Supera i 300 miliardi l’investimento in Green Energy

Immagine di anteprima per: Supera i 300 miliardi l’investimento in Green Energy

Il fotovoltaico ha passato la staffetta all'eolico. E l'eolico, nel 2018, ha accelerato al punto da diventare il numero uno negli investimenti mondiali in energia pulita. Il traguardo conquistato è di più di 125 miliardi di dollari, con un grande contributo offerto dall'incremento dell'eolico offshore. È infatti il mare aperto la nuova frontiera dell'energia eolica, con le sue installazioni di turbine a stormo, a delta o a filari lineari. Sfruttando gli immensi spazi marini, la migliore qualità del vento e i vantaggi di orizzonti in cui non si rischia di deturpare il paesaggio. La crescita rispetto al 2017 è stata del 14%, con significative aperture da parte di Paesi come la Germania e il Regno Unito. Altre zone di interesse sono la costa orientale degli Stati Uniti e Taiwan, ma a dominare il mercato dell'eolico offshore è la Cina.
La stessa Cina, a metà dello scorso anno, ha anche reso più complessa la situazione globale del mercato del fotovoltaico, dove una sovrabbondanza di offerta di moduli ha portato i produttori a tagliare i prezzi di vendita. Le nuove politiche cinesi, infatti, per cercare di contenere i costi elevati a fronte di un forte incremento del solare nella nazione, hanno limitato l'accesso dei nuovi progetti agli incentivi feed-in tariff. Ovvero un sistema per incentivare l'energia pulita, che prevede un pagamento tariffario di lungo termine e fisso da parte del gestore della rete elettrica nazionale, destinato a tutti i produttori di energia elettrica per ogni kWh generato dal fotovoltaico. Nonostante le installazioni di fonti fotovoltaiche nel mondo sia aumentata nel 2018 a 109 GW rispetto ai 99 GW del 2017, l'anno da poco concluso è stato comunque arduo per gran parte dei produttori.

I dati pubblicati da Bloomberg New Energy Finance (BNEF) per il 2018 confermano che l'investimento globale nel settore del fotovoltaico è sceso del 24%, per 130,8 miliardi di dollari. Il taglio dei prezzi di vendita ha causato la riduzione del 12% del costo di installazione di un megawatt di capacità fotovoltaica. Solare in coda, dunque, rispetto all'andamento positivo già citato dell'eolico, ma anche del settore dei veicoli elettrici e dei biocarburanti. E' proprio il mercato solare ad aver frenato dell'8% la corsa agli investimenti globali in energia pulita. Investimenti consistenti che, secondo i dati BNEF, hanno superato i 300 miliardi di dollari (precisamente 332 miliardi) per il quinto anno consecutivo. Senza riuscire, tuttavia, ad eguagliare o superare il record assoluto raggiunto nel 2017.

Ed ecco la classifica mondiale dei Paesi per quota di investimenti in green energy nel 2018:

Cina con 100,1 miliardi di dollari, in calo del 32%
Stati Uniti con 64,2 miliardi di dollari, in crescita del 12%
Giappone a $ 27,2 miliardi, in calo del 16%
India a $ 11,1 miliardi, in calo del 21%
Germania a $ 10,5 miliardi, in calo del 32%
Regno Unito a $ 10,4 miliardi, in crescita dell’1%
Australia a $ 9,5 miliardi, in crescita del 6%
Spagna a 7,8 miliardi di dollari, una cifra 7 volte superiore
Paesi Bassi a $ 5,6 miliardi, in crescita del 60%
Svezia a $ 5,5 miliardi, in crescita del 37%
Francia a $ 5,3 miliardi, in crescita del 7%
Corea del Sud a $ 5 miliardi, in crescita del 74%
Sud Africa a $ 4,2 miliardi, una cifra 4o volte superiore
Messico a 3,8 miliardi di dollari, in calo del 38%
Vietnam a $ 3,3 miliardi, in aumento di 18.
Danimarca a $ 3,2 miliardi, una cifra 5 volte superiore
Belgio a $ 2,9 miliardi, una cifra 4 volte superiore
Italia a $ 2,8 miliardi, in crescita del 11%
Marocco a $ 2,8 miliardi, in crescita di 13 volte
Taiwan a $ 2,4 miliardi, in crescita del 134%

 

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...

Confronta preventivi nelle città più cercate