Quando è possibile dare le dimissioni per giusta causa

Immagine di anteprima per: Quando è possibile dare le dimissioni per giusta causa

In alcuni casi per un lavoratore risulta impossibile continuare il rapporto lavorativo, e le dimissioni per giusta causa possono essere presentate per svariati motivi, purché validi e riconosciuti dalla legge.

Talvolta il lavoratore non può proseguire il rapporto di lavoro per motivi personali, come problemi di salute, cambio di città, ecc.; in altri casi può riguardare il rapporto con il proprio datore di lavoro, come mobbing, molestie sessuali ed altre circostanze che analizzeremo.

Solitamente il lavoratore che intende interrompere il rapporto di lavoro deve dare un preavviso di dimissioni in tempo utile. Se non si rispetta questo obbligo di preavviso il lavoratore deve corrispondere al datore di lavoro un’indennità di mancato preavviso. Ci sono però alcuni casi previsti dalla legge in cui il lavoratore può dare le dimissioni senza preavviso, e può anche richiedere di risolvere immediatamente il rapporto e chiedere il pagamento della relativa indennità sostitutiva.

E’ un campo pieno di insidie, quindi è consigliabile farsi seguire da un avvocato esperto in tema di lavoro.

Analizziamo quando è possibile dare le dimissioni per giusta causa.

dimissioni

Tutte le motivazioni possibili

La giurisprudenza ha stabilito quando è possibile dare le dimissioni per giusta causa. Nello specifico possiamo elencare tutte le motivazioni possibili:

  • la mancata retribuzione continuativa e reiterata nel tempo;
  • la mancata erogazione retributiva può riferirsi anche alle sole mensilità aggiuntive della tredicesima, della quattordicesima, ecc.;
  • la mancata regolarizzazione della posizione contributiva del lavoratore;
  • l’omesso versamento dei contributi previdenziali;
  • le molestie sessuali;
  • il mobbing, vale a dire quel comportamento vessatorio da parte di superiori o di altri colleghi che comporta il crollo dell’equilibrio psico-fisico del lavoratore;
  • le mutate condizioni di lavoro a seguito di cessione dell’azienda;
  • lo spostamento del lavoratore da una sede all’altra, senza che ci siano reali motivazioni e comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive;
  • l’affidamento di determinate mansioni al lavoratore che di fatto sono prive di qualsiasi contenuto;
  • il tentativo dell’impresa di coinvolgere il dipendente in attività illecite e criminali;
  • le mancate precauzioni necessarie per tutelare la salute psico-fisica professionale del lavoratore, violando di fatto il precetto di cui all’art. 2087 del codice civile;
  • adibire il lavoratore al lavoro notturno, come modalità normale e stabile di svolgimento del rapporto di lavoro e la mancata attuazione delle procedure previste dalla legge.
20% completato
Trova il professionista giusto per te. È gratis!
Avvocato
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
40% completato
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
oppure
Informativa sul trattamento dei Dati Personali

 

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

La società Midnight Call S.r.l. (di seguito, per brevità, “Midnight Call”, ” Fazland” o la “Società”) è consapevole dell’importanza della tutela del diritto alla vita privata, con riguardo al trattamento dei dati personali, dei propri utenti. In conformità alla normativa europea e italiana in materia e ispirandosi sia alle raccomandazioni del Gruppo istituito dall’art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, sia alla documentazione e ai provvedimenti pubblicati dal Garante Privacy Italiano, Midnight Call informa che i dati personali degli interessati raccolti e trattati a seguito della loro registrazione e dell’utilizzo dei servizi offerti dal portale e dall’app ”Fazland”, saranno trattati nel rispetto della legge in materia di protezione dei dati personali. La registrazione e l’utilizzo dei servizi offerti dal sito web www.fazland.com e dall’app “Fazland” sono vietati ai soggetti minori di 18 anni.

Ai sensi dell’articolo 13 Regolamento UE n. 679/2016 Midnight Call, pertanto, fornisce le seguenti informazioni:

 

1. Tipi di dati raccolti

Dati personali forniti volontariamente dall’interessato

All’atto della registrazione attraverso il portale www.fazland.com, l’app ”Fazland” o siti affiliati vengono raccolti e trattati i seguenti dati personali:

- dati anagrafici e di contatto;

- dati relativi alla richiesta di preventivo e alle preferenze dell’interessato;

- ulteriori dati inseriti dall’interessato nei campi liberi;

- allegati (immagini o video) caricati dall’interessato.

 

Si invita l’interessato a non fornire o indicare dati relativi alla sfera di salute, all’orientamento politico, religioso, filosofico, sindacale e sessuale, né dati relativi a reati o condanne penali, dati biometrici o genetici, nel form di registrazione, nei campi liberi o nei file caricati.

 

Eventuali dati relativi alla sfera di salute, all’orientamento politico, religioso, filosofico, sindacale e sessuale, né dati relativi a reati o condanne penali, dati biometrici o genetici forniti dall’interessato saranno immediatamente cancellati e la richiesta di preventivo annullata.

Dati personali forniti volontariamente dall’interessato attraverso il sistema di social log-in

La registrazione può essere effettuata anche utilizzando le proprie credenziali Facebook attraverso un sistema di social log-in. In tali ipotesi il titolare accederà e conserverà esclusivamente i dati relativi al nome utente e all’e-mail dell’interessato per garantirgli l’utilizzo del servizio. S’invita l’interessato a consultare con cura, prima di accedere al servizio attraverso il sistema di social log-in, le informative privacy e le condizioni di servizio di Facebook ed eventualmente a modificare le impostazioni del proprio account. Per maggiori informazioni è possibile consultare questo link.

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito www.fazland.com e dell’app “Fazland” acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei terminali degli interessati che si connettono al sito, i MAC (Media Access Control) address, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’interessato. Questi dati vengono utilizzati per controllare il corretto funzionamento del sito e dell’app e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso d’ipotetici reati informatici ai danni di Midnight Call.

2. Finalità e base giuridica del trattamento

I dati personali forniti dall’interessato e raccolti da Midnight Call verranno trattati per le seguenti finalità:

  • a. consentire all’interessato di richiedere un preventivo per specifici servizi alle aziende registrate sul portale Fazland.com (i “Professionisti”) e di essere contattato dalle medesime per ricevere un preventivo. La base giuridica che legittima il trattamento di dati      personali da parte di Midnight Call per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 6 par. 1, lett. b) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero il trattamento viene effettuato in quanto necessario per fornire all’utente il servizio richiesto;
  • b. adempiere ad eventuali obblighi previsti da leggi o regolamenti o a richieste dell’Autorità giudiziaria. La base giuridica che legittima il trattamento di dati personali per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 6 par. 1, lett. c) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero in quanto il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il titolare del trattamento;
  • c. inviare materiale promozionale all’interessato attraverso messaggi di posta elettronica relativi a servizi o prodotti del Titolare analoghi a quelli già acquistati e/o richiesti dall’interessato. La base giuridica che legittima il trattamento di dati personali per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 6 par. 1, lett. f) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero in quanto il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare all’esercizio di un’attività economica attraverso strumenti promozionali;
  • d. inviare materiale a carattere promozionale all’interessato attraverso messaggi di posta elettronica, sms, mms e messaggistica istantanea per servizi e prodotti offerti anche da soggetti terzi. La base giuridica che legittima il trattamento di dati personali per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 6 par. 1, lett. a) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero in quanto l’interessato ha prestato il suo consenso;
  • e. comunicare e/o cedere a soggetti terzi (operanti nei settori abbigliamento, trasporti, automobili, cicli, motocicli, telecomunicazioni, finanza, assicurazione, credito, editoria, energia, industria, accessori e prodotti per veicoli, formazione, gadget e oggettistica, giochi per l'infanzia, prodotti elettronici, marketing, artigianato, edilizia, eventi, terziario, servizi digitali) i dati raccolti affinché svolgano attività a carattere promozionale e pubblicitaria con strumenti automatizzati come e-mail, sms, mms e messaggistica istantanea. La base giuridica che legittima il trattamento di dati personali per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 6 par. 1, lett. a) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero in quanto l’interessato ha prestato il suo consenso;
  • f. per far valere o difendere in sede giudiziaria un diritto. La base giuridica che legittima il trattamento di dati personali per questa finalità è da rivenirsi nell’ipotesi prevista dall’art. 9 par. 2 lett. f) del Regolamento UE n. 679/2016, ovvero il trattamento viene effettuato in  quanto è necessario per accertare, esercitare o difendere un diritto in sede giudiziaria.

 

3. Periodo di conservazione dei dati

I dati personali raccolti ed elaborati per le finalità di cui al punto 2 a), 2 b), 2 c) e 2 f) verranno conservati per tutto il periodo di erogazione del servizio e poi immediatamente cancellati. A seguito di un periodo di 12 mesi di inattività dell’Utente, il sistema inoltrerà una comunicazione allo stesso, informandolo che, in caso di ulteriore inattività nei seguenti 6 mesi, i suoi  dati personali verranno cancellati, ad eccezione di quelli necessari per il rispetto di normative fiscali, contabili e amministrative o per adempiere ad altri obblighi di legge e per documentare le attività svolte. I dati elaborati per le finalità di cui al punto 2 d) e 2 e)  verranno cancellati nel termine di 24 mesi.

 

4. Modalità del trattamento

I dati personali raccolti verranno trattati, conservati ed elaborati con strumenti elettronici e verranno memorizzati sia su supporti informatici che su supporti cartacei, organizzati in data base, e su ogni altro tipo di supporto idoneo.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

Il trattamento di dati personali svolto da Midnight Call non comporta processi decisionali automatizzati.

 

5. Comunicazione e/o conferimento dei dati personali

La comunicazione e/o il conferimento dei dati per le finalità di cui al punto 2 a), 2 b), 2 c) e 2 f)  è requisito necessario lo svolgimento del rapporto contrattuale e quindi obbligatorio per tali finalità: la mancata comunicazione e/o conferimento dei dati personali da parte dell’interessato, comporterà l’impossibilità per Midnight Call di erogare il servizio richiesto. Il conferimento dei dati per le finalità di cui ai punti 2 d) e 2 e)  è facoltativo: la mancata comunicazione dei dati per tali finalità non comporta conseguenze per l’Utente.

6. Soggetti a cui potranno essere comunicati i dati personali

I dati personali raccolti non saranno diffusi e potranno essere comunicati, oltre che a soggetti a cui sia riconosciuta la facoltà e l’interesse di accedere ai Vostri dati personali da norme di legge o di normative secondarie e/o comunitarie, a personale interno al Titolare, nonché a società, associazioni o studi professionali che prestino servizi ed attività per conto del Titolare in qualità di Responsabile del Trattamento per l’adempimento di obblighi di legge, nonché per ogni esigenza organizzativa ed amministrativa necessaria per fornire i servizi richiesti.

I nominativi degli ulteriori soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati degli interessati in qualità di “Responsabili del trattamento” sono riportati in un elenco aggiornato disponibile presso Midnight Call (da richiedersi ai recapiti indicati al punto 10).

Infine, previo consenso specifico, i dati degli interessati potranno essere comunicati e/o ceduti a soggetti terzi (operanti nei settori abbigliamento, trasporti, automobili, cicli, motocicli, telecomunicazioni, finanza, assicurazione, credito, editoria, energia, industria, accessori e prodotti per veicoli, formazione, gadget e oggettistica, giochi per l'infanzia, prodotti elettronici, marketing, artigianato, edilizia, eventi, terziario, servizi digitali) per svolgere attività a carattere promozionale e pubblicitaria con strumenti automatizzati come e-mail, sms, mms e messaggistica istantanea.

7. Trasferimento di dati all’estero o ad organizzazioni internazionali

Midnight Call non trasferisce i dati degli interessati all’estero o ad organizzazioni internazionali.

8. Collegamento a siti o servizi di soggetti terzi

La presente informativa è resa solo per i trattamenti di dati degli Utenti iscritti al servizio attraverso il presente sito o gli strumenti previsti dallo stesso, e non anche per altri siti web eventualmente consultati dallo stesso tramite collegamento, i cui gestori operano in qualità di titolari autonomi del trattamento. Si invitano pertanto gli utenti a leggere con attenzione, prima di accedere a servizi di soggetti terzi, le loro informative privacy.

9. Diritti dell’interessato.

In relazione ai suindicati trattamenti di dati, l’interessato ha la facoltà di esercitare in ogni momento i diritti previsti dal Regolamento UE n. 679/2016, tra cui, ad esempio, di ottenere l’indicazione:

- dell’origine dei dati personali;

- delle finalità e modalità del trattamento;

- della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;

- degli estremi identificativi del Titolare, dei responsabili e del rappresentante designato.

L’interessato ha diritto di ottenere:

- l’accesso, l’aggiornamento, la rettifica ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;

- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di Legge;

- la limitazione del trattamento di dati che lo riguardano, ossia di chiedere al titolare o al responsabile del trattamento di ridurre gli scopi o le modalità con cui vengono trattati i propri dati.

L’interessato potrà inoltre chiedere copia dei propri dati in formato standard (cd “Diritto alla portabilità dei dati”).

Il soggetto a cui si riferiscono i dati, infine, ha diritto di opporsi in qualsiasi momento e senza alcun costo, in tutto o in parte:

- per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;

- al trattamento dei dati personali che lo riguardano svolti ai sensi dell'articolo 6, paragrafo 1 GDPR, lettere e. (“il trattamento è necessario per adempiere un obbligo legale al quale è soggetto il titolare del trattamento”) o f. (“il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento o di terzi”) compresa la profilazione sulla base di tali disposizioni.

- al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale (marketing diretto), compresa la profilazione nella misura in cui sia ad esso connessa.

L’interessato ha il diritto di revocare il proprio consenso al trattamento, quando questo si basi sull’ipotesi prevista dall’art. 6, paragrafo 1, lettera a. (quando “l'interessato ha espresso il consenso al trattamento dei propri dati personali per una o più specifiche finalità”), oppure dall’articolo 9, paragrafo 2, lettera a. (l'interessato ha prestato il proprio consenso esplicito al trattamento di tali dati personali per una o più finalità specifiche) del Regolamento UE 679/2016, in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca. In particolare, il soggetto cui si riferiscono i dati, per non ricevere più e-mail carattere promozionale, potrà in qualsiasi momento richiedere gratuitamente la cancellazione dal servizio inviando un messaggio ai recapiti indicati al punto 10 della presente informativa.

L’interessato, nel caso in cui ritenga che il trattamento che lo riguarda violi la normativa in vigore, ha il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione. L’Autorità di controllo italiana può essere raggiunta ai recapiti presenti sul proprio sito web.

 

10. Titolare del trattamento – Dati di contatto

Il titolare del trattamento è Midnight Call S.r.l., con sede in Reggio Emilia, via Pier Carlo Cadoppi n. 14, C.F. e P.I. 02504670353, in persona del legale rappresentante pro tempore. La Società può essere altresì contattata all’indirizzo di posta elettronica info@fazland.com e all’indirizzo PEC midnightcallsrl@pec.it.

Per esercitare i diritti, sopra elencati, l’interessato potrà rivolgere richiesta utilizzando l’account di posta elettronica privacy@fazland.com o contattando il Responsabile della Protezione dei Dati ai recapiti indicati di seguito.

Midnight Call si riserva il diritto di aggiornare la presente Informativa sul trattamento di dati personali.

 

ultimo aggiornamento 24/05/2018

Cliccando su Avanti dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.
60% completato
Ci siamo quasi!
Conferma il tuo numero di cellulare.

Cliccando su "Avanti" riceverai un SMS che contiene un codice e un link.

Perché confermare il cellulare?

Inserendo il codice o cliccando sul link, metti al sicuro i tuoi dati. Solo i professionisti interessati a contattarti vedranno i tuoi recapiti.

80% completato
Ti abbiamo inviato un SMS al: .

Inserisci qui sotto il codice a 6 cifre ricevuto.

Sono passati 30 secondi e non hai ancora ricevuto l'SMS?
Clicca qui per riceverne uno nuovo.

Se non l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.

Quando è possibile dare le dimissioni senza preavviso?

Oltre alle motivazioni citate, ci sono anche altre circostanze che prevedono le dimissioni senza preavviso, anche in base alla tipologia del rapporto contrattuale del lavoro. Non è previsto il preavviso di dimissioni nelle seguenti circostanze:

  • recesso durante o al termine del periodo di prova;
  • risoluzione del rapporto allo scadere del contratto a tempo determinato;
  • risoluzione consensuale, quando entrambe le parti decidono di interrompere il rapporto lavorativo;
  • durante i periodi di sospensione dal rapporto per intervento della Cassa integrazione.

 In alcuni casi è legittimo, o addirittura previsto dalla legge, che al lavoratore dimissionario sia riconosciuta la relativa indennità sostitutiva del preavviso. Ciò avviene nei seguenti casi:

  • per dimissioni presentate dalla lavoratrice durante la gravidanza e dalla lavoratrice o dal lavoratore (che abbia usufruito del congedo di paternità) durante il primo anno di vita del bambino;
  • per dimissioni per giusta causa dovute a comportamento ingiurioso e offensivo del datore di lavoro, retribuzione non corrisposta, molestie sessuali, trasferimento della sede di lavoro oltre i 50 chilometri.

Secondo l’art. 2119 c.c. il lavoratore può dimettersi per giusta causa quando sussistono gravi impedimenti a proseguire il lavoro, anche provvisoriamente, o quando ci siano gravi azioni od omissioni da parte del datore di lavoro. In questi casi il lavoratore ha diritto a ricevere un’indennità di disoccupazione, a patto che ne abbia i requisiti necessari per richiederla.

Quando è prevista la nullità?

Ci sono alcuni casi in cui le dimissioni per giusta causa non sono ammissibili, e sono i seguenti:

  • per il mutamento dell’assetto azionario della società alla quale appartiene l’impresa;
  • per lamentele che riguardino una situazione già conosciuta dal lavoratore nel momento dell’assunzione ed accettata tacitamente con l’incarico.

Per questo motivo è opportuno avvalersi della consulenza legale di un avvocato o di un sindacato.

In alcuni casi si parla invece di nullità o di annullabilità delle dimissioni. Si verifica la nullità delle dimissioni nei seguenti casi:

  • le “dimissioni in bianco”, cioè un atto di dimissioni sottoscritto dal lavoratore al momento dell’assunzione e consegnato al datore di lavoro, che ne può far uso quando ritenga più opportuno utilizzandole come strumento di ricatto;
  • l’atto di dimissioni predisposto dal datore di lavoro è valido, ma deve essere firmato o presentato dal lavoratore se e quando questi lo ritenga opportuno.

Si verifica invece l’annullabilità delle dimissioni nei seguenti casi:

  • per dimissioni rassegnate dal lavoratore dinanzi ad una minaccia del datore di lavoro di licenziamento in caso di rifiuto, a patto che tale minaccia venga provata in giudizio e configuri di conseguenza un licenziamento illegittimo;
  • per dimissioni rassegnate dal lavoratore che al momento del compimento dell’atto era, anche solo parzialmente o temporaneamente, incapace di intendere o di volere;
  • per dimissioni del lavoratore nel caso in cui la sua volontà di recedere dal rapporto di lavoro sia stata riconosciuta forzata o comunque viziata.

Durata, tempo, modalità e forma delle dimissioni

dimissioni

Il periodo di preavviso delle dimissioni viene solitamente stabilito dai contratti collettivi (CCNL), e cambia a seconda della categoria dei lavoratori, del loro livello di inquadramento e dell’anzianità di servizio.

Nel periodo di preavviso delle dimissioni sia il lavoratore che il datore hanno gli stessi diritti e doveri del contratto di lavoro. Le modalità su come dare le dimissioni vengono indicate dai contratti, la maggior parte dei quali richiede la forma scritta, cioè una lettera di dimissioni, consegnata a mano. Altri contratti invece richiedono l’invio di una lettera raccomandata.

La lettera di dimissioni ha come scopo proteggere e tutelare lo stesso lavoratore, poiché formalizza l’intenzione di interrompere un rapporto lavorativo. Anche i tempi necessari per inviare la lettera di dimissioni vengono regolati dagli stessi contratti. Le dimissioni possono decorrere dal primo o dal quindicesimo giorno del mese, oppure possono essere date in qualsiasi momento in base al contratto stipulato.

Le dimissioni per giusta causa hanno effetto immediato, indipendentemente dall’accettazione o meno da parte del datore di lavoro, e diventano irrevocabili nel momento in cui lo stesso datore di lavoro ne viene a conoscenza. La revoca delle dimissioni può verificarsi solo nel caso in cui è inoltrata prima che il datore di lavoro ne venga a conoscenza. I giorni necessari per il preavviso devono essere giorni lavorativi e non feriali, oppure coperti da malattia o infortunio del lavoratore.

Ci sono dei casi particolari relative alle modalità di dimissioni che è opportuno conoscere. La legge richiede infatti l’adempimento di specifiche formalità nei seguenti casi che meritano una tutela particolare:

  • le dimissioni del lavoratore o della lavoratrice, presentate nel periodo intercorrente tra la richiesta delle pubblicazioni di matrimonio e un anno dopo la celebrazione delle nozze, devono essere confermate entro un mese alla Direzione provinciale del lavoro. In mancanza di conferme le dimissioni sono da considerare nulle;
  • le dimissioni del lavoratore o dalla lavoratrice, durante il primo anno di vita del bambino o nel primo anno di adozione o affidamento, devono essere convalidate dall'Ispettorato del lavoro.

Per non incappare in tranelli burocratici o commettere errori di natura giuridica è opportuno rivolgersi ad un avvocato o ad un sindacato per avere assistenza e tutela legale.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di profilazione di terza parte per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Clicca il seguente tasto per acconsentire all'uso dei cookie.
Accetto