6 benefici del massaggio thailandese

Immagine di anteprima per: 6 benefici del massaggio thailandese

Il massaggio thailandese è una speciale tecnica utilizzata per ridare nuova linfa vitale al corpo e alla mente.

Si tratta di un particolare tipo di massaggio rilassante che viene tramandato da oltre 2.500 anni dai monaci buddisti. I massaggiatori non utilizzano nessun tipo di olio, ma esclusivamente le mani ed i piedi per distendere i muscoli del corpo ed alleggerire l’anima del paziente.

Per capire meglio i principi del massaggio thailandese e della tradizione orientale dobbiamo approfondire le conoscenze sulla medicina thailandese, secondo cui il corpo è attraversato da diversi canali, detti meridiani, all’interno dei quali scorre l’energia vitale. Questa energia dà forza e sostentamento a tutti gli organi, provvedendo in questo modo al benessere personale del corpo e della mente.

Per diversi motivi, che possono essere fisici, mentali o psicologici, l’energia di un determinato canale può bloccarsi, provocando un malfunzionamento dell’organo corrispondente a quel meridiano. Di conseguenza ne derivano dolori fisici e muscolari, oppure si verifica un eccessivo stato di stress che incide negativamente sul proprio status mentale.

Per questo motivo il massaggio thailandese ha due scopi fondamentali:

  • Scopo preventivo: il massaggiatore stimola alcuni meridiani per mantenerli liberi prevenendo eventuali blocchi del flusso di energia.
  • Scopo ristabilizzante: il massaggiatore stimola quei meridiani che risultano bloccati o chiusi per permettere il libero flusso dell’energia vitale.

Per saperne di più o per sottoporvi ad una seduta di massaggi thailandesi sarà sufficiente recarvi in un centro massaggi orientali, dove potete conoscere anche le tecniche ed i principi del massaggio ayurvedico e del massaggio shiatzu.

Concentriamoci adesso sui 6 benefici del massaggio thailandese.

massaggi shiatsu

1. Lo scioglimento dei muscoli

Lo scioglimento dei muscoli è uno dei 6 benefici del massaggio thailandese. Come si dice “mens sana in corpore sano”, quindi il benessere mentale di una persona parte inevitabilmente dal benessere corporale.

Il massaggio thailandese permette di distendere completamente ogni singolo muscolo del corpo, sbloccando tutti i canali da eventuali ostruzioni, garantendo una perfetta mobilità che ha effetti positivi sul fisico e sulla mente.

2. Ottimizzazione dei movimenti articolari

Il massaggio thailandese è in grado di ottimizzare i movimenti articolari, per questo motivo è indicato per chi soffre di contratture, dolori muscolari, sciatalgie, tensioni emotive, dolori lombari e reumatici.

Colui che esegue il massaggio thailandese agisce direttamente sulle articolazioni, sui muscoli e sulla pressione cardiaca, ristabilendo il giusto equilibrio psico-fisico ed allontanando quel senso di malessere e di spossatezza.

3. Miglioramento della postura

foto: massaggio shiatsu

Chi lavora a computer o svolge un lavoro sedentario spesso assume posizioni sbagliate, che a lungo andare incidono sulla postura provocando dolori alla schiena.

Per questo motivo anche per loro è particolarmente indicato il massaggio thailandese, capace di sciogliere il corpo, mantenendolo forte, elastico ed efficiente in tutte le sue funzioni e migliorandone anche la capacità motoria.

4. Riavvio del circuito venoso e linfatico

Un altro dei 6 benefici del massaggio thailandese è il riavvio del circuito venoso e linfatico.

Questo massaggio rilassante può essere tranquillamente considerato come un vero trattamento di bellezza, poiché con la sua azione stimola, oltre ai meridiani, anche l’intero sistema venoso e linfatico, generando benessere alla pelle, che risulta più liscia, elastica e morbida. Proprio per questo motivo è anche un ottimo sistema anticellulite.

5. Miglioramento delle funzionalità del sistema nervoso

Secondo la medicina orientale c’è una simbiosi totale tra corpo e mente, quindi eventuali disturbi fisici derivano dalla psiche e viceversa.

Il massaggio thailandese migliora le funzionalità del sistema nervoso, ed agendo sul corpo permette anche di distendere la mente, combattendo contro forme psicosomatiche di malessere e disturbi psichici anche gravi come la depressione. Nei centri di massaggi orientali sapranno dirvi quale trattamento è più indicato per voi, anche in base alle vostre necessità ed esigenze.

6. Efficacia contro insonnia e cervicale

L’insonnia è un disturbo prevalentemente mentale che incide negativamente sul corpo, mentre la cervicale è un disturbo fisico che incide negativamente sulla mente. Ecco che si concretizza in pieno la filosofia orientale, secondo cui mente e corpo sono una sola cosa inscindibile, e per guarire l’una bisogna curare anche l’altra.

Il massaggio thailandese, esercitato nel modo giusto e toccando dei punti di pressione specifici, può eliminare definitivamente disturbi come l’insonnia e la cervicale che incidono negativamente sul nostro status fisico e causano un profondo malessere corporale e psichico.

Perché bisogna rivolgersi a centri massaggi orientali specializzati

Dopo aver analizzato i 6 benefici del massaggio thailandese, è bene ricordare l’importanza di rivolgersi a centri orientali specializzati. Accertatevi che il centro sia autorizzato, sia per una questione igienica che per una questione fisica. Se soffrite di determinati disturbi, rischiate di compromettere ulteriormente la vostra condizione di salute mettendovi nelle mani di cialtroni o di persone inesperte.

Solitamente il massaggio thailandese avviene su un materasso di cotone o di lana appoggiato a terra. Chi riceve il massaggio dovrebbe indossare abiti comodi, che permettono una certa mobilità, e deve lasciarsi andare totalmente liberando la mente.

Altro aspetto molto importante è il feeling che si crea tra il massaggiatore e chi riceve il massaggio. Il massaggiatore deve prestare grande attenzione alla persona che tratta, stabilendo un rapporto simbiotico con lui, e facendo diventa i loro respiri e le loro menti una sola cosa.

Il massaggiatore deve essere in grado di trasferire la sua armonia e tutta la sua energia positiva a chi riceve il trattamento. Potete ben capire che per eseguire questi massaggi servono persone esperte, che conoscano a fondo la filosofia orientale e le sue tecniche medicinali per garantire armonia e benessere psicofisico. Per questo motivo scegliete un centro massaggi orientale certificato e autorizzato.

Le controindicazioni del massaggio thailandese

Nonostante tutti i suoi benefici, il massaggio thailandese ha anche delle controindicazioni, in quanto è sconsigliato per alcune persone.

Questo massaggio rilassante infatti non va eseguito su quelle persone che soffrono di disturbi cardiaci, ernie, ipertensione arteriosa ed osteoporosi, oppure che hanno subito interventi chirurgici da poco tempo. Inoltre i massaggi thailandesi non andrebbero effettuati sulle vene varicose e sulle ferite, e sono sconsigliati per le donne in stato di gravidanza.

Massaggio ayurvedico e massaggio shiatsu

foto: massaggio shiatsu

Ora che avete ben chiaro i 6 benefici del massaggio thailandese, apriamo una piccola parentesi anche sul massaggio ayurvedico e sul massaggio shiatsu, che potete richiedere sempre in un centro massaggi orientali. Il massaggio thailandese infatti condivide molti dei suoi principi applicativi con altre filosofie, unendole per ottenere risultati ancora più potenti ed efficienti.

L’ayurveda è una medicina di origine indiana che si basa sull’idea che ogni forma di vita abbia tre “doshas”, cioè tre energie chiamate ““vata”, “pitta” e “kapha”. Un massaggio ayurvedico utilizza tecniche di alimentazione, ricette a base vegetale, yoga, meditazione ed un massaggio personalizzato con oli essenziali per i doshas di ogni persona. In questo modo si eliminano le tossine dal corpo, si rafforza il tono muscolare, si rilassa il corpo e viene garantito l’equilibrio ed il benessere personale.

Lo shiatsu è una tecnica di massaggio che si diffuse in Giappone dal VI secolo ed ancora oggi è molto utilizzata dai migliori centri massaggi orientali. Il massaggio shiatsu si basa su cinque pilastri fondamentali: il respiro, la postura, la perpendicolarità, la pressione e la sensazione di piacere/dolore. Utilizzando i pollici, le dita ed i palmi delle mani il massaggiatore risveglia nel paziente la sua forza di autoguarigione sopita, stimolando la sua energia vitale.

Esistono diversi stili, ma l’obiettivo principale del massaggio shiatsu è quello di ridestare la capacità auto-immune dell’organismo, allontanando fattori come lo stress e la depressione.

Non vi resta che cercare il centro massaggi più vicino e godervi un massaggio per riportare in equilibrio mente e corpo, verificate che i massaggiatori siano esperti di questi trattamenti.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...