Come dipingere casa: 8 tecniche di pittura

Immagine di anteprima per: Devi dipingere Casa? Ecco le migliori tecniche di pittura

Non occorre essere artisti o pittori esperti per dare alle pareti un tocco personale, scegliendo i materiali più appropriati e imparando a conoscere le tecniche di pittura più adatte al proprio livello di manualità e al proprio stile. Chiunque, infatti, può in breve tempo rimodernare gli interni della propria casa.

Di seguito, vi propongo una breve guida che vi aiuterà a capire come dipingere casa scegliendo una tra le 8 tecniche di pittura proposte. 

Come scegliere la tecnica di pittura più adatta

Quando ci si appresta a dipingere casa, scegliere la tecnica di pittura più adatta da utilizzare è una delle fasi più importanti. Per evitare di prendere una decisione affrettata e troppo ambiziosa per le vostre possibilità, è opportuno considerare alcuni aspetti preliminari indispensabili per la buona riuscita dell'operazione.

Sebbene l'effetto visivo finale sia l'elemento più rilevante per orientarsi nelle svariate tecniche di pittura per interni, una delle prime considerazioni da effettuare riguarda il tempo a vostra disposizione e la spesa che desiderate sostenere. Stabilire in anticipo un budget oltre il quale preferite non andare e pianificare i tempi necessari per realizzare la tinteggiatura, vi aiuterà a svolgere questo lavoro con serenità e precisione.

Bisogna valutare, poi, l'effetto che ogni tecnica di pittura può offrire, considerando anche la qualità e la reperibilità dei materiali necessari per realizzarla: questa è la seconda operazione da effettuare con ponderazione. Infatti, un effetto ottico che vi colpisce in fotografia potrebbe non risultare adatto alla stanza che dovete tinteggiare o all'arredamento della vostra abitazione.

Infine, non dimenticate di considerare il grado di esperienza e le abilità richieste per ogni tecnica di pittura. Scegliete con cura l'imbianchino a cui vi rivolgerete per questo lavoro, perchè la buona riuscita del lavoro per imbiancare casa dipenderà proprio dalla sua abilità e precisione.

Per aiutarvi intanto a prendere la decisione più appropriata, vi mostro dunque 8 tecniche di pittura che sapranno incontrare le esigenze sia di coloro che desiderano semplicemente sistemare i muri di casa sia di chi è alla ricerca di cambiamenti più radicali.

1. Tecnica di pittura con pennello

Foto: tecnica di pittura pareti con pennello

Partiamo dalla tecnica di pittura con pennello che è sicuramente la più largamente usata e può essere realizzata abbastanza facilmente con la tecnica del fai da te, grazie all'utilizzo di strumenti familiari, facilmente maneggiabili anche da chi si appresta a dipingere casa per la prima volta. Questa tecnica è l'ideale per tinteggiare qualunque zona della casa.

Per dipingere una parete con la tecnica di pittura con pennello occorre procurarsi un tipo di pennello più propriamente detto pennellessa, di medie dimensioni, comprese tra i 10 e i 15 cm, adatto a stendere la pittura sulla maggior parte del muro, e alcuni pennelli più contenuti per rifinire gli angoli e i bordi e per gli ultimi ritocchi.

Una volta preparata la vernice da utilizzare, diluendola in maniera adeguata, sarà sufficiente intingere la pennellessa nel contenitore di vernice fino a metà della sua lunghezza, lasciare scolare l'eccesso e stendere poi la pittura con movimenti verticali, seguite da strisce orizzontali e nuovamente verticali.

Bisogna suddividere l'area da trattare in quadrati virtuali di circa un metro per un metro. Procedete quindi a dipingere l'intera superficie dipingendo un quadrato alla volta.

Tenete presente che la tinteggiatura va eseguita partendo sempre dal lato più vicino alla fonte di luce e procedendo verso la parete opposta, vi consigliamo di iniziare a dipingere dal soffitto per avere la possibilità di coprire successivamente eventuali schizzi o sbavature di colore.

2. Dipingere casa con il rullo semplice e il rullo decorativo

La tecnica di pittura con rullo è ancora più facile da realizzare di quella con la pennellessa perchè il rullo permette di ottenere un risultato pulito ed omogeneo con meno passaggi e tempi di lavoro inferiori.

Lo strumento principale utilizzato in questa tecnica artistica è il rullo, attrezzo composto da una struttura cilindrica rotante ricoperta di spugna o altro materiale adatto alla pittura che, installata su una impugnatura di plastica o metallo, rilascia gradualmente il colore sulla parete.

Utile per coprire in breve tempo vaste aree di superficie, la tecnica di pittura con rullo si esegue versando nell'apposita vaschetta un quantitativo di vernice che non superi i 2 cm di spessore e immergendo il rullo nel contenitore affinché la spugna assorba il colore

Dopo aver lasciato scolare l'eccesso di vernice adoperando l'apposita griglia, si procede facendo scorrere il rullo più volte sulla stessa porzione di parete. Per garantire un risultato ottimale, eseguite movimenti costanti avanti e indietro e dall'alto verso il basso, dipingendo anche in questo caso un metro quadro alla volta.

Per dare alla parete un effetto personalizzato è inoltre possibile avvalersi di rulli decorativi che, grazie alle scanalature presenti sulla superficie, consentono di disegnare con precisione motivi geometrici e ornamentali di particolare impatto visivo.

tecnica di pittura con rullo decorativo

 

3. Tecnica di pittura a effetto spugnato

Semplice e veloce da eseguire, la tecnica di pittura a effetto spugnato prevede la tinteggiatura dei muri attraverso l'utilizzo di una spugna che, dopo essere stata immersa nella vernice, viene tamponata sulla parete creando un effetto sfumato e modulabile. Anche questa tecnica di pittura è facilmente realizzabile con il fai da te.

Realizzabile con diverse varianti di colore, dal tono su tono al contrasto di colori, la spugnatura è ideale per dare dinamismo e vivacità a tutte le zone della casa.

tecnica di pittura a effetto spugnato

Per eseguire la tecnica di pittura ad effetto spugnato è necessaria una spugna marina di grandezza non superiore ai 20 cm e una o più vernici colorate. In primo luogo occorre preparare la superficie da dipingere stendendo una mano di pittura bianca o colorata in maniera omogenea; in secondo luogo, prelevate con la spugna una quantità non eccessiva di vernice e procedete a tamponare delicatamente la parete con movimenti veloci e costanti. 

Se si desidera un effetto più movimentato è possibile variare la pressione, la distanza dei segni e la direzione di movimento impressa alla spugna. Nel caso si voglia sovrapporre più colori è bene ricordarsi di lasciare asciugare la vernice tra un'applicazione e l'altra.

Esiste anche la tecnica di pittura a effetto spugnato "a togliere" con la quale si stende un primo strato di colore per formare la base e si lascia asciugare. Successivamente si stende un secondo strato di un colore diverso, scelto in base all'effetto che si desidera ottenere e, prima che asciughi, vi si passa sopra con una spugna asciutta per rimuovere il colore in maniera graduale, fino ad ottenere l'effetto desiderato.

Per applicare questa tecnica è fondamentale procedere per gradi, dipingendo un metro quadro alla volta per evitare che la vernice asciughi, prima di avervi passato sopra la spugna.

4. Dipingere gli interni con la tecnica della pittura a patinatura

Realizzata con un semplice pennello e uno straccio, la tecnica della pittura a patinatura è di impatto visivo notevole ma forse per questa tecnica sarebbe meglio richiedere un preventivo ad imbianchino professionista che potrà eseguire il lavoro a regola d'arte.

Si tratta di una tecnica decorativa volta a creare un intreccio tridimensionale di linee e segni irregolari semplicemente applicando dell'impregnante sulla parete con un pennello.

Dopo aver preparato con cura la parete, levigando la superficie da trattare ed eliminando eventuali crepe, danni all'intonaco e macchie di umidità, applicate alla parete un fissante acrilico e aspettate il tempo necessario affinché il prodotto si asciughi.

Stendete una o due mani di vernice colorata, prediligendo colori naturali, più indicati per donare alla parete un aspetto grezzo e anticato e, dopo aver lasciato nuovamente asciugare la superficie, applicate l'impregnate eseguendo brevi segni incrociati.

Se desiderate ottenere un risultato di patinatura meno evidente potete attenuare l'effetto incrociato passando uno straccio pulito sul prodotto ancora fresco.

5. Tecnica di pittura della cenciatura

La tecnica della pittura della cenciatura è un'ottima opzione per quanti desiderano ottenere un effetto artistico vivace e disomogeneo: realizzata tamponando un panno pulito su uno strato di vernice trasparente colorata, la tecnica della cenciatura permette di creare in modo semplice e veloce disegni originali e creativi.

Per realizzarla stendete una base di pittura a emulsione a base d'acqua o a base di guscio d'uovo, di tonalità leggermente più chiara rispetto alla vernice di copertura e, una volta asciugata, stendete un secondo strato di vernice trasparente colorata di tonalità più scura ad acqua o a olio.

Quando la vernice stesa risulta ancora fresca, procedete tamponando la superficie con un panno asciutto e pulito modellato secondo il vostro gusto e continuate con movimenti omogenei e costanti fino a quando il panno non sarà completamente impregnato di colore. A seconda del modo in cui verrà piegato il panno, dal suo grado di assorbenza e dai movimenti ad esso impressi potrete ottenere una vasta gamma di effetti visivi.

foto: tecnica di pittura della cenciatura

6. Dipingere casa con l'effetto spatolato

La tecnica di pittura delle pareti ad effetto spatolato è una tecnica di media difficoltà, adatta a chi vuole eseguire una tinteggiatura originale e curata. Effettuata mediante l'utilizzo di una spatola, di plastica o in metallo, la spatolatura crea sulla superficie dei motivi circolari che donano alla parete una parvenza di movimento e tridimensionalità.

foto: dipingere casa con effetto spatolato

Adatta a salotti e camere da letto, la tecnica dello spatolato dona alle stanze prestigio e decoro ed offre risultati anche molto diversi tra loro a seconda della manualità e del senso artistico di chi la esegue. Dopo aver dipinto una parete con pittura a spatolato l'effetto sarà estremamente liscio ed omogeneo, perchè lo stucco viene levigato accuratamente.

Per effettuare questa tecnica il tinteggiatore passa uno strato di vernice (più scura rispetto al colore di finitura) per permettere al colore di aderire meglio alla parete.

Si passa poi a prelevare con la spatola una piccola quantità di prodotto e a stendeterla sul muro con movimenti semi circolari, dall'alto verso il basso o incrociati, sempre a seconda del tipo di effetto che si desidera ottenere. Questo lavoro richiede grande precisione e una buona mano artistica.

7. Tecnica di pittura della velatura

La velatura, tecnica artistica che richiede anch'essa una buona manualità e precisione, consiste nel sovrapporre un velo sottile di vernice ad un fondo più chiaro in modo tale da far trasparire a tratti il colore sottostante.

Particolarmente adatta a quanti desiderano una parete dall'effetto tridimensionale e movimentato, la velatura si adatta sia alla pittura di interni che a quella di esterni dando vita a risultati estremamente originali.

Per eseguire questa tecnica occorre stendere una mano di fissativo sulla parete e, una volta asciugato, dipingere la superficie con una o due mani di colore non troppo scuro. Asciugato il primo strato procedere stendendo un leggero strato di vernice più scura utilizzando, a seconda dell'effetto che volete ottenere, un guanto, una spugna, uno straccio, un pennello o un foglio di giornale.

Combinando i vari materiali e alternando i movimenti per dare sfogo alla creatività riuscirete a dar vita ad opere uniche ed eleganti.

8. Dipingere le pareti con la tecnica del dragging

Tecnica di pittura che deriva il suo nome dall'inglese "to drag", trascinare, il dragging consiste nel trascinare un pennello a setole dure lungo tutta la superficie da dipingere in modo tale da creare righe orizzontatali o verticali perfettamente parallele le une alle altre.

La tecnica di pittura del dragging richiede un'eccellente manualità e particolare dimestichezza nell'utilizzo del pennello, per questo motivo vi sconsiglio fortemente di provare ad eseguirlo con il fai da te.

Il dragging viene realizzato stendendo uno strato di pittura a base di guscio d'uovo e una volta lasciato asciugare si sovrappone ad esso uno strato di vernice trasparente colorata, steso con il pennello dall'alto verso il basso.

Successivamente si procede a disegnare con un pennello asciutto delle righe verticali continue, prestando attenzione a non staccare mai il pennello dalla parete fino al termine più basso della zona da dipingere e ad esercitare una pressione costante e ininterrotta. Stendendo linee verticali parallele alle prime, si completerà in questo modo tutta la parete. 

Una volta scelta la tecnica di pittura che più si adatta alle vostre esigenze, prestate attenzione anche al tipo di pittura con cui andrete a tinteggiare le pareti della vostra casa. In commercio esistono molteplici tipi di pittura con caratteristiche e composizioni molto differenti tra loro e a seconda del luogo di destinazione del prodotto è importante effettuare una scelta delle vernici da utilizzare che non si sofferma solo sulle diversità cromatiche.

foto: tecnica di pittura dragging

Vediamo dunque i diversi tipi di pittura

1. L'idropittura

L'idropittura è tipo di pittura più largamente utilizzato per il tinteggio degli ambienti interni. Questa vernice a base d'acqua è particolarmente adatta alle camere da letto, ai soggiorni e alle stanze dei bambini in quanto priva di solventi chimici, potenzialmente dannosi all'organismo. L'idropittura, inoltre, è anti-polvere e facile da stendere.

Tra le diverse tipologie di idropittura presenti sul mercato, la più comune è quella lavabile che offre un'elevata coprenza e una maggiore resistenza agli urti e agli sfregamenti. Inoltre, è idrorepellente e si può facilmente pulire con un panno umido.

2. Vernice a tempera

Più economica rispetto all'idropittura, la vernice a tempera, pur essendo facile da applicare, ha una resa inferiore. Non adatta a zone in cui si formano condensa e vapore acqueo, la tempera non è lavabile e, poiché tende a sfarinarsi, necessita di un prodotto fissativo prima dell'applicazione.

3. Vernice ecologica

Atossica e non inquinante, la vernice ecologica è composta esclusivamente da materiali di origine vegetale o minerale, non contiene derivati del petrolio ed è costituita solo da leganti naturali. Anche questa pittura è adatta a camere da letto e stanze dei bambini perchè non contiene elementi dannosi per la salute.

Dopo questa piccola introduzione delle diverse tecniche di pittura, avete tutti gli elementi a disposizione per scegliere la migliore soluzione per la tinteggiatura della vostra casa. Non abbiate paura di osare, se scegliete una tecnica di pittura adatta al vostro ambiente e che rispecchia il vostro gusto personale, potete stare certi che non vi stancherà nel tempo. 

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...

Confronta preventivi nelle città più cercate