Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Rifacimento del bagno e detrazioni fiscali: 5 appunti

Immagine di anteprima per: Rifacimento del Bagno (normativa e detrazioni)

Innanzitutto una buona notizia. Il rifacimento del bagno – comprese le tubature e il massetto – è sicuramente un intervento di manutenzione straordinaria (articolo 3, comma 1, lettera b), Dpr 380/2001) e come tale fruisce di una detrazione fiscale.

La semplice sostituzione dei sanitari e del rivestimento del bagno, senza intervenire sull'impianto idraulico e le tubature, invece, è definibile come manutenzione ordinaria, le cui spese non sono detraibili.

Rifacimento del bagno e detrazioni fiscali si incontrano in caso di manutenzione straordinaria, nella cui definizione è compresa la “realizzazione e integrazione di servizi igienico sanitari”, quindi anche il totale rifacimento di un bagno rientra in questa definizione.

I lavori di manutenzione straordinaria non sono altro che quelli necessari per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nel caso del bagno quelli utili per realizzare e integrare i servizi igienico-sanitari.

La legge di stabilità ha confermato anche per l’anno 2016 la misura del 50% della detrazione. Il rifacimento del bagno al 50% comprende anche l'acquisto dei mobili, prorogato al 31 dicembre 2015 dalla legge di stabilità. I mobili possono essere destinati sia all'arredo del bagno sia di altre stanze della stessa abitazione che non sono state coinvolte dall'intervento edilizio.

Attenzione! Wc, lavandino, doccia, vasca ecc rientrano tra le spese detraibili per i lavori e non come mobili per arredamento. Ecco un elenco di 5 appunti a cui fare attenzione:

  • La detrazione opera fino a un ammontare di spese complessive di 96.000 euro per unità immobiliare. Ciò vuol dire che le spese che superano questo limite non rientrano nella detrazione fiscale. Del resto sono detraibili al 50% tutte – ma proprio tutte quelle riguardanti i lavori di ristrutturazione, basta che le fatture siano intestate a chi sostiene la spesa e sia allegata la ricevuta del bonifico bancario.
  • La detrazione vale per un periodo obbligatorio di dieci anni in dieci quote annuali di uguale importo. Serve, inoltre, un contratto di appalto con la ditta che esegue i lavori, meglio se accompagnato da una visura camerale.
  • Ricordate che sono necessarie tutte le varie comunicazioni o abilitazioni edilizie previste in base ai lavori da eseguire, per cui la scelta delle caratteristiche di impianto idraulico, rivestimenti, sanitari e rubinetterie sono operazioni da fare prima di disfare tutto il bagno. Calcolate anche che, visti i disagi pratici che comporta, la ristrutturazione dovrebbe durare il meno possibile.
  • È il regolamento edilizio comunale a stabilire il provvedimento abilitativo dei lavori, in questo caso per la ristrutturazione del bagno (Cil, Scia o Dia). Per lo stesso intervento, quindi, può essere necessario un provvedimento diverso in base al luogo in cui si trova l’edificio. In linea generale si utilizza la SCIA per quegli interventi che prima richiedevano la DIA, salvo la manutenzione straordinaria senza interventi strutturali per cui ora si utilizza la CILA.
  • Attenzione: non è il provvedimento locale che stabilisce se applicare o no il beneficio fiscale. La manutenzione straordinaria (rifacimento integrale del bagno) è comunque agevolata anche se non è richiesta alcuna comunicazione mentre la manutenzione ordinaria (ad esempio la sostituzione dei soli sanitari) non è comunque intervento agevolato ai fini del 50% anche se il Comune chiede una Scia o un Dia.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per la Ristrutturazione del Bagno
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.

Il decreto ministeriale 37 del 2008 richiede la Certificazione o Dichiarazione di conformità degli impianti tecnologici. Quindi per l'installazione di sanitari rivolgiti in ogni caso a un’impresa abilitata, con certificazione rilasciata dalla Camera di Commercio.

Se scegli male, infatti, potresti andare incontro a una sanzione amministrativa, oltre a non ricevere garanzie sotto il profilo tecnico dell’impianto commissionato. 

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto