Guida completa al trasloco per studenti

Immagine di anteprima per: Guida completa al trasloco per studenti

Siete studenti fuori sede e siete in totale panico per il trasloco? Keep calm and self control!

In questo articolo vi darò tutti i suggerimenti utili su come organizzare un trasloco, svelandovi piccoli trucchi e consigli per portarti dietro tutto ciò di cui avete bisogno. Solitamente le case per studenti sono già arredate o parzialmente arredate, quindi non c’è bisogno di portarsi dietro anche mobili ed armadi eccessivamente pesanti. In questi casi è sufficiente organizzarsi per effettuare dei piccoli traslochi.

Se invece la vostra permanenza dovesse risultare molto lunga e starete lontani da casa molto tempo, oppure avete trovato una casa ad un prezzo molto vantaggioso ma senza mobilio, è opportuno organizzarsi per grandi traslochi. In questo caso è consigliabile rivolgersi ad una ditta di traslochi che saprà fornirvi le soluzioni migliori.

Naturalmente i prezzi dei traslochi dipendono da molti fattori, come la quantità di cose da portare, la distanza da percorre e l’ubicazione dell’abitazione. E’ comunque possibile effettuare dei traslochi a prezzi contenuti se ci si organizza per tempo e con un minimo di metodologia.

Possiamo passare alla guida completa al trasloco per studenti.

L’importanza degli scatoloni

chiusura scatoloni

Gli scatoloni per trasloco sono un ottimo mezzo per trasportare tutti i propri oggetti e le proprie cose da un posto all’altro. Per risparmiare potete procurarvi gli scatoloni per il trasloco richiedendoli a negozi come tabaccherie, profumerie, supermercati e centri commerciali. Farete loro un bel favore poiché spesso non sanno che farsene e non avranno problemi di smaltimento dandoli direttamente a voi.

Sono preferibili scatoloni non eccessivamente grandi, in modo che non siano troppo pesanti e facili da trasportare. Non ammassate tutta la roba sparsa insieme negli scatoloni, ma fate una sorta di mappa mentale.

Innanzitutto gli oggetti più pesanti vanno sotto, e sopra quelli più leggeri. Dividete poi i vari scatoloni per trasloco per settori: i libri in uno scatolone, le tazze ed i piatti in un altro, piccoli elettrodomestici in un altro e così via.

Procuratevi anche del pluriball, quel materiale con le bolle che amiamo far scoppiare. Sono utilissimi soprattutto per quei materiali fragili, come specchi, piattini, tazze ed altri oggetti di ceramica. Colmate poi gli spazi vuoti con fogli di giornale o stracci, in questo modo eviterete che gli oggetti fragili possano rompersi durante il trasloco.

Man mano che riempite gli scatoloni segnateli con un numero a pennarello, e riportare su un’agendina tutto il loro contenuto. Sarà un modo molto utile per conoscere il contenuto di ogni singola scatola e per non perdere nessun oggetto durante il trasloco.

Suggerimenti per vestiti, cibi e liquidi

Ora passiamo ai suggerimenti per sapere come organizzare un trasloco anche per i vestiti, i liquidi ed i cibi. Per ovvi motivi di igiene naturalmente vi sconsiglio di riporre vestiti, liquidi o cibi in uno scatolone.

Per quanto riguarda i vestiti la soluzione ideale è trasportarli all’interno di valigie, possibilmente non troppo grandi ed ingombranti. Anche in questo caso è consigliabile dividere le valigie per settori: vestiti, scarpe, jeans e pantaloni, camicie, biancheria, ecc. Se si tratta di piccoli traslochi e la quantità di vestiti non è eccessiva, potete piegarli accuratamente all’interno di sacchetti di plastica e solo dopo riporli in degli scatoloni.

Altrimenti una soluzione particolarmente innovativa e tecnologica è rappresentata dalle cosiddette valigie-armadio. Cosa sono? Come appunto indica il nome sono degli oggetti utilissimi che allo stesso tempo assolvono alla funzione di valigia durante il viaggio, e poi si trasformano in armadio una volta arrivati a destinazione. Le valigie-armadio sono dotate di ripiani e scompartimenti piegabili, una sorta di borsa di Mary Poppins dove mettere di tutto.

valigia armadio

Per quanto riguarda il trasporto di cibo si sa che per le mamme italiane è una mezza tragedia quando il figlio trasloca. Quindi con ogni probabilità vi caricherà di pasta, barattoli di sughi pronti, barattoli di cibi sott’olio, ecc. Per quanto riguarda i cibi sigillati o a lunga scadenza, potete utilizzare buste di plastica molto resistenti, magari sigillandole con lo scotch oppure con le mollette per il bucato evitando che possano rovesciarsi. Per quanto riguarda i cibi surgelati o cibi freschi vi consiglio di conservarli in borse frigo, cercando di consumarli nel minor tempo possibile.

I liquidi, come bottiglie, saponi, bagnoschiuma, profumi, ecc. se non sono ancora aperti potete riporli in degli scatoloni però sigillati accuratamente. Se invece sono aperti vi consiglio di portarli all’interno di un portabottiglie, in modo da non farli rovesciare durante il trasloco.

I mobili

Come già abbiamo accennato prima, se trovate una casa non arredata diventa necessario portarsi dietro anche i mobili da casa, poiché acquistarli “in loco” risulterebbe troppo dispendioso. Innanzitutto dovete valutare se sia il caso di smontare oppure no i mobili in base anche alla loro grandezza.

Se decidete di non smontarli, allora è opportuno fissare i cassetti con il nastro da pacchi o uno scotch resistente (quello marrone per intenderci), e portarli tutti interi.

Se invece pensate che sia meglio smontarli poiché sono troppi e particolarmente ingombranti, vi consiglio di fare innanzitutto una foto, in modo da ricordare esattamente la loro composizione. Dopodiché riponete in una bustina di plastica oppure in dei sacchetti freezer viti, chiodi e tutte le altre componenti, attaccandole con dello scotch alle parti più grandi. In questo modo sarà più facile ricordare l’esatta composizione del mobile quando dovete rimontarlo.

Sia che decidiate di smontarli oppure no, per questa tipologia di trasloco è consigliabile consultare una ditta di traslochi, che ha maggiore esperienza e sicuramente saprà utilizzare il metodo migliore per trasportare mobili, armadi e comodini.

Fotografare e ricostruire

Quando si trasloca in una città nuova la nostalgia per la propria casa è inevitabile, e certe abitudini e tradizioni sono dure a morire. Per gli studenti che si trasferiscono per studiare fuori sede soprattutto all’inizio sarà difficile abituarsi alla nuova vita, quindi un modo per superare la nostalgia di casa è quello di ricostruire la propria vecchia stanza, con tanto di poster, stickers e decorazioni.

Come fare? Innanzitutto fate qualche foto alla vostra stanza che state per abbandonare, in modo da risistemare tutto com’era prima. Potete riporre tutto il materiale negli scatoloni per trasloco, oppure in alternativa comprare stickers o altre decorazioni, se non costano troppo, e ricostruire nel nuovo ambiente la stanza esattamente come l’avete lasciata a casa.

Ditte internazionali

traslochi intenazionali

Se il vostro trasloco è all’estero, poiché andrete a studiare a Londra, a Parigi o in qualche altra città al di fuori dei confini nazionali, vi consiglio vivamente di contattare una ditta di traslochi internazionali. Il trasloco può avvenire in modalità diverse a seconda del posto in cui state per trasferirvi: con furgoncini, via mare o via aereo.

Una volta contattata la ditta di riferimento, vi saranno spiegate tutte le modalità possibili per effettuare il trasloco. In base ai prezzi del trasloco naturalmente sceglierete quello più conveniente per le vostre tasche e per le vostre esigenze.

Il consiglio è di portarvi lo stretto indispensabile, potete sempre acquistare sul posto le cose meno impellenti.

La nostra guida completa al trasloco per studenti finisce qui, vi auguro un buon viaggio ed una buona permanenza!

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...

Confronta preventivi nelle città più cercate

Milano
Roma
Torino
Firenze
Napoli
Bologna
Brescia
Bari