Vantaggi del condizionatore inverter rispetto a quello tradizionale

Immagine di anteprima per: Condizionatore Inverter (caratteristiche e vantaggi)

Recentemente si sta concentrando l’attenzione sull’installazione delle pompe di calore su edifici già esistenti per poter accedere alle detrazioni fiscali relative al risparmio energetico o alle ristrutturazioni edilizie e al bonus mobili.

Queste detrazioni non sono cumulabili tra di loro ma se ne può scegliere soltanto una. Inoltre, per ogni singola detrazione bisogna rispettare determinati requisiti e seguire un preciso iter burocratico.

Infatti, può anche verificarsi che l’installazione di una determinata pompa di calore non garantisca la possibilità di accedere ad una delle tre detrazioni fiscali. Oppure, al contrario, una determinata tipologia di intervento può permettere di accedere a tutte e tre le detrazioni fiscali e in questo caso bisogna scegliere quella più vantaggiosa dal punto di vista economico.

Per sciogliere tutti questi nodi e risolvere tutti i quesiti è consigliabile consultare un’azienda esperta del settore, che sappia indicarvi a quali detrazioni potete accedere anche in base al tipo di intervento che intendete fare.

La stessa azienda può, inoltre, proporvi una serie di offerte per condizionatori che si adattano alle vostre richieste e alle vostre esigenze.

Per chiarirci meglio le idee, analizziamo le principali differenze ed i vantaggi del condizionatore inverter rispetto a quello tradizionale.

Differenze e vantaggi del condizionatore inverter rispetto al condizionatore tradizionale

Prima di capire che tipologia di pompa di calore volete andare ad installare sulla vostra abitazione o nel vostro edificio, è bene conoscere differenze e vantaggi del condizionatore inverter rispetto al condizionatore tradizionale, detto anche on/off.

Sia il condizionatore inverter che il condizionatore tradizionale permettono di impostare la temperatura con il telecomando, quindi hanno la capacità di rinfrescare o riscaldare (nel caso di pompe a calore) al fine di mantenere la temperatura dell’ambiente al valore di quella impostata.

Possiamo, però, dire che sostanzialmente le cose in comune tra i due tipi di condizionatore finiscono qui.

Portare l’ambiente ad una temperatura ed umidità confortevoli per l’utente è il fine ultimo di entrambi i condizionatori ma le modalità sono diverse.

condizionatori senza tubo

Condizionatore tradizionale: come funziona?

Il condizionatore tradizionale ha sicuramente un costo minore ed è in grado di gestire il funzionamento del compressore che genera il freddo in maniera “digitale”, dando la possibilità di scegliere tra 0 (spento, quando si raggiunge la temperatura desiderata) e 1 (cioè acceso al massimo della sua potenza, quando la temperatura si allontana da quella impostata con il termostato oltre il limite di tolleranza che in genere è di uno o due gradi).

Facciamo un esempio per capirne meglio il funzionamento. Supponiamo che all’interno della vostra stanza abbiate predisposto un condizionatore on/off (dove per on/off si intende l’unità esterna che si accende e si spegne a seconda delle necessità), con la ventola in funzione alla velocità che avete impostato.

Nel caso in cui la temperatura dell'ambiente si alzi a 27°, quando invece in realtà avete impostato il condizionatore a 25°, allora alla macchina esterna viene chiesto di partire. Quindi la macchina esterna lavorerà sin da subito al 100% delle sue capacità per rinfrescare l’ambiente.

Una volta raggiunti i 25°, la macchina esterna si stopperà automaticamente, in attesa di ulteriori istruzioni dalla macchina interna.

Durante i cicli di on/off della macchina esterna, la macchina interna continuerà ad offrire ventilazione, onde evitare stratificazioni dell’aria e per garantire una distribuzione più omogenea dell’aria nell’ambiente.

Questi sono modelli abbastanza obsoleti, quindi i rivenditori ed i negozianti tendono a venderli a prezzi decisamente scontati per eliminare le scorte di magazzino.

Vantaggi del convertitore inverter: come funziona?

Ora possiamo analizzare i vantaggi del convertitore inverter rispetto a quello tradizionale. Il climatizzatore inverter rappresenta sicuramente una tecnologia più evoluta e all’avanguardia, anche se indubbiamente più costosa.

È dotato di un dispositivo elettronico che viene controllato da un microprocessore il quale, aumentando oppure diminuendo il regime di rotazione del compressore, garantisce la possibilità di modulare la potenza erogata della macchina in modo proporzionale alla necessità di richiesta di caldo o freddo.

In questo modo si eliminano i fastidiosi e dispendiosi “attacca e stacca” del motore tipici di un condizionatore tradizionale.

Inoltre, utilizzando un condizionatore inverter il risparmio energetico è garantito. Si è calcolato che su un funzionamento continuo di 8 ore, si ottiene un risparmio di energia elettrica che oscilla tra il 30 ed il 70%.

Va specificato, poi, che nel condizionatore inverter non è possibile fermare la macchina esterna una volta che è stata azionata e che la potenza in base alla quale lavorare (che può variare tra lo 0 e il 100% della capacità della macchina) viene impostata in automatico.

Se, per esempio, impostiamo una temperatura di gran lunga più bassa rispetto a quella rilevata nell’ambiente, la macchina esterna lavorerà al 100% delle sue capacità. Se, invece, impostiamo una temperatura che è molto vicina a quella che si trova nell’ambiente, allora la macchina esterna lavorerà ad una potenza ridotta, forse al 20 o 30% delle sue capacità.

Questo processo è possibile poiché all’interno della macchina esterna è presente il compressore inverter che ha giri di rotazione variabile.

Quindi possiamo così riassumere i vantaggi del convertitore inverter:

  • Miglior comfort e facilità d'uso (la possibilità di variare la capacità di rinfrescare o di riscaldare fa in modo che l’oscillazione della temperatura nell’ambiente risulti più fluida, morbida e meno accentuata)
  • Assenza di partenze al 100% (l’inverter parte al minimo dei giri, per poi aumentare gradualmente: in questo modo non ci sono picchi di richiesta di corrente e si riducono le possibilità che il contatore generale salti per un’eccessiva ed improvvisa richiesta di corrente)
  • Migliore resa economica (tramite un convertitore inverter il risparmio energetico è tangibile soprattutto durante l’utilizzo in modalità pompa di calore e su lunghi periodi di funzionamento)
  • Scarsa rumorosità.

telecomando condizionatore

Detrazioni fiscali per condizionatore inverter: come ottenerle?

I vantaggi del condizionatore inverter però non sono finiti qui. Infatti, è possibile accedere alle detrazioni fiscali per un condizionatore inverter indicando nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile dove sono stati eseguiti i lavori.

Bisogna, inoltre, esibire e conservare tutte le fatture che attestano le spese sostenute e le ricevute dei bonifici di pagamento, che devono essere accompagnate dalla seguente causale: “BONIFICO AI SENSI DELLA LEGGE DPR 917-1986-TUIR ART. 16BIS (ex 449/97) – ACQUISTO CLIMATIZZATORE INVERTER CON POMPA DI CALORE”.

Per questo procedimento è consigliabile essere guidati da un fiscalista o da un commercialista esperto in materia fiscale e di condizionatori, che sappia indicarvi la via giusta da seguire per accedere alle detrazioni superando i vari ostacoli burocratici.

Per la scelta dell’impianto giusto da installare nel vostro appartamento, invece, è opportuno consultare una ditta che si occupa dell’installazione di condizionatori.

Alla luce di tutto ciò, i vantaggi del condizionatore inverter rispetto a quello tradizionale sembrano notevolmente maggiori ma bisogna valutarli di volta in volta.

In alcuni casi, ad esempio, l’installazione del condizionatore inverter non è necessaria, anzi è addirittura sconsigliata in base al posizionamento della macchina, alla tipologia del locale e all’uso che se ne intende fare.

I principali costruttori ed installatori di condizionatori, infatti, spesso propongono soluzioni sia per una gamma di condizionatori inverter sia per una di condizionatori tradizionali on/off.

Quindi per la scelta dell’impianto giusto da installare nel vostro appartamento o nel vostro locale, è opportuno consultare una ditta che si occupa dell’installazione di condizionatori che, dopo aver effettuato un sopralluogo, può darvi consigli utili su come procedere e su quale condizionatore installare.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...