Dedicato ai professionisti:

Scopri i prossimi appuntamenti con il fisco del 2017

Immagine di anteprima per: Fisco: i prossimi appuntamenti del 2017

Quello con il fisco è un appuntamento fisso, al quale non si può arrivare impreparati. Il calendario della seconda metà dell’anno è denso di scadenze e, con l’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2017, presenta numerose novità, come ad esempio i nuovi adempimenti IVA e la soppressione del tax day. Addio anche ad Equitalia: ora a riscuotere i tributi ci penserà direttamente l’Agenzia delle Entrate. Per questa ragione è stata introdotta la rottamazione delle cartelle che permetterà ai contribuenti di non versare eventuali sanzioni, interessi di mora e somme aggiuntive. Altra importante novità è la contabilità semplificata per le piccole imprese che, a partire dall’anno fiscale 2017, potranno pagare le tasse secondo il principio di cassa e non di competenza. Sul sito dell’Agenzia dell’Entrate è arrivata anche la “Scrivania del Territorio”, un software che facilita il lavoro dei professionisti nelle attività di compilazione e controllo delle banche dati catastale e ipotecaria relative al patrimonio immobiliare italiano. Viste le molteplici novità fiscali introdotte, proponiamo un utile memorandum con tutte le scadenze presenti nella seconda metà dell’anno per una corretta pianificazione fiscale.

Maggio  

16 maggio

Oltre al versamento dell’IVA per il primo trimestre 2017 e al versamento F24 (per IVA, ritenute e contributi), sarà necessario provvedere alla rata IVA dell’anno 2016 risultante dalla dichiarazione IVA 2017: artigiani e commercianti saranno tenuti a versare la prima tranche (tramite F24) dei loro contributi Inps.

31 maggio - Novità

L’agente di riscossione dovrà comunicare a chi ha presentato la domanda per la rottamazione delle cartelle le somme dovute dopo il ricalcolo, e, in caso di rateazione, l’importo e la scadenza di ogni rata. Entro questa data avverrà anche la comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA del primo trimestre 2017, sia per i contribuenti trimestrali sia per i mensili.

Giugno

16 giugno

Versamento unitario F24 di ritenute, IVA e contributi previdenziali; pagamento della rata IVA per l’anno 2016 risultante dalla dichiarazione IVA 2017. Entro questa data va pagata anche la prima quota di IMU e TASI, in acconto o in unica soluzione e deve essere versata la prima rata di acconto 2017 della cedolare secca, anche in questa caso in unica soluzione o in acconto.

30 giugno - Novità

Nuova scadenza: versamento del saldo 2016 e della prima rata di acconto 2017 derivanti dalla dichiarazione dei redditi 2017 e dalla dichiarazione IRAP. È possibile versare quanto dovuto anche entro il 30 luglio 2017, che può slittare a lunedì 31 luglio, maggiorando le somme dello 0,40%. Il 30 giugno scade anche il pagamento della prima rata 2017 (e il saldo 2016) dei contributi Inps di artigiani, commercianti IVS e gestione separata. Infine, va versato il saldo 2016 della cedolare secca.

calculator

Luglio

Novità: per chi ha richiesto la rateizzazione del debito, è in scadenza la prima rata della rottamazione delle cartelle Equitalia.

7 luglio

Presentazione del 730 ordinario per i contribuenti che inviano il modello 2017 tramite CAF o intermediari che devono inviare almeno l’80% dei 730 dei propri clienti. Tale scadenza riguarda anche i contribuenti “fai da te”.

16 luglio (slitta a lunedì 17)

Versamento unitario F24 (contributi, ritenute e IVA), il versamento delle imposte IRPEF, IRES e dei contributi per i titolari di Partita IVA derivanti dalla dichiarazione dei redditi 2017, per persone fisiche, società di persone e soggetti IRES. È necessario versare la rata IVA risultante dalla dichiarazione IVA 2017 e il primo acconto 2017 della cedolare secca in unica soluzione o rateizzata (in caso di pagamento rateale, con lo 0,40 % in più).

23 luglio (slitta a lunedì 24) - Novità

Presentazione del 730 precompilato per i contribuenti che inviano da soli il modello e per i Caf, commercialisti ed intermediari che hanno già inviato al 7 luglio l'80% delle dichiarazioni 730 dei propri clienti.

25 luglio - Novità

Spesometro: comunicazione fatture semestrale. Deve essere inviato l’elenco delle operazioni relative al primo semestre 2017. L’obbligo riguarda sia i contribuenti mensili, sia i trimestrali.

30 luglio (slitta a lunedì 31) - Novità

Dichiarazione dei redditi 2017 e Irap 2017 di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES. Va versato il saldo 2016 e la prima rata acconto 2017 in unica soluzione con aumento dello 0,40 %, o prima rata in caso di pagamento rateale con 0,40 % in più.

31 luglio

Come di consueto va effettuato il versamento dei contributi INPS di artigiani, commercianti e gestione separata (primo acconto 2017 e saldo, con maggiorazione dello 0,40%). I non titolari di partita IVA dovranno versare la rata per imposte e contributi relativa alla dichiarazione dei redditi 2017 di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES. Sempre in questa data scade la presentazione telematica del 770 ordinario e semplificato.

Agosto

Dal 1 agosto al 4 settembre sono sospesi i termini per inviare documenti e informazioni agli uffici dell’agenzia delle Entrate o ad altri enti impositori. È anche sospeso il termine di 30 giorni per pagare le somme dovute a seguito di controlli automatici, formali e della liquidazione delle imposte sui redditi a tassazione separata. La sospensione non è valida per le richieste fatte nel corso delle attività di accesso, ispezione e verifica, nonché delle procedure di rimborso IVA.

20 agosto (slitta a lunedì 21)

Al ritorno dalle vacanze estive ci si dovrà ricordare di versare: IVA del secondo trimestre 2017, F24 di contributi, IVA e ritenute anche da parte di artigiani e commercianti per il saldo della seconda rata dei loro contributi Inps (pagamento tramite F24). I titolari di partita IVA verseranno la rata per imposte e contributi derivante dalla dichiarazione dei redditi 2017, anno 2016, di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES. Infine va effettuato anche il versamento della rata IVA per l’anno 2016 risultante dalla dichiarazione IVA 2017.

31 agosto

Dichiarazione dei redditi 2017 per anno 2016 di persone fisiche, società di persone e soggetti IRES: imposte e contributi non titolari di Partita IVA.

Settembre

Novità: nel mese di settembre scade la seconda rata per chi ha chiesto la rottamazione delle cartelle Equitalia.

16 settembre (slitta a lunedì 18)

Versamento unitario F24 di ritenute, IVA e contributi previdenziali e assistenziali. Si dovrà provvedere al versamento di imposte e contributi risultanti dalle dichiarazioni dei redditi per i titolari di partita IVA. A proposito di IVA, c’è da versare la rata anno 2016 della dichiarazione IVA 2017.

Novità: primo invio dello Spesometro 2017 con la comunicazione IVA trimestrale che per il primo anno di applicazione, il 2017, va inviata semestralmente con il primo e secondo trimestre insieme, sia per i contribuenti mensili che trimestrali.

30 settembre (slitta a lunedì 2 ottobre)

Dichiarazione dei redditi 2017 di persone fisiche, società di persone e soggetti Ires del nuovo modello redditi 2017 ex Unico: presentazione “on line” via Entratel o via Internet delle dichiarazioni per le persone fisiche, società di persone, studi associati e società di capitali con esercizio che coincide con l’anno solare. Presentazione on line dichiarazione IRAP 2017, anno 2016, di persone fisiche, società di persone e di capitali e studi associati. I non titolari di partita IVA saranno tenuti al versamento di imposte e contributi risultanti dalla dichiarazione dei redditi 2017.

calcoli

Ottobre

16 ottobre

Versamento unitario F24, pagamento della rata per imposte e contributi per i titolari di partita Iva e della rata IVA anno 2016 risultante dalla dichiarazione IVA 2017.

31 ottobre

Si versano le imposte e i contributi per i non titolari di Partita IVA derivati dalla dichiarazione dei redditi.

Novembre

Novità: in scadenza la terza rata della Rottamazione delle cartelle Equitalia.

10 novembre

 Scade il termine per presentare per via telematica il modello 730 integrativo.

16 novembre

In questa data si versa l’IVA del terzo trimestre del 2017, l’F24 (ritenute, contributi e IVA), e i contributi Inps di artigiani e commercianti (sempre tramite F24). Per i titolari di partita IVA scade l’ultima rata imposte e contributi derivante dalla dichiarazione dei redditi 2017.

30 novembre

Versamento secondo acconto Irpef, Irap e IRES 2017 e secondo acconto per il 2017 dei contributi Inps di artigiani e commercianti IVS. Per i non titolari di partita IVA è richiesto il versamento dell'ultima rata delle imposte e contributi derivanti dalla dichiarazione dei redditi 2017. È in scadenza anche il versamento del secondo acconto 2017 della cedolare secca.

Novità. Spesometro: deve essere effettuata la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel terzo trimestre, e dei dati delle liquidazioni periodiche IVA sempre del terzo trimestre.

Dicembre

16 dicembre (slitta a lunedì 18)

Doppia scadenza: versamento F24 di ritenute, contributi e IVA e versamento del saldo 2017 di IMU e TASI.

27 dicembre 

Versamento acconto IVA del 2017.

29 dicembre (slitta a martedì 2 gennaio 2018)

Ravvedimento redditi, Irap, IVA . È l’ultimo giorno per chi, non avendo presentato la dichiarazione dei redditi 2017, il modello Irap 2017 o il modello IVA 2017, per il 2016, in scadenza al 2 ottobre 2017 (scadenza di legge, 30 settembre, sabato, che slitta a lunedì 2 ottobre 2017), intende valersi del ravvedimento.

Qualora si venga meno al rispetto delle prassi e delle scadenze previste, si rischia di incorrere in sanzioni la cui gravità varia di caso in caso e a seconda delle tempistiche. Nel caso in cui un non residente in Italia si avvalga di un rappresentante fiscale, ogni sanzione relativa ad inadempimenti farà capo ad esso. Per evitare di inciampare in qualche trappola burocratica, rischiando così di rimetterci in benessere psicologico, oltre che economico, sono disponibili una serie di figure che possono fornire una valida assistenza fiscale: oltre alla suddetta “Scrivania del Territorio”, ci si può appoggiare ai CAF (Centri di Assistenza Fiscale) o ad un consulente tributario. Qualunque sia la scelta, l’importante è affidarsi a una figura esperta e adatta alle proprie esigenze: con la pianificazione fiscale non si scherza.

 

Lascia il tuo commento
Sei un professionista?

Su Fazland abbiamo più di 30.000 richieste ogni mese che aspettano il tuo preventivo

Registrati gratis
Potrebbero interessarti anche...