10 consigli per arredare una cucina piccola

Immagine di anteprima per: 10 consigli per arredare una cucina piccola

Una cucina mignon può essere sinonimo di calore raccolto e familiare, di piccoli grandi momenti tra amici, come il nucleo di tutte le dinamiche domestiche. Ma se oggi, molto più che nel passato, le abitazioni sono spesso sottoposte a un notevole ridimensionamento degli spazi, per necessità o per trend, è più che mai opportuno ripensare in termini di funzionalità e di design personalizzato i progetti che riguardano le stanze più vissute della casa. Cucina in primis, laddove convivialità e praticità devono condividere al meglio uno spazio ristretto.

 Ergonomia è il must da seguire e applicare: anche una piccola cucina di 10 metri quadrati può, così, trasformarsi in uno spazio ad alta funzionalità, che non rinunci all'estetica accogliente e che rispetti le tre principali aree da lavoro:

- la zona cottura, che comprende fornelli, forno e microonde

- la zona conservazione, con frigorifero e dispensa la zona lavaggio, con lavelli e lavastoviglie.

Se state, dunque, progettando o rinnovando la vostra cucina, intenzionati a farne il vostro piccolo regno di profumi, sapori e comode condivisioni, ecco alcuni consigli semplici ma efficaci per arredarla al meglio:

1. Funzionalità ergonomica: per rispettare le tre citate aree da lavoro, cui è dedicata tutta l'attività pratica di una cucina, è bene evitare inutili dispersioni e raggruppare tutti gli elettrodomestici di ciascuna zona nella stessa area. Posizionando, per esempio, il forno direttamente sotto al piano cottura e progettando possibilmente anche un metro di piano di lavoro su cui poter concentrare la preparazione dei pasti.

2. Colori salvaspazio: prima ancora di inserire elettrodomestici e arredi, è opportuno pensare alle pareti della piccola cucina. Ideali sono i colori chiari, che donano ariosità e ampliano visivamente lo spazio. Bianco protagonista, cui abbinare mobili in tinta, arricchiti da eleganti dettagli in metallo o in vetro.

3. Illuminazione naturale e artificiale: anche la luce, come il colore chiaro, dona l'illusione di spazi più ampi e vivibili. Ideale è la luce naturale, da sfruttare davvero al massimo. In mancanza di questa fonte, è bene affidarsi a LED applicabili tra i pensili e le basi, prediligendo i modelli che garantiscono un effetto il più possibile simile all'illuminazione naturale.

4. Verticalità: in caso di spazio ristretto, perché limitarsi alla dimensione orizzontale? Senza troppo appesantire la stanza, può essere molto funzionale sfruttare le pareti in altezza, applicando pensili anche sino al soffitto e suddividendo intelligentemente gli oggetti riposti, in modo da avere sempre a portata di mano sui ripiani bassi quelli utilizzati quotidianamente e sui ripiani alti quelli usati solo saltuariamente.

5. Mensole da muro: per liberare i pensili e ottenere un effetto decorativo, ottima scelta sono le mensole applicate alle pareti. Leggere, di scarso ingombro, possono ospitare barattoli di biscotti, tisane, zucchero, spezie e quant'altro possa essere esibito per vivacizzare l'ambiente. Si possono anche applicare ganci, cui appendere pentole, tazze o utensili. 

6. Penisola: tipica soluzione da open space, quindi molto funzionale e trendy, la cucina con penisola, il cui bancone può sostituire il tavolo da pranzo, può essere adottata anche per cucine mignon. Stile contemporaneo e risparmio di spazio. 

7. Elettrodomestici ad incasso: se un gigantesco frigorifero all'americana a doppia anta può essere un sogno, si trasformerebbe senza dubbio in un incubo all'interno di una cucina di dimensioni ristrette. No ad elettrodomestici liberi e ingombranti, sì a forni elettrici, microoonde, frigoriferi e lavastoviglie ad incasso.

8. Mobili a scomparsa: la tiny house docet. Dove lo spazio è più che ristretto, è possibile progettare mobili a parete che nascondano, per esempio, il tavolo da pranzo dietro ad ante, utilizzabile solo all'occorrenza. Un'idea spiritosa per risparmiare spazio può essere anche quella dei tavoli e delle seggiole pieghevoli.

9. Porta scorrevole: non sembra, ma anche una porta tradizionale battente può risultare ingombrante. A una cucina mignon si addice una bella porta scorrevole e luminosa, meglio ancora se realizzata in vetro.

10. Less is more: uno stile minimal non può che aiutare i nostri tentativi di far conciliare spazio e funzionalità. I guru del benessere domestico consigliano cernite e repulisti che liberino spazi ed energia. Un principio applicabile tanto agli armadi quanto alla cucina. Tutti gli utensili o gli elettrodomestici che conserviamo inutilmente, senza mai utilizzarli, possono essere individuati ed eliminati. Un'operazione che alleggerirà in un colpo la nostra cucina e il nostro lavoro da chef di casa.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...