Nessun dono ai ladri: come evitare i furti durante le feste

Immagine di anteprima per: Nessun dono ai ladri: come evitare i furti durante le feste

Quante cose si aprono per le Feste. Il cuore (con sforzi da saracinesca per i non avvezzi), le porte (per accogliere famigliari e amici, tentati dal confronto con gli spot pubblicitari), pacchi pacchetti e pacchettini (perché anche un solo luccichio sincero di occhi di fronte a una sorpresa gradita vale ogni sforzo da shopping). Ma tra porte, camini, tetti, cieli trafficati da umani, Babbi Natale e Befane, il lungo periodo di festività dicembrine apre anche occasioni a quelle figure buie che si aggirano esperte tra tanta luce: i ladri. Le stime per le vacanze natalizie del 2017 dichiarano che ben 15,3 milioni di italiani saranno in viaggio. Ma anche senza lunghi spostamenti o trasferte da rimpatriata, i pomeriggi e le serate di fine dicembre saranno spesso occasioni per lasciare le case vuote e, purtroppo, a rischio di furti. Furti che, nell'accezione più generica, sarebbero calati, almeno nei primi sette mesi del 2017 e secondo una statistica del Ministero dell'Interno, da 783 mila a 702 mila, benché la percezione della criminalità da parte degli italiani rimanga tra le più alte in Europa.

Per evitare, dunque, che le nostre dimore, i nostri beni e i nostri ricordi siano la sorpresa più gradita per chi non stempera neppure a Natale e dintorni la propria famelica arroganza da delinquente, la Polizia di Stato offre ottimi suggerimenti che, pur non totalmente a prova di acrobazie e di ingegno dei criminali odierni, rappresentano un valido aiuto per aumentare la sensazione di sicurezza e per evitare comportamenti dannosi. Nella categoria "Sicurezza passiva" rientrano i noti sistemi di sicurezza quali porte blindate, chiavi a mappa europea, sistemi di allarme o inferriate d'acciaio per chi abita ai piani bassi. Metodi di protezione che possono facilmente scoraggiare i ladri dilettanti o occasionali, ma che potrebbero essere aggirati dai professionisti del furto, abili e aggiornati, purtroppo, come chiunque faccia del proprio mestiere una missione da portare a termine con successo.

Molto importanti sono, dunque, le norme di comportamento che possono evitare di stendere tappeti rossi ai ladri e di portarseli ingenuamente in casa. Se la stagione invernale favorisce la suggerita chiusura di finestre e tapparelle, soprattutto nelle ore notturne, è bene anche non aprire la porta a sconosciuti né lasciarsi abbordare per strada da chi finge di essere conoscente nostro o di nostri famigliari, proponendosi per aiutare a portare borse della spesa o raccontando, con abilità da attore, storie che confondono e convincono, per farsi accogliere all'interno dell'abitazione.  Da evitare anche le confidenze ad estranei o semplici conoscenti riguardo al numero di persone che compongono il nucleo familiare o a quali beni si custodiscano in casa. Gioielli e denaro, inoltre, andrebbero nascosti in cassette di sicurezza o casseforti, non illudendosi che cassetti, materassi, armadi, scatole o vasi possano essere nascondigli efficaci. I ladri difettano di pigrizia e mettono tutto a soqquadro pur di trovare un bottino da portarsi via. Fotografare i preziosi non assicurati, tuttavia, può aiutare sia per la denuncia sia in caso di ritrovamento. Quando le vacanze prolungano la nostra assenza da casa, ecco che, in perfetto spirito natalizio, i vicini di casa possono diventare i protagonisti della nostra sicurezza. E' consigliabile creare un clima di reciproco sostegno per segnalare eventuali presenze o movimenti sospetti. Un vicino fidato, inoltre, può custodire il nostro temporaneo recapito per poterci contattare o può liberare la nostra cassetta postale da accumuli di posta e pubblicità, che sono un chiaro indizio di assenza. 
In tempi di tecnologia e di social, la sicurezza prevede di sedare le velleità esibizionistiche, evitando di comunicare la propria assenza tramite post, reportage di viaggio in tempo reale, risposte automatiche in posta elettronica o in segreteria telefonica. Più siamo assenti, più dobbiamo fingere presenza. Anche i classici stratagemmi quali luce, radio o televisore lasciati accesi rientrano nei suggerimenti della Polizia. Ed è alla Polizia, non ai nostri superpoteri, che dobbiamo immediatamente affidarci se, malauguratamente, troviamo al nostro rientro la porta aperta o segni, inequivocabili o anche solo sospetti, di furto. Meglio sorprendere Babbo Natale lungo la canna fumaria del camino che un ladro dalle reazioni imprevedibili nel salotto di casa.  

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...