Riciclo creativo: come foderare e rivestire un divano

Immagine di anteprima per: Riciclo creativo: come foderare e rivestire un divano

Se state pensando di dare un nuovo look alla vostra casa, non è necessario sostituire gli arredi, né acquistare mobili e poltrone nuove.

Grazie all’arte del riciclo è possibile ridonare una nuova vita ad un vecchio divano, basta un po’ di creatività e di fantasia.

Rivestire il divano è un modo semplice ed economico per rinnovare ogni stanza della vostra casa, è sufficiente acquistare le fodere disponibili in varie misure, in vari tessuti e colorazioni, in base alle vostre esigenze ed alle vostre preferenze.

Naturalmente la scelta del tessuto per divani va fatta anche a seconda dell’arredamento della vostra casa, che non deve stonare con gli interni delle stanze.

Oltre a rifoderare il divano ci sono tanti altri piccoli accorgimenti che si possono prendere per dare un nuovo look, glamour e giovanile, alla vostra abitazione: dei cuscini nuovi per il sofa, una lampada strategicamente posizionata in un determinato punto per dare maggiore luce, o ancora delle piante per dare un tocco di freschezza all’ambiente.

Scopriamo tutto sul riciclo creativo: come foderare e rivestire un divano.

Come foderare un divano: tante idee innovative per diverse soluzioni

riciclo creativo: come foderare e rivestire un divano

Come foderare un divano? Innanzitutto bisogna tener conto della qualità del tessuto per divani, del loro posizionamento e dell’arredamento della casa.

Se dovete rifoderare un divano da cucina o da studio, sarà sufficiente scegliere un tessuto di stoffa, che non sia troppo pomposo o pregiato.

Anche rivestire il divano per le camerette dei bambini richiede tessuti che durino nel tempo e che non siano troppo impegnativi.

Se il vostro divano è realizzato in legno chiaro, una buona soluzione è quella di dipingere la struttura con un colore che si abbini alle pareti e con i componenti d’arredo della stanza.

Se avete dimestichezza con l’arte del riciclo e con il fai da te, potete sbizzarrirvi con le decorazioni di lana da posizionare sulle sedute, oppure creare cuscini di varie forme e posizionarli per arredare le poltrone ed i divani.

In alternativa potete rivestire il divano fissando vecchi copriletti ai braccioli con ago e filo, così la copertura rimarrà fissa nel tempo e potete sostituirla ogni volta che lo volete.

Queste sono solo alcune idee per il riciclo creativo: come foderare e rivestire un denaro.

Adesso entriamo più nello specifico, e scopriamo passaggio dopo passaggio come rifoderare un divano.

1. Prendere le misure del divano

Prima di iniziare a rifoderare il divano, dovete prendere le misure del divano per stabilire le dimensioni della fodera.

  • Per misurare l’altezza fate scorrere un metro lungo il retro del divano, da sopra a sotto.
  • Per misurare la profondità invece fate scorrere il metro dalla parte frontale del posto a sedere fino allo schienale.
  • Infine per misurare la lunghezza dovetefar scorrere il metro dall’estremità di un bracciolo all’altra.

2. Acquistare il tessuto per divani: come scegliere il colore ed il materiale adatto

Se decidete di acquistare una fodera, la scelta del tessuto per divani naturalmente dovrà essere fatta in base all’arredamento ed i ai componenti degli interni.

Per esempio in una stanza con colori neutri la scelta ideale è una fodera con dei disegni, in modo da vivacizzare e rendere più brioso l’arredamento.

Se invece le stanze sono decorate con carta da parati a fantasia e con tappeti, allora è opportuno scegliere una fodera a tinta unita.

Per quanto riguarda il materiale è opportuno scegliere un tessuto per divani piuttosto leggero e solido, capace di resistere ad ogni tipologia di macchia, che non si restringa con i lavaggi e che sia lavabile al 100% in lavatrice.

In questo modo sarà più facile avere cura del rivestimento del proprio divano.

Per avere un quadro più preciso, vi consiglio di chiedere un campione di stoffa al vostro negoziante di fiducia, in modo da provare l’abbinamento con il proprio divano ed avere un riscontro ottico immediato.

Se l’accoppiamento vi piace, procedete all’acquisto, altrimenti provate altri tessuti fino a trovare quello che vi convince di più.

Dopo aver scelto ed acquistato la fodera posizionatela sopra il divano, stendendola per bene in modo tale che sia ben tesa e senza grinze.

come rifoderare un divano prima e dopo

Arte del riciclo: come realizzare il rivestimento del proprio divano

Se invece siete amanti del fai da te e dell’arte del riciclo, potete creare una fodera su misura che riveste il vostro divano perfettamente al millimetro.

Scopriamo come realizzare da soli il rivestimento per il proprio divano, basta un po’ di pazienza, creatività e buona manualità.

Anche in questo caso, dopo aver preso le misure del divano, recatevi presso un rivenditore di stoffe per acquistare quella necessaria per creare la fodera.

Disegnate con una matita i contorni del divano su dei grandi fogli di carta, in modo da creare un modello sul quale andare poi a tagliare la stoffa. Utilizzate il foglio per ogni sezione del divano, cioè il posto a sedere, lo schienale ed i braccioli.

Ritagliate i modelli e successivamente posizionateli sul tessuto, in modo da utilizzarli come base per creare la fodera.

Ricalcate i modelli sulla stoffa con una matita, ed assicuratevi di lasciare uno spazio di circa 2 cm intorno al bordo del posto a sedere e dello schienale, poiché avrete bisogno di più spazio per piegare la stoffa.

A questo punto prendete delle forbici e ritagliate la fodera, nel momento in cui avete tutti i pezzi disponeteli sul divano, accertandovi che siano delle dimensioni corrette.

Ora rimuovete le varie sezioni di stoffa dal divano per cucirli assieme oppure per fissarli al divano con uno sparachiodi. Potete infine mettere la fodera sul divano, stendendolo per bene in modo che non ci siano grinze o cuciture visibili.

Come foderare un divano: consigli finali

Chiudiamo con dei consigli conclusivi sul riciclo creativo: come foderare e rivestire un divano.

L’arte del riciclo è molto economica ed anche divertente, ma se non avete grande manualità vi consiglio di rivolgervi ad un tappezziere, e magari anche ad un interior designer per avere suggerimenti su come progettare i vostri interni.

Per stendere per bene la fodera, vi consiglio invece di utilizzare una spatola o un cucchiaio di legno, che renderanno il tessuto ben teso, uniforme e senza grinze.

Leggete con attenzione le indicazioni dei produttori della stoffa, per lavare il tessuto in modo corretto e per impedire che si infeltrisca. 

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...