5 consigli per usare al meglio il condizionatore

Immagine di anteprima per: 5 consigli per usare al meglio il condizionatore

Anche se stiamo vivendo un maggio decisamente mite e tendente al fresco, le previsioni del tempo parlano chiaro: a metà giugno ci troveremo nel bel mezzo del classico «caldone» estivo, quello durante il quale gli impianti di condizionamento vengono messi in funzione da mattina a sera, e spesso anche durante la notte.

Ma se è vero che il condizionatore, a casa e soprattutto in ufficio, permette di godere di un certo benessere che a sua volta aiuta anche il cervello a funzionare meglio (vantaggio da cui consegue anche una maggiore produttività lavorativa), è vero anche che per molti può essere una fonte di stress.

Basta pensare alle liti (a volte bonarie, a volte meno) che scoppiano in tutti gli uffici tra chi predilige temperature polari e chi inizia a starnutire dopo tre minuti di aria condizionata.

Ecco allora i cinque consigli per il benessere psicofisico di colleghi e familiari durante i mesi più caldi (fuori) e più freschi (all’interno).

  1. Tenere ben puliti i filtri dei condizionatori
    Al loro interno possono accumularsi polveri e microrganismi che portano fastidiose malattie. Attenzione: vale anche per il condizionatore dell’auto.
     
  2. Scegliere, quando possibile, una postazione di lavoro non troppo vicina all’uscita dell’aria
    In generale è bene non starvi troppo vicino, soprattutto di spalle: il rischio è quello di tornare a casa con dolori cervicali o disturbi gastrointestinali.
     
  3. Se il caldo è ancora sopportabile
    Quando la temperatura esterna non è eccessiva, utilizzare solo la funzione «deumidificatore»: si percepirà ugualmente un’aria più fresca ma senza esporsi a correnti alla lunga fastidiose.
     
  4. Se il caldo supera la soglia tollerabile
    Abbassare gradualmente la temperatura dell’aria condizionata: qualche grado in meno è senz’altro portatore di benessere, troppi producono il classico effetto “congelamento”. Un consiglio da applicare senz’altro anche quando a casa si decide di tenere il condizionatore acceso di notte.
     
  5. Quando non c’è nessuno
    Inutile lasciare il condizionatore al massimo quando si esce di casa o quando si va in pausa pranzo nel caso dell’ufficio, moderare l’effetto refrigerante del condizionatore: in tal modo, una volta tornati a casa o in ufficio, l’ambiente sarà piacevole e non una ghiacciaia.

 

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...