Sei già registrato?
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona
Ti aiuta a trovare il professionista che fa al caso tuo! Scopri come funziona

Che cosa dice la legge sul recupero sottotetti?

Immagine di anteprima per: Che cosa dice la legge sul recupero sottotetti?

In casa lo spazio non basta mai, se siete sempre alla ricerca di nuove aree per ampliare la vostra abitazione siete capitati nel “post” giusto. Non molti sanno della possibilità di sfruttare il tetto come nuova stanza e spesso si rinuncia a quest’opportunità perché la si considera dispendiosa o perché si teme di dover affrontare lungaggini burocratiche per ottenere i permessi giusti.

Altre volte semplicemente non si è informati a sufficienza sulle possibilità per sfruttare la propria abitazione.

Il recupero del sottotetto, infatti, è una reale opportunità che non richiede lavori eccessivamente invasivi e l’utilizzo di macchinari ingombranti ma solo la capacità di bravi costruttori e la progettazione di esperti geometri, oltre a un occhio di riguardo per il rispetto della legge sul recupero dei sottotetti.

Prima di iniziare qualsiasi opera sarebbe sempre opportuno fare diversi preventivi per il recupero del sottotetto affidandosi a imprese capaci di offrire il meglio a un prezzo veramente accessibile e in grado anche di offrire la documentazione e i consigli giusti per accedere a contributi statali e regionali in modo da alleggerire la spesa e fare le cose in regola.

regole da osservare per il recupero del sottotetto

Regole da osservare per recuperare un sottotetto

Per tranquillizzare i più ansiosi iniziamo col dire che principalmente quando cominciate a edificare un sottotetto, non siete necessariamente dei costruttori abusivi. L’ampliamento volumetrico delle abitazioni è concepito da appositi regolamenti governativi chiamati "piani casa".

Tuttavia lo stato ha demandato ai comuni e alle regioni la possibilità di varare delle proprie leggi per il recupero dei sottotetti quindi le regole per l’ampliamento variano da Comune a Comune così come da regione a regione.

In questo particolare caso diventa quindi fondamentale consultare un esperto prima di metterci all’opera per analizzare la volumetria massima e l’altezza che possiamo sfruttare per il recupero dei sottotetti senza incorrere in sanzioni.

Recupero del sottotetto abitabile e non abitabile

normativa rifacimento sottotetti

Quando parliamo di recupero dei sottotetti una prima distinzione fondamentale da fare è quella tra sottotetto abitabile e non abitabile. Il recupero del sottotetto non abitabile in sostanza è considerato dalla legge come volume tecnico ed è rappresentato da quello spazio detto comunemente intercapedine dato dalla distanza tra il soffitto e il tetto.

 Solitamente quest’area è adoperata per il passaggio di cavi o per installare, ad esempio, all'interno un impianto hi-fi, o un condizionatore dell’aria. In altri casi, questa intercapedine è più ampia ed ha una controsoffittatura più alta. Spesso è anche accessibile e consente, quindi, di avere uno spazio che potete adoperare come ripostiglio ma che non è abitabile. Tuttavia, a decidere e stabilire se uno spazio è abitabile è solitamente la volumetria del vostro sottotetto.

In altre parole lo spazio di altezza e larghezza della vostra mansarda o del vostro sottotetto. Secondo la legge per il recupero dei sottotetti a fare la differenza è proprio l'utilizzo d'uso di questo vostro vano. Ci sono tuttavia molte incertezze in merito e per non sbagliare è necessario consultare i regolamenti Regionali e Comunali che disciplinano e spiegano misure e altezza minima dei sottotetti.

Qui non sono riportate solo le misure ma anche le caratteristiche e soprattutto le regole base per creare uno spazio abitabile nel sottotetto. Molte persone, poi, riescono a sfruttare la cosiddetta camera d’aria tra il soffitto e il tetto, alzando le pareti e ricavando in questo modo un vano abitabile. Tuttavia, sta sempre nella buona fede del proprietario dichiarare un'area abitabile o meno e munirsi dei relativi certificati e permessi previsti dalla legge.

Rendere un sottotetto abitabile e applicare le norme per trasformarlo in una nuova stanza della vostra casa richiede l’applicazione delle regole regionali. Le regioni che hanno stipulato queste normative sono Campania, Sicilia, Calabria, Emilia Romagna, Basilicata, Lombardia, Liguria, Piemonte e Veneto. In Valle d'Aosta e Friuli Venezia Giulia sono previsti, invece, altri tipi di normative. 

Normativa per il recupero del sottotetto  

Le normative per il recupero del sottotetto dei comuni sopra elencati sono molto simili tra loro e concordano quasi tutte sull'abitabilità dei sottotetti mentre differiscono solo per alcune piccolezze. 

Nello specifico per rendere un sottotetto abitabile occorre un’altezza minima che può essere di 2 metri e 70 dal pavimento fino ad arrivare al soffitto e 2,4 per quelli di servizio. E’ consigliabile, tuttavia, prima di cominciare i lavori d’innalzamento delle pareti, consultare uno specialista capace di fare un progetto che non appesantisca l'intera struttura.

In questo caso il fai da te è sconsigliato perché in alcuni casi è previsto anche il consolidamento della struttura con appositi sostegni e pilastri atti ad aumentare la resistenza di portata delle nuova struttura.

Un altra importante questione riguarda le detrazioni che potete ottenere per la costruzione del vostro sottotetto abitabile, che rappresentano dei veri e propri incentivi per la costruzione dei sottotetti. Infatti, i lavori in una struttura preesistente rientrano o possono rientrare nei lavori di ristrutturazione, nel qual caso è prevista la detrazione del 65-50% dell’Irpef dalla nuova legge di stabilità.  

2 I tuoi dati
3 Conferma
Confronta preventivi per un'Impresa Edile
I campi con l’asterisco * sono obbligatori
Più informazioni inserirai, più i preventivi che riceverai saranno accurati e puntuali.
2 I tuoi dati
3 Conferma
Completa i tuoi dati e crea la tua richiesta di preventivo.
Cliccando su "Ricevi codice di verifica", riceverai un SMS per confermare il tuo numero di telefono.
Se l'hai ricevuto entro 30 secondi, prova di nuovo.
Cliccando su Conferma dichiari di aver letto ed accettato termini e condizioni del servizio Fazland.

I permessi per costruire e regole per i sottotetti abitabili

Prima di cominciare le opere è opportuno sapere che per la legge si definisce sottotetto soltanto lo spazio superiore della casa. Al contrario non sono considerati sottotetti gli spazi aperti accessibili nella parte superiore dell'abitazione, come i terrazzi, anche se in parte recintati da pareti.

Anche le intercapedini definite come camere d'aria del tetto, se non vengono adeguate alle norme, non sono considerate come vano abitabile.

Per cominciare le opere del nostro nuovo vano mansardato bisogna chiedere la cosiddetta Dia, ovvero La Dichiarazione d’Inizio Attività, all'ufficio tecnico del proprio Municipio e se questo si trova all'ultimo piano di una appertamento di un palazzo bisogna anche avere il permesso dei condomini per costruire.

Cosa fare del vostro nuovo sottotetto?

Potete decidere di destinare il vostro sottotetto a qualsiasi tipo di uso voi vogliate.

Ovviamente se il sottotetto è abitabile e avete il permesso di agibilità, dovreste anche dotare la vostra nuova area di una finestra o di un lucernaio da inserire nel progetto ed eventualmente creare un arredamento adatto a una mansarda. Mentre viceversa, se il sottotetto non è abitabile, potete usarlo semplicemente come ripostiglio per le vostre cose, oppure arredarlo come zona relax, studio, palestra o spazio per i vostri hobby.

In tutti questi casi, comunque, è sempre meglio studiare bene la normativa per il recupero del sottotetto della singola regione, perché ad esempio alcune di esse non prevedono la possibilità di alzare o modificare la pendenza del tetto quindi non potrete raggiungere la zona della copertura.

Tuttavia un professionista capace ha sempre la soluzione migliore per creare un sottotetto a regola d’arte. Arredare la vostra nuova stanza richiederà abilità e personalizzazione e anche un pizzico d’inventiva per esaltare e sfruttare al meglio la piccola stanza e decidere per una soluzione d’arredo magari lineare e meno ingombrante.

cosa fare della nostra nuova stanza

Come scegliere il preventivo migliore per il recupero del sottotetto

Dopo aver confrontato diversi preventivi per il recupero di un sottotetto, scegliete l’impresa edile giusta per soddisfare il vostro scopo e soprattutto confrontate il rapporto qualità/prezzo. Consultare dei professionisti è anche l’occasione per fare una ristrutturazione della vostra abitazione e cercare di migliorare l’appartamento. 

Consultare un’impresa edile per il vostro sottotetto abitabile significa anche avere lavori garantiti da professionisti capaci di svolgere tutti i lavori secondo le regole e le leggi vigenti. Ricordate, poi, che con questa nuova opera aumenta anche la volumetria della casa, il che comporta maggiori tasse e ulteriori spese.

D'altra parte, però, l’acquisizione di nuovo spazio per la vostra abitazione ne aumenta sostanzialmente il valore, anche se usate il vostro sottotetto come semplice ripostiglio.

Usufruire degli incentivi statali per il recupero del sottotetto è la migliore occasione per spendere poco e realizzare finalmente il vostro sottotetto abitabile, magari, dal momento che vi trovate sulla parte superiore della vostra casa, approfittatene anche per migliorare l’impermeabilizzazione del tetto e ottimizzare la classe energetica evitando inutili sprechi di calore.

Lascia il tuo commento
Fazland
chiedi, confronta, risparmia
Fazland è un servizio che ti permette di ricevere e confrontare gratuitamente fino a 5 preventivi di professionisti di settori diversi, senza impegno, per risparmiare tempo e denaro.
Con Fazland saprai di aver fatto la scelta migliore per le tue esigenze!
Guarda il nostro Spot TV
Da oggi così si fa!
Confronta preventivi gratis per:
Trova idee e ispirazione sul nostro blog.
Questo sito utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Se vuoi avere maggiori informazioni o negare il consenso all’utilizzo di uno o più cookie clicca qui. Premendo il tasto Accetto acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto