Le finestre intelligenti aperte sul futuro del risparmio energetico

Immagine di anteprima per: Le finestre intelligenti aperte sul futuro del risparmio energetico

È un mondo per oggetti intelligenti. L'aggettivo "smart" accompagna sempre più prodotti sul mercato, traducendo in inglese la complicità tra ingegno umano e materia. E ora tocca alle finestre. Le smart windows, o finestre intelligenti in VO2, sono pronte a competere in efficienza e sostenibilità con i doppi vetri standard, vantando percentuali di risparmio energetico da prime della classe.

Se le finestre di casa rappresentano una delle principali fonti di dissipazione termica, rendendo economicamente più oneroso il processo di mantenimento delle temperature interne, la smart-tecnologia le ha rese uno strumento ad alta versatilità, in grado di aumentare le prestazioni eco sostenibili dell'edilizia, nel promettente settore del raffrescamento e del riscaldamento.

Le finestre intelligenti potrebbero addirittura dare un forte contributo per portare l'Unione Europea a raggiungere l'obiettivo del 34% di quota rinnovabile entro il 2030. In che modo? Modificando la loro trasparenza ai raggi infrarossi, così da trattenere il calore interno nelle stagioni fredde e bloccare quello esterno nelle stagioni calde. Un incantesimo tecnologico in VO2, ovvero biossido di vanadio. Sotto forma di pellicola di rivestimento, con uno spessore tra i 50 e i 150 nanometri (mille volte più sottile di un capello! ), il biossido è la carta eco-vincente su cui punta un team di ricercatori della RMIT University di Melbourne, in Australia, pronto a tradurne le già note proprietà in una sempre più efficiente capacità di interazione con l’ambiente.

Trasparente per l'occhio umano, qualità essenziale in caso di finestre, e in grado di trasdurre i segnali ottici in elettrici e viceversa, lo strato in VO2 è del tutto autosufficiente nel processo di risposta ai cambiamenti delle temperature, senza richiedere alcuna apparecchiatura di supporto che comporti un onere energetico.

La ricerca australiana ha, inoltre, consentito di depositare il biossido di vanadio direttamente sui substrati, unica soluzione per poterlo utilizzare per la prima volta su ampie superfici. Con i doppi vetri, insomma, non c'è competizione: i test del team dichiarano che le smart windows sono più efficienti del 45% in inverno e del 70% in estate, aggiudicandosi, grazie all’intelligenza e alla versatilità, il titolo di finestre sul futuro.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...