5 consigli per trasformare la vasca in doccia

Immagine di anteprima per: 5 consigli per trasformare la vasca in doccia

La sostituzione della vasca da bagno con una doccia è una delle opere domestiche più richieste. Molti appartamenti, soprattutto se non nuovissimi e da tempo non ristrutturati, sono infatti dotati di vasca da bagno ma non di doccia, ma quest’ultima è molto più adatta allo stile di vita moderno: richiede meno tempo per lavarsi e un minore consumo di acqua, con un occhio quindi alla salvaguardia di uno dei beni più preziosi del nostro pianeta.

Posto che per un lavoro di questo tipo è sempre meglio rivolgersi a un professionista del settore, evitando il fai da te e mettendo a confronto preventivi diversi per scegliere la soluzione più adatta, ecco cinque consigli da seguire se si vuole trasformare la propria vasca in doccia.

1. Conservare sempre le piastrelle del bagno in sovrappiù
A volte vengono eliminate per motivi di spazio ma non conviene farlo: passare dalla vasca alla doccia implica la necessità di ricoprire la parti scoperte e avere a disposizione le piastrelle necessarie permette di risparmiare tempo e denaro.

2. Se non si hanno a disposizione le piastrelle adatte, si possono utilizzare i pannelli in acrilico
Questi ultimi vengono installati sulle parti di muro rimaste scoperte dopo che la doccia è stata tolta e permettono di ottenere un risultato esteticamente gradevole.

3. La doccia a pavimento è un’ottima soluzione
Originale e pratica, si ottiene creando una lieve pendenza che permetta all’acqua di fluire verso lo scarico, e installando due porte in vetro per delimitare lo spazio della doccia.

4. Una soluzione economica: la tenda
Se si preferisce non affrontare i lavori necessari a sostituire la vasca con la doccia si può installare una tenda che chiuda la zona vasca. Questa soluzione permette anche di utilizzare sia la vasca sia la doccia nello stesso spazio, a seconda delle esigenze. Per fare ciò è ovviamente necessario installare un doccino che permetta di usufruire delle funzioni della doccia.

5. Quando è possibile usufruire di detrazioni fiscali
La circolare 3/E del 2 marzo 2016 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito questo punto, spiegando che la trasformazione della vasca in doccia rientra nella manutenzione ordinaria della casa e quindi non viene ammessa al beneficio delle detrazioni Irpef del 50%. Tuttavia, è possibile usufruirne se l’intervento rientra all’interno di lavori di rinnovamento del bagno più profondi, come cambiamenti strutturali o modifiche all’impianto idrico.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...