Le energie rinnovabili protagoniste di Ecomondo 2018

Immagine di anteprima per: Le energie rinnovabili protagoniste di Ecomondo 2018

In corso di svolgimento in questi giorni alla Fiera di Rimini, la giornata conclusiva è prevista per venerdì 9, Ecomondo ospiterà quanto di più avanzato offrono aziende, tecnologie e saperi su economia circolare e sviluppo delle energie rinnovabili.
Al centro della rassegna, i settori eolico, del fotovoltaico e dello storage, stimolati da una prospettiva di produzione di energia solare che, secondo i dati attualmente a disposizione, in Italia dovrebbe triplicare di qui al 2030 sulla spinta dei nuovi obiettivi dell’Unione Europea, raggiungendo la quota del 48.8% di energie rinnovabili.

La manifestazione è quindi l’occasione per fare il punto sullo sviluppo tecnologico del settore del fotovoltaico, cruciale per la salute del pianeta e per l’economia dei vari paesi, e di conseguenza delle famiglie che li abitano.

All’interno di Ecomondo è infatti stata creata Key Solar, una nuova area espositiva dedicata alle tecnologie solari più innovative. «Le energie rinnovabili stanno vivendo un nuovo momento di spinta del mercato – spiega Alberto Pinori, presidente di Anie Rinnovabili (associazione delle imprese costruttrici di componenti e impianti per la produzione di energia pulita) – grazie alle detrazioni fiscali c’è fermento nell’installazione di fotovoltaico, principalmente nel residenziale, senza dimenticare il nuovo documento tecnico di riferimento emanato dal Gestore dei Servizi Energetici in relazione al revamping, ovvero alla possibilità di efficientare i vecchi impianti fotovoltaici ed eolici».

Fra le principali novità del settore, i risultati di alcuni studi sul fotovoltaico integrato, che puntano a ottenere un prodotto ancora più inserito nell’architettura della casa, come il progetto olandese Dutch Solar Design, condotto dal Centro di ricerca energetica dei Paesi Bassi e dagli architetti di UNStudio in collaborazione con gli ingegneri dell’Università di Scienze Applicate di Amsterdam, riguardante l’applicazione di un inchiostro durevole e colorato sopra un pannello con celle fotovoltaiche integrate a spirali metalliche, un’evoluzione del tradizionale modulo in silicio.

In Italia, invece, al Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università degli Studi di Firenze un gruppo di ricerca condotto da Anna Vinattieri e Francesco Biccari sta studiando le potenzialità del grafene al fine di migliorare la conversione fotovoltaica e rendere questa tecnologia ancora più conveniente dal punto di vista economico.

Lascia il tuo commento
Con Fazland puoi ricevere fino a 5 preventivi gratis
x
Potrebbero interessarti anche...

Confronta preventivi nelle città più cercate