Quattro consigli per dormire bene anche d’estate

Immagine di anteprima per: Quattro consigli per dormire bene anche d’estate

Chi soffre d’insonnia lo sa: i mesi estivi non sono amici del buon riposo. Alle cause che da settembre a maggio rendono difficile l’addormentarsi si aggiunge il caldo, che spesso interrompe il sonno anche durante la notte, peggiorandone notevolmente la qualità e alterando il naturale ritmo sonno-veglia, con conseguenze negative su concentrazione, umore e forma fisica.

Per fortuna ci sono diverse cose che si possono fare per favorire una buona qualità del sonno anche quando le temperature si alzano, come è avvenuto in questi giorni in tutta Italia.

Ecco quattro consigli facili da seguire per predisporre la tua camera da letto a una bella dormita estiva:

1. Spalanca le finestre nelle ore più fresche



Nelle ore in cui la temperatura è più fresca (tardo pomeriggio e mattino presto) spalancare tutte le finestre per far circolare l’aria per abbassare di qualche grado la temperatura della casa e della camera da letto. Se si vive in una zona dove volano numerosi insetti, è meglio installare delle zanzariere, anche per evitare di venire svegliati dal fastidioso ronzio notturno e per il prurito delle loro punture.


2. Abbassa il livello di umidità degli ambienti 



Accendere il deumidificatore per qualche ora prima di andare a dormire. In un clima secco si dorme decisamente meglio che in un clima umido, che accoppiato al caldo è inoltre garanzia di risvegli sudati e decisamente poco piacevoli.

3. Usa il condizionatore in modo intelligente 



Se il clima è molto caldo, dopo aver fatto circolare l’aria si possono chiudere le finestre e accendere il condizionatore. In questo modo la temperatura della casa scenderà, favorendo un sonno migliore. Sconsigliabile, invece, dormire con il condizionatore acceso con il rischio di prendersi un raffreddore.

4. Gira il materasso dalla parte estiva 



Dimenticarsi di girare il materasso sul lato «estate» equivale a vestire un abito non adatto alla stagione, come il maglione d’estate e la t-shirt d’inverno. Il lato estivo è più rigido e «stacca» maggiormente il corpo dal tessuto, permettendo all’aria di circolare più di quanto non avvenga quando si utilizza il lato invernale.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...