Come usare la resina per il design della tua casa

Immagine di anteprima per: Resina & Design: nuovi modi di utilizzarla in casa

La resina mostra la sua duttilità per la prima volta nel campo dell’edilizia negli anni ‘50, quando viene impiegata come collante per altri materiali e per la realizzazione di pavimenti industriali, imponendosi poi dagli anni ‘90 nell’interior design in ambito residenziale per la realizzazione di rivestimenti superficiali. Oggi l’impiego di questo materiale è molto diffuso sia in ambito commerciale che residenziale, ed è usato per la realizzazione di pavimenti in resina, rivestimenti murari, piani cucina, bagni, docce e vasche. In altre parole, la resina fornisce numerose soluzioni nel design per interni, ed è un materiale versatile poiché può essere applicato in maniere diverse.

Nei supporti lisci, come piastrelle e muri di gesso o cartongesso, la resina deve essere applicata dopo aver steso una particolare preparazione, detta primer, che funge da “aggrappante” ed inoltre, lo stesso sistema di posatura viene impiegato per altre tipologie di materiale, cambiando tuttavia il risultato finale con effetti lucidi, stilizzati e di tipo industriale. Molto dipende anche dal design per interni scelto per l’abitazione e dal materiale su cui si applica la resina. Capiamo insieme meglio cos'è la resina e come usarla in casa.

cristalli di resina

Cos'è la resina?

La resina è un materiale plastico ottenuto tramite un processo chimico di miscelazione tra due componenti, che si presenta come un liquido piuttosto viscoso che solidifica a contatto con l’aria e proprio per questo motivo viene definita anche come materiale termoindurente. Queste particolari proprietà conferiscono alla resina caratteristiche chimiche e fisiche simili a quelle della pietra, della ceramica, del vetro, del cemento e del legno, risultando estremamente versatile per ogni tipo di soluzione di interior design. Inoltre la resina è un materiale con notevoli qualità adesive, strutturali ed igieniche, in quanto è facilmente lavabile e permette la realizzazione di pavimenti o pareti a superficie continua perfettamente liscia, che non hanno bisogno di giunti garantendo così un effetto unitario con ampie metrature.

Sul mercato i principali metodi di applicazione della resina sono 4:

  • la resina pigmentata
  • la resina spatolata o micro cementizia
  • la resina dipinta
  • la resina autolivellante.

La resina pigmentata permette di ottenere un rivestimento simile ad una pellicola continua ed uniforme da un punto di vista cromatico, che può arrivare a spessori molto sottili, anche un solo millimetro essendo così spesso una delle soluzioni più gettonate. Diversamente, la resina spatolata solitamente viene utilizzata per il rivestimento interno delle vasche, delle docce, delle piscine o delle fontane, ma anche di infissi o mobili come i piani cottura, la cui superficie va protetta con un secondo strato, lucido oppure opaco, di finitura. La resina dipinta prevede l’utilizzo di pigmenti diversi nell'impasto granuloso e nel colore, in modo da garantire dei particolari effetti artistici e stilizzati nella finitura, mentre la resina autolivellante dà invece un effetto bagnato o vetrificato, ed è utilizzata soprattutto nelle pavimentazioni in ambito commerciale e residenziale.

piano cucina

Interior design: i nuovi utilizzi della resina

I pavimenti in resina, molto diffusi nelle ultime mode, sono superfici monolitiche e senza fughe, che possono essere un’ottima alternativa ai prodotti tradizionali e che vengono utilizzati per ricoprire e proteggere materiali preesistenti come il cemento, il vetro, la ceramica, il legno, ecc. conferendo resistenza ed impermeabilità. Non contengono vie di fughe, caratteristica che permette di ottenere un piacevole effetto estetico ed offrono numerose soluzioni cromatiche e creative senza usura e sbalzi di temperatura. Inoltre sono impermeabili quindi non temono la creazione di muffa o umidità.

La resina, essendo un materiale impermeabile, resistente e personalizzabile ha trovato larga diffusione nei bagni senza la necessità di smontare il vecchio rivestimento grazie alla possibilità di applicare una finitura alle superfici originarie. Si può quindi intervenire in maniera localizzata, impermeabilizzando un vecchio vano doccia senza inestetismi nel design, in quanto la resina si armonizza e si fonde perfettamente con il resto del rivestimento del bagno grazie alle sue qualità malleabili. Oltre a personalizzare ogni angolo del bagno, la resina non presenta giunti e quindi è impermeabile in ogni parte.

Per gli arredi esterni gli armadi in resina sono la soluzione ideale per abbinare estetica e praticità perché sono in grado di sopportare l’usura quotidiana ed anche l’azione erosiva degli agenti atmosferici, assicurando ordine e pulizia sui balconi o nel giardino. Naturalmente si possono utilizzare anche mobili ed armadi in resina per interni, dove riporre i propri oggetti e le proprie attrezzature, facendo anche riferimento a soluzioni di interior design originali e raffinate.

tavolo con accessori

Gli artisti che hanno utilizzato la resina per le loro opere

La resina è un materiale talmente eclettico e versatile da essere amato da molti artisti, che l’hanno utilizzata per le loro opere, come ad esempio, Davide Dall'Osso, le cui creazioni artistiche sono dedicate soprattutto ai cavalli che vengono realizzati mixando diversi materiali come il ferro, il rame, il bronzo, la rete metallica ed appunto la resina. Con la stessa tecnica l’artista ha anche creato sculture di animali e di figure umane femminili. Un altro artista moderno che ha utilizzato la resina in ambito artistico è Riccardo Pirovano, che in una mostra di qualche anno fa realizzò un’opera composta da lastre di metallo, sculture con retro-proiezioni video e sculture con insetti inglobati nella resina per rappresentare l’esigenza dell’uomo di razionalizzare la memoria e catalogare la natura. Infine, anche Renzo Piano, uno dei più grandi architetti a livello internazionale, ha avuto modo di sperimentare la resina, ad esempio nel suo famoso tavolo, Earth Table, concepito per arredare il nuovo store Eataly Downtown, che inaugurerà il prossimo agosto nel World Trade Center Tower 4 di New York. Questo è realizzato da top in resina e legno millenario di Kauri, di cui le parti in legno simboleggiano i continenti e le sezioni in resina gli oceani.

Flower Horse arte giapponese

Abbiamo quindi scoperto quanto la resina sia duttile e pratica nell'arredamento e design, tanto degli spazi esterni quanto interni. Se siete rimasti affascinati da questo materiale, vi consiglio di rivolgervi ad una ditta edile che tratta design per interni con l’utilizzo della resina. Oltre ad avere maggiori informazioni sulle metodologie d’uso, potrete tranquillamente richiedere preventivi per i componenti d’arredo, porte, mobili e pavimenti in resina.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...