Fine stagione: a tu per tu con la pulizia di casa

Immagine di anteprima per: Pulizia di casa: gli interventi di fine stagione

In molti avranno già provveduto, altri le staranno per fare: le cosiddette “pulizie di primavera” sono una tappa fissa che segna l’inizio della bella stagione. Se i più ligi al dovere si saranno già mossi come da tradizione, in tanti avranno rimandato questo impegno gravoso, complici anche le temperature traballanti tipiche della stagione o, più facilmente, il poco tempo che non basta mai. Ora è però tempo di rimboccarsi le maniche: si archiviano trapunte e piumini e, con l’occasione, se ne approfitta per liberarsi della polvere accumulatasi durante l’inverno. Largo all’igiene! Dal materasso ai tappeti passando per le tende: tutto va riposto rigorosamente pulito. È di fondamentale importanza igienizzare questi oggetti, altrimenti i contaminanti biologici che causano le allergie, al chiuso e con le alte temperature, diventano più nocivi. Anche le solite pulizie domestiche richiedono uno sforzo in più: non bastano passate veloci e superficiali, occorre igienizzare a fondo rinfrescando gli ambienti, in modo da portare nelle nostre stanze un piacevole profumo di pulito. Queste giornate dedicate alle pulizie di casa saranno molto utili anche per fare il cambio di stagione dell’armadio ed effettuare un check sullo stato degli elettrodomestici. Vediamo insieme quali sono le prassi da seguire per rendere la casa igienica e profumata.

Persiane e tapparelle

Partiamo dall’esterno occupandoci di tapparelle e persiane. Per pulire le tapparelle munitevi di una scopa su cui avvolgere un panno cattura polvere, pulendo dall’alto verso il basso eliminerete la sporcizia accumulata. Sciacquate poi il tutto con un panno immerso in acqua calda e detergente igienizzante. Se non disponete del balcone, potete fare questa operazione dal cassone interno tirando completamente giù le serrande e poi pulendole un pezzo per volta riavvolgendole. Per la pulizia delle persiane, invece, basterà avere un piumino dal bastone regolabile. Dopo aver tolto la prima mano di sporcizia, con un panno avvolto in un bastone e imbevuto di acqua calda e detergente si
passeranno in rassegna tutte le fessure. Per rimuovere gli aloni basterà ripetete l’operazione con un panno asciutto. In caso di un grande numero di serramenti da pulire o di operazioni particolarmente gravose o rischiose, sempre meglio rivolgersi ad una impresa di pulizie, dotata di carrelli elevatori per pulizie in altezza e attrezzature professionali. Impegnarsi è bene, ma attenzione alla sicurezza!

Termosifoni e caloriferi

Molto importante la pulizia dei caloriferi: in questo modo eviterete quelle poco piacevoli macchie nere che si generano con la loro accensione. In primis, togliete la polvere sulle superfici usando l’aspirapolvere con beccuccio di modo che possiate infilarvi negli spazi tra i diverse componenti. Quindi si procede con il lavaggio: basterà una miscela a base di acqua e sapone di Marsiglia. Il tutto va poi risciacquato ed asciugato. Posizionate dei fogli di giornale sotto i radiatori per evitare che gli sgocciolamenti macchino il pavimento.

Condizionatori

Fondamentale, prima della loro accensione, anche la pulizia dei condizionatori. Per prima cosa bisogna smontare il vano dell’aria ed estrarre i filtri, che saranno da passare sotto l’acqua corrente e lasciare ad asciugare all’aria aperta. Successivamente si spruzzerà uno spray anti-odore igienizzante per eliminare i batteri presenti nel radiatore. Una volta asciutti, i filtri potranno essere rimontati e il condizionatore sarà pronto all’uso. Anche in questo caso, se non si è sicuri di ciò che si sta facendo, meglio rivolgersi a un’impresa di pulizie per evitare di rompere il macchinario o comunque avere la garanzia dell’assicurazione su danni a cose di cui queste aziende sono sempre dotate.

Frigorifero e freezer

Altri elettrodomestici che hanno bisogno di essere igienizzati almeno una volta all’anno sono il frigorifero e il congelatore. Con un frigo che comincia a popolarsi di tanti alimenti da consumare freschi, non bastano più le passate rapide della domenica per evitare muffe e odori sgradevoli. Per prima cosa, fuori tutto: alimenti, ripiani ed accessori. Dopo di che si posizionano sul fondo degli asciugamani utili a raccogliere l’acqua che sgocciola durante la pulizia. Tutte le superfici vanno passate con uno straccio imbevuto di una soluzione di acqua e bicarbonato, o in alternativa aceto di vino bianco. Attenzione alle guarnizioni che vanno lubrificate e ammorbidite con una punta di olio. Per sbrinare il freezer munitevi dell’apposita spatola di plastica, per poi detergete con la stessa soluzione usata per il frigo e asciugare molto bene l’interno una volta pulito.

Tende

Le tende, come si sa, sono una calamita per la polvere e le ragnatele. Dopo averne accumulate per tutto l’anno è arrivato il momento di toglierle dai loro bastoni e metterle in lavatrice con un lavaggio a media temperatura. Se la stoffa è pregiata o il ricamo particolarmente delicato è consigliato portarle in lavanderia. Con uno straccio, poi, si passa alla pulizia delle le stecche che le sostengono, perché la sporcizia si accumula soprattutto dove i nostri occhi non la vedono!

Tappeti

I tappeti vanno puliti all’antica usando una scopa di saggina, precedentemente sfregata su una miscela di acqua e aceto a sua volta versata sul tappeto stesso. Sconsigliato sbatterli fuori dalla finestra: si rovinerebbero i nodi e la lana del vello. Per una pulizia quotidiana è sufficiente l’uso dell’aspirapolvere. Anche in questo caso, meglio non rischiare se si ha a che fare con pezzi pregiati: la lavanderia è la scelta migliore.

Cuscini

Finalmente arriviamo in camera da letto. Iniziamo dai cuscini: prima di procedere con il loro lavaggio controllare attentamente l'etichetta così da evitare di rovinare i tessuti. Se i guanciali sono ingialliti, e le dimensioni lo consentono, si possono lavare tranquillamente in lavatrice (uno alla volta) impostando il lavaggio a 40°. Il sapone di Marsiglia permetterà di eliminare ogni traccia di sporcizia lasciando un buon profumo. Dal momento che l'aria aperta e la luce solare contribuiscono a combattere gli acari, la vecchia abitudine di posizionare cuscini e coperte sul davanzale al sole in modo da far asciugare il tessuto è prassi buona e giusta!

Materasso

Mantenere il materasso pulito è molto importante, soprattutto per chi soffre di allergie. Ecco una soluzione semplice e conveniente che non prevede l’uso di prodotti chimici e che può essere messa in pratica da chiunque; basterà avere a disposizione del bicarbonato di sodio. Prima di procedere si consiglia di pulire il materasso eliminando i pelucchi con una spazzola adesiva, una volta fatta questa operazione si può spargere un velo uniforme di bicarbonato, che dovrà agire almeno per un’ora. Avvalendosi dell’aiuto di una spazzola si rimuoverà la polvere bianca e con un panno pulito si potrà ripulire la superficie del materasso. A questo punto con l’aspirapolvere verranno tolti gli ultimi residui rimasti incastrati nelle cuciture. Se sono presenti macchie ostinate, usando un vecchio spazzolino potranno essere grattate via. Per quanto riguarda federe, coperte e trapunte l’ideale è il lavaggio veloce a 30°, rigorosamente senza ammorbidente. Seguendo queste poche e semplici indicazioni otterrete una casa pulita e profumata, pronta per affrontare con la massima igiene la stagione estiva! Il consiglio finale che ci sentiamo di darvi è quello di organizzare il vostro lavoro pianificandolo proprio come se foste un’impresa di pulizie: vi aiuterà ad affrontare il caos in piccole dosi e con il sorriso. Per chi invece si fosse già stancato anche solo a leggere il programma delle cose da fare, una soluzione c’è sempre: chiamare la donna delle pulizie di fiducia.



 

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...