la cenere, considerate che il prodotto della combustione del legno è un ottimo fertilizzante, inolte è perfetto anche per lucidare argenteria ed acciaio, e vi aiuterà all’occorrenza a sciogliere neve e ghiaccio. 

Controlli straordinari per la manutenzione stufa a legna

foto: stufa a legna

Al di là dell'abituale svuotamento delle ceneri, probabilmente vi starete chiedendo quali sono gli interventi straordinari per la manutenzione stufa a legna

Ebbene, a questo riguardo è indispensabile che controlliate almeno una volta all'anno le griglie di combustione ed il piatto di fondo.

Si tratta infatti di parti abbastanza delicate, sensibili al surriscaldamento e soggette a corrosioni e deformazioni. 

Oltre alle griglie e al piatto, dato che ci siete, date un'occhiata anche al deviatore dei fumi. Pulirlo con l'ausilio di una pratica spazzola metallica eviterà infatti fastidiose ostruzioni dovute a potenziali accumuli di cenere.

Manutenzione stufa a legna in cotto e in ghisa

foto: stufa in ghisa

Se possedete una stufa a legna in cotto, non dimenticate ogni tanto di smontarla: solo un’adeguata manutenzione eviterà il formarsi di depositi di condensa e creosoto al suo interno.

Quando la smonterete, approfittatene anche per controllare le guarnizioni, da sostituire ogni tre anni o comunque una volta che avranno perso elasticità.

Se invece avete una stufa di ghisa, vi conviene verificare periodicamente la tenuta del mastice refrattario, che sigilla i diversi pezzi dell'impianto.

Quando il mastice si secca, infatti, si possono creare delle falle nella tenuta d'aria della stufa, e in questi casi dovrete rivolgevi a un tecnico esperto.

Inoltre, la ghisa è un materiale che resiste bene alle alte temperature, ma soggetto alla formazione di ruggine. In questi casi vi basterà riverniciare con vernici per alta temperatura o trattate con apposite paste grafitate.

Come effettuare la pulizia della stufa a legna

foto: pulizia stufa a legna

La manutenzione stufa a legna, ovviamente, non comprende solo interventi straordinari come sostituzioni o verniciature, ma anche un'opportuna pulizia. 

Per effettuarla al meglio, detergete le superfici esterne per mezzo di un panno morbido appena inumidito, evitando l'uso di detersivi.

Per quanto riguarda il vetro, per renderlo brillante vi consiglio una soluzione di soda o potassa, anche se per pulirlo al meglio non c'è detergente migliore della stessa cenere, da passare su uno straccio o con carta di giornale, rimuovendo poi il tutto con semplice acqua. 

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per uno Spazzacamino
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.

Il creosoto: il nemico numero uno per la vostra stufa a legna

Il peggior nemico di una stufa a legna è il creosoto. I depositi di creosoto cominciano a formarsi quando la temperatura della canna fumaria scende sotto i 150°.

Se volete evitarli, dovete cercare di mantenere la stufa alla sua andatura normale più a lungo possibile. 

Per esempio, se volete tenere la stufa accesa tutta la notte, sarà inevitabile regolare la stufa al minimo, per prolungare la combustione; in questo caso, dopo aver fatto un bel carico di legna, e prima di chiudere il registro dell'aria al minimo, lasciate bruciare la stufa alla massima andatura per almeno 20 - 30 minuti, per eliminare quanta più umidità possibile dalla legna e ridurre al minimo la formazione di creosoto.  La mattina dopo, per prima cosa, riavviate al massimo la stufa, per bruciare via il creosoto formatosi durante la notte.

In ogni caso, e anche con le migliori stufe e canne fumarie, la formazione di depositi di creosoto è inevitabile, quindi una regolare pulizia e manutenzione della canna fumaria è indispensabile.

Pulizia e manutenzione della canna fumaria

foto: pulizia canna fumaria

La pulizia canne fumarie è uno degli interventi più importanti per una corretta manutenzione stufa a legna.

Per mantenere il vostro impianto di riscaldamento nelle migliori condizioni, dovrete quindi effettuare la pulizia con molta cura, almeno una volta all'anno, ma anche più spesso in caso di uso frequente e se consumate legna resinosa o non del tutto secca. 

La pulizia può essere affidata ad uno spazzacamino esperto, oppure alla propria buona volontà, tenendo conto che può essere un lavoro decisamente sporco.

Se vorrete cimentarvi nell'impresa vi servirà la spazzola adatta, munita di bastoni in fibra di vetro, flessibili e collegabili in successione. Sceglietela in acciaio se vi trovate alle prese con un comignolo in muratura o in nylon se il suo interno è realizzato in acciaio. 

Una volta che vi sarete dotati della spazzola, rimuovete il comignolo e infilatela dall'alto, se non volete essere sommersi da una valanga di fuliggine.

Spingetela dunque delicatamente su e giù, aggiungendo pian piano ulteriori bastoni, fino al raggiungimento della base della canna fumaria.

Considerate che se il tetto è molto alto e ripido, l'inesperienza può rivelarsi pericolosa: in questi casi, meglio desistere, e richiedere un preventivo per spazzacamino professionista.

Se invece la canna fumaria è facile da raggiungere e di dimensioni ridotte, potreste provare a lavorare dal basso, in quanto i depositi saranno più contenuti.

In ogni caso, per la manutenzione stufa a legna, non trascurate mai le protezioni, indossando appositi occhiali e guanti, oltre ad un'utilissima mascherina anti polvere.

Il canale da fumo può essere pulito molto più facilmente, soprattutto se avete a disposizione degli sportelli di ispezione. 

Se il condotto è costituito dai classici tubi smaltati, rimuoveteli completamente, così da poterne verificare lo stato di conservazione. Considerate infatti che questo tipo di tubi, oltre a costare meno, è molto più soggetto ad usura rispetto a quelli in acciaio o in muratura. Dunque, se non siete del tutto certi della loro condizione, non esitate a sostituirli.

Adesso che sapete quando serve la manutenzione della stufa a legna, potrete prendervene cura nel migliore dei modi. Lei vi ricambierà con risparmio energetico e massimo rendimento termico.

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto